EOLIE, IL RITORNO DI GIORGIO ARMANI

1560831515.2.JPGÈ finita la vacanza di Giorgio Armani a Pantelleria (TP). Lo stilista si concederà però qualche altro giorno di

vacanza in Sicilia e la sua barca farà rotta verso le Eolie. La parata dei vip a Pantelleria era stata inaugurata da

Fabio Capello. L’allenatore della nazionale inglese si è infatti concesso quasi un mese di vacanza prima di

ritornare da Gerard e compagni. A tenere banco sono stati anche il primo ballerino della Scala Roberto Bolle,

Isabella Ferrari e Luca Zingaretti.

Pubblicato in Vip

EOLIE, DA DOMANI SI CACCIA… MA LA LAV PROTESTA

1675085332.jpgDomani si apre la caccia per 51 mila cacciatori siciliani, dopo che “l’assessore regionale all’Agricoltura, Giovanni la Via – dice in una nota la Lav Sicilia -, ha sconsideratamente anticipato di 15 giorni la data di apertura della caccia. Secondo la legge statale, infatti, la stagione non può iniziare prima della terza domenica di settembre, data a tutela della fauna (molti animali, quelli sfuggiti alle fiamme o alla siccità, sono ancora intenti ad allevare i piccoli) e dell’incolumità dei turisti”.

“L’anticipazione – dice Ennio Bonfanti, responsabile fauna della Lav – è un atto irresponsabile: pur di accaparrarsi le simpatie elettorali di cacciatori e armieri, non si è esitato ad emanare un calendario venatorio che, strumentalizzando l’attività amministrativa della Regione, mira ad accontentare ogni richiesta del mondo venatorio più oltranzista”.

“Nei giorni scorsi – aggiunge Bonfanti – l’assessore aveva dichiarato che ‘il calendario venatorio rappresenta un buon compromesso perchè è la sintesi delle varie parti in causà; Altro che ‘buon compromessò! Il decreto – conclude Bonfanti – è un regalo alla lobby ‘calibro 12’ e una condanna a morte per centinaia di migliaia di animali”.

ANSPI, PRESENTATA LA PROPOSTA PER IL PIANO SANITARIO PER LE ISOLE MINORI

 

 1705966650.JPGdi Salvatore De Gregorio* 

 

 

Il particolare contesto orogeografico  della Regione Siciliana è costituito anche  dagli arcipelaghi delle Eolie (o Lipari), delle Egadi e delle Pelagie, nonché dalle isole di Ustica e Pantelleria, realtà che pongono peculiari problematiche sul piano assistenziale per le condizioni di marginalità cui sono relegate. L’assistenza sanitaria e l’erogazione dei servizi, a  garanzia dei Livelli Uniformi di Assistenza  nelle isole minori, continua a rappresentare il PUNTO CRITICO DEL NOSTRO SISTEMA SANITARIO .

Le isole, spesso molto distanti dalla terraferma, in talune realtà abitate da poche decine di persone e con situazione di collegamenti molto difficili, in particolare durante i mesi invernali, pongono tematiche così particolari che ogni realtà necessita di soluzioni diverse l’una dall’altra. Criticità: Assenza e/o inadeguata rilevazione dei bisogni (LEA); Strutture territoriali inadeguate; Strutture Ospedaliere carenti; Tecnologie e mezzi diagnostici insufficienti; Dotazione di Organico carente; Carenza di risorse professionali e specialistiche; Assegnazione di risorse insufficienti; Carenza di programmi  formativi e di ECM dedicati al superamento dello stato di isolamento professionale; Sistema dei trasporti mare terra aria non integrati. Interventi: Analisi dei bisogni per singole realtà (LEA); Classificazione delle isole; Elencazione dei LEA erogabili nelle Piccole Isole; Realizzazione di un sistema gestionale, organizzativo e di risorse economiche dedicate ( non AUSL.); Realizzazione di un modello di Presidio Ospedaliero d’Isola ( riferimento LEA Isole); Realizzazione di un modello di Presidio Sanitario per isole prive di Presidio Ospedaliero (riferimento LEA Isole); Definizione di un sistema di selezione e reclutamento del personale Sanitario, dirigenza medica ed area comparto, che preveda una adeguata esperienza professionale nella disciplina di appartenenza (es. aree chirurgiche: casistica operatoria in emergenze chirurgiche, personale UTAPEU* isole,  formazione in emergenza urgenza e ICT**); Definizione di programmi formativi e di aggiornamento professionale dedicati.   (superamento dello stato di isolamento professionale, in particole nelle aree delle emergenze urgenze).  Obiettivi: Adeguare  l’offerta dei servizi alle differenti realtà territoriali; Elencazione di LEA per le isole . Identificazione e Classificazione delle Isole:  Isola di tipo A;   Isola di tipo B; Isola di tipo C. Isola di tipo “ A”: Assenza di strutture Ospedaliere,  Meno di 300  Abitanti; Elevate difficoltà nei collegamenti; Medio afflusso turistico; *( Unità Territoriali di Assistenza Primaria ed Emergenza Urgenza)

