L’Album dei Ricordi

di Gaetano Agrip

agripsquadra.jpgUna vecchia squadra delle ex glorie calcistiche eoliane. Il piccolo juventino sono Io.

Eolie&tesi di laurea

vvitale.jpgdi Valeria Vitale

L’importanza della relazione tra testo e lettore emerge notevolmente trattando il testo-isola, infatti la caratterizzazione generale di un’isola è data in primo luogo dal rapporto individuale dell’uomo con quest’ultima, che ad un livello collettivo si traduce nella condivisa attribuzione ad essa di una specifica connotazione da parte della comunità di riferimento. D’altronde si è già osservato come le isole siano molto spesso soggette ad una sorta di ‘personificazione’ o siano comunque classificate e interpretate in base alla loro immagine, all’impressione che suscitano, al modo in cui l’uomo riesce a relazionarsi ad esse dando vita a quel rapporto fondamentale tra testo e lettore messo in luce poco fa. L’arcipelago delle isole Eolie, essendo composto da sette isole, si rivela forse più adatto di altri a tali ‘interpretazioni personificate’.

Esso ne racchiude in effetti tutte le accezioni: Isole come rifugio, come reclusione, come utopia, come fuga, come mistero, come uscita dalla realtà, come viaggio dentro se stessi, come viaggio nel passato, come incontro con l’altro e come incontro con se stessi, isole come lotta per la sopravvivenza, luoghi di amore e di terrore verso la forza della natura, isole come isolamento, riposo, ritorno ad uno stato selvaggio, alternativa alla società, luogo della fantasia, paradiso terrestre, impossibilità a crescere. Fascino e pace assoluta[2]si integra però inevitabilmente con un altro ambito spaziale: quello dell’esistenza, esposto alle contingenze delle più svariate situazioni, dunque spazio dello scontro irrevocabile tra il testo paesaggistico e il lettore che porta a compimento la sua interpretazione effettiva del testo proprio a partire dall’intersezione di queste due convenzionali relazioni spaziali. Tali modalità di rapporto tra uomo e spazio conducono il profilo dell’individualità in quest’ultimo, che invece sul piano comunitario può avvalersi di un rapporto spaziale differente e temporalmente successivo ai due già evidenziati: quello ‘abitudinario’ e prevedibile di una realtà esperita precedentemente attraverso la fusione dei primi due immediati rapporti, ma che in ogni caso non può essere data per scontata, essendo sempre e comunque sottoposta a punti di vista esterni, portatori di innovazione e perciò di altre modalità di ricezione ed interpretazione del testo che essa rappresenta. Le isole, come tutte le altre realtà testuali paesaggistiche e non, vengono quindi inquadrate in linea generale tramite questa tipologia spaziale resa attendibile e condivisibile dalla ‘sedimentazione’ collettiva delle altre due tipologie di relazione individuali.

a>F. Longo, Il mare di pietra, op. cit., p.93. a>S. Cavicchioli, op. cit., p.194. L’autrice afferma infatti che: “Lo spazio è un processo che tende verso la regolarità: è il comportamento del feeling, dell’esistenza, o della realtà. Lo spazio del feeling è qualitativo, lo spazio del possibile e dell’immaginazione; lo spazio dell’esistenza è spazio della discontinuità, dello scontro e dell’irreversibile; lo spazio della realtà è lo spazio del già accaduto: lo spazio dell’abitudine”. Abitudine da intendersi qui, insomma, come la conoscenza di ciò che è la realtà proprio attraverso l’esperienza fornita all’uomo dalle prime due relazioni spaziali. Si vedranno progressivamente le connotazioni testuali condivise di ciascuna delle isole Eolie: si metteranno in risalto così le loro differenze, le loro similitudini, le loro irriducibili peculiarità nonché le relazioni intercorrenti tra queste ‘sette sorelle’. Si parte da quello che è il loro angolo occidentale nonché il più lontano dalla terraferma, di conseguenza dall’isola meno abitata di quest’arcipelago: Alicudi. Dal momento stesso dell’attracco si comprende quanto l’isola di Alicudi sia particolare: essa infatti «Non ha insenature, per questo è difficile attraccare, per questo motivo si rimane facilmente bloccati»[1]. Si tratta di un’isola in cui approdare risulta un’impresa a dir poco ardua: Non essendoci ad Alicudi né porto, né baie, né rade, non c’era modo per approdare, salvo che con una piccola scialuppa: faccenda resa abbastanza difficile dalla violenza con la quale il mare si infrangeva sugli scogli, che del resto, levigati, scivolosi come ghiaccio, non offrivano nessuna sicurezza al piede che si azzardava a balzarci sopra. Nessuna strada porta alla vetta o costeggia le sue rive: alcune cavità solcate dalle acque piovane sono gli unici passaggi che si offrono ai piedi tormentati dai sassi aguzzi e dalle asperità della lava. Su tutta l’isola nemmeno un albero, né un po’ di vegetazione per riposare gli occhi.[2]A. Dumas, Viaggio nelle Eolie, Messina, Pungitopo Editrice, 2007, pp.7-8.

F. Longo, op. cit., p.118. Ivi, p.119. Ivi, p.83. Ivi, p.121. A. Dumas, op. cit., p.8. F. Longo, op. cit. p.58. Ivi, p.82.

Lipari, “Carni” e antiche tradizioni

bottega.jpgLipari – Nuova gestione a “La Bottega della Carne” con la riscoperta delle antiche tradizioni. Allevatore di vitelli.jpgmaiali.jpgpecore.jpgQuattropani con l’esclusiva carne di campagna. Genuinità&Sapori con il gusto del pascolo. La famiglia Casella crasto.JPGVi aspetta alla Bottega della Carne dove l’eccellenza è in tutti i prodotti nostrani. Spedizioni anche nelle isole. Tel. 090.9811323.

Da Lugano in linea Cesare Giuffrè

cgiuffre.jpgdi Cesare Giuffrè

Salina in vetrina: ardua impresa quanto traslare la commedia divina in riassunto di prosa italiana. La nostalgia del salinalugano.JPGmare lontano m’ha spinto fino alla fredda Lugano. E proprio là sono rimasto estasiato. Dall’arduo lavoro così ben eseguito. Benché il compito fosse tanto difficoltoso.
Il risultato raggiunto era ai miei occhi meraviglioso. Come quando viaggiavo per mare a raggiunger Salina. M’è parso di sentir la brezza marina. E lascia nel cuore un dolce rimpianto. Il ricordo passato d’un pomeriggio d’incanto.

Lipari, per la Ludica ko casalingo

Ludica 0 Mediterranea 2

Ludica: Billè, Formica, Restuccia, Currò, Fiorenza, Leonardi (dal 46′ Giunta R.), Lo Nardo (dal 57′ Mazzeo), Giunta A., Licari, Sturniolo (dal 20′ Caruso), Manfrè.

Mediterranea Nizza: Panarello, Manganaro, Ciccolo, Gregorio, Ciotto, Briguglio C., Repici (dal 65′ Briguglio S.), Lisci, Principato (dal 38′ Ulad), Leopardi, Bitto (dal 57′ Foti).

Arbitro: Bertè di Spadafora.

Reti: al 5′ Briguglio Carmelo e al 15′ Leopardi.

mazzeofrancesco.JPGLipari – Brutta sconfitta casalinga per la Ludica. E’ stata battuta in casa dal Mediterranea Nizza. La squadra ospite alla fine ha meritato il successo perchè ha approfittato della “giornata no” degli eoliani. Gli ionici sono passati subito in vantaggio al 5′ grazie ad una papera del portiere Billè che si è fatto sorprendere da un tiro innocuo. Si aspettava la reazione della Lusica e invece al 15′ hanno raddoppiato con Leopardi con un colpo di testa su corner. La Ludica alla fine del primo è andata vicino alla marcatura, ma il tiro di Licari si è stampato sulla traversa. Nella ripresa due conclusioni di Licari e Giunta A., ma il portiere Panarello è stato bravo a neutralizzare. 

Eolie&sole e bagni in mare. Il video

cannetospiaggiabagnanti.JPGLipari – Le due facce dell’Italia. Al nord è già inverno, al sud fino a ieri turisti sulla spiaggia. E’ accaduto a Canneto, grazie a una bella giornata di sole, quasi primaverile. E