**( Innovation Communication Technology “Telemedicina”). Analisi dei bisogni, Servizi: Emergenza urgenza, Medicina Generale, Continuità Assistenziale, A.D.I., Prevenzione ( vaccinazioni ). Infrastrutture: Rete di collegamenti telematici * ( TELECONSULTO –  TELECARDIOLOGIA-  P.O.C.T. – TELEFORMAZIONE ),  Attrezzature adeguate, Mezzi di trasporto adeguati all’emergenza **, Dotazione organico:  Medico emergenza urgenza, Medico MG, Infermiere. Isola di tipo“ B “: Popolazione media : 1000 →3000  Abitanti,  Assenza di struttura Ospedaliera, Collegamenti mediamente sufficienti, Elevato afflusso turistico rispetto la popolazione residente; Analisi dei bisogni. Servizi:  Emergenza urgenza, Medicina Generale,  Continuità Assistenziale, A.D.I., Prevenzione ( vaccinazioni ), Assistenza materno-infantile (equipe itinerante). Infrastrutture:Rete di collegamenti telematici * ( TELECONSULTO –  TELECARDIOLOGIA-  P.O.C.T. – TELEFORMAZIONE ), Attrezzature adeguate,  Mezzi di trasporto adeguati all’emergenza **

 

Dotazione organico:  Medico emergenza urgenza, Medico MG, Infermiere, *(arcipelago Eoliano, progetto “Eolienet” collaudato e funzionante), ** (arcipelago Eoliano, otto  elipiste abilitate al volo notturno). Modello proposto: UTAPEU Unità 1751889984.JPGTerritoriali di Assistenza Primaria ed Emergenza Urgenza: Le Unità Territoriali di Assistenza Primaria ed Emergenza Urgenza devono prevedere la presenza di personale Medico ed Infermieristico adeguatamente formato che operino in una sede unica attrezzata, garantendo un  livello di integrazione tra P.O.,  medicina di base,  emergenze urgenze e ADI, nelle isole definite ad elevato stato di disagio (D.P.R. 341del 28-09-1990). Obiettivi delle UTAPEU: Garantire l’assistenza nelle  Emergenze urgenze, Garantire la continuità delle cure (dimissioni protette, terapia domiciliare, ADI, punto prelievi).Garantire l’assistenza domiciliare, Realizzare un processo organizzativo, integrato, Ospedale – Territorio, Utilizzare gli strumenti della telemedicina nelle località disagiate e nelle isole minori per la gestione del paziente e delle emergenze urgenze. Organico: Medici – Infermieri, adeguatamente formati. Fonti Legislative di riferimento: D.P.R. 341 DEL 28-09-1990, LE ISOLE VENGONO DICHIARATE ZONE DISAGIATISSIME,  PIANO SANITARIO NAZIONALE   2003 – 2005, ELENCAZIONE PROGETTI OBIETTIVI PUNTO “G – 7”, SI RACCOMANDA DI PRESTARE PARTICOLARE ATTENZIONE  AI TERRITORI DISAGIATI DELLE ISOLE MINORI.  LA RECENTE ELENCAZIONE , DA PARTE DEL MINISTERO DELLA SALUTE, DEI L.E.A. CON I “ DISTINGUO”

SUCCESSIVAMENTE INDIVIDUATI PER LE ISOLE MINORI, OFFRE LA POSSIBILITA ’ DI CREARE MODELLI DI STRUTTURE E DI SERVIZI COSTRUITI SU SPECIFICHE ESIGENZE, SUPERANDO ALCUNE RIGIDITA’ ORGANIZZATIVE E NORMATIVE. Isola di tiopo C: Presenza di struttura Ospedaliera  ( Lipari   – Pantelleria). Modello proposto, Unità Operative indispensabili:  Terapia intensiva e rianimazione ( commisurata alle necessità), Chirurgia Generale, Ortopedia,  Medicina Generale  con annessa sezione di cardiologia, Ostetricia e Ginecologia con annessa sala operatoria dedicata. ( sala travaglio, sala parto e sala operatoria no possono essere ubicate  in luoghi diversi e distanti ), Pediatria con nido, Dialisi, Lungodegenza. Organizzazione delle U.O. : le  Unità Operative presenti nei presidi Ospedalieri Isolani debbono prevedere la presenza dei dirigenti Medici di secondo livello. Tutte le U.O. debbono possedere una propria dotazione organica (area della dirigenza – area del comparto) , tale da rendere autonoma la gestione e l’organizzazione dei servizi previsti. Servizi Ospedalieri: Patologia Clinica con Modulo Immuno trasfusionale, Radiologia, Tradizionale, TAC ,  RM,  Ecografia, Anestesia e  rianimazione, Camera Iperbarica, Pronto Soccorso, Sala Operatoria di chirurgia generale e pronto soccorso, Sala operatoria ostetricia – ginecologia. Organizzazione generale del sistema Sanità Piccole Isole: Realizzazione  dei distretti Sanitari delle isole Siciliane: Eolie,  Egadi, Pelagie, Ustica – Pantelleria. Realizzazione di un ufficio di Direzione Generale dei Distretti Sanitari delle Isole preso l’Assessorato Regionale alla Sanità , con funzioni di controllo organizzativo, gestionale ed economico del sistema sanitario delle isole. Realizzazione di una elencazione specifica dei LEA. Aspetti contrattuali: Contratti Collettivi di Lavoro  specifici, che tengano debitamente conto dello stato di disagio lavorativo e professionale (relazioni Sindacali  “progetto Sanità Piccole Isole”).  Inquadramento del personale Sanitario di zone disagiatissime. Aspetti professionali: Realizzazione di percorsi formativi dedicati, ECM  specifica.

 

*Responsabile ANSPI Regione Siciliana

 

JUDO, SI RIPARTE

1441643633.JPGdi Antonio Leone

Dopo la pausa estiva riprende l’attività di Judo dello Sporting Club
Judo Lipari;
Dopo la ” maratona di judo ” di giugno con lo stage e il
Torneo Città di Lipari, si è conclusa la stagione sportiva 2007/2008.
Si riparte con la “preparazione”   atleti delle classi  Agonisti il 3
settembre per continuare poi dal primo ottobre con i corsi di tutti i
gruppi sia di judo  che ginnastica bambini.
Per informazioni e/o e iscrizioni ai corsi di judo e ginnastica già dal 3 settembre chi vorrà
potrà rivolgersi direttamente alla segreteria della palestra dalle
19,30 alle 20,30 e dal primo ottobre dalle 17:30 alle 19:30.
Gli atleti classe Ragazzi, Esordienti A, Esordienti B, Cadetti e Juniores avranno
la possibilità di partecipare ad un Campus organizzato dal Comitato
regionale Sicilia, settore Judo, che si terrà dal 12 a 14 settembre 
Zafferana Etnea, in collegiale regionale. Grande opportunità per loro
che non dovrebbero tralasciare in quanto un ” collegiale ” è sempre
un’occasione in più di confronto. 
Il 20  e 21 settembre si terrà a Lipari  il corso aggiornamento obbligatorio riservato a tutti gli
insegnanti  tecnici di judo della regione, al corso per parteciperanno
oltre al Maestro Gaetano Bisazza, Adalgisa Ferlazzo e Calogero Di
Grado.
Il calendario delle gare del secondo semestre è già stato
diffuso e già da inizio ottobre gli atleti dello Sporting Club Judo
Lipari saranno impegnati in competizioni.

SATIRA&PIZZINI

1823930396.jpgDue automobilisti fermi a Pignataro
sono infuriati perchè hanno saputo
che per il parcheggio saranno disegnate
le striscie blù a pagamento, ma con versamento annuale.
Con l’occasione sarà finalmente sostituito
il cartello caduta massi
con il nuovo cartello …risalita massi…!!!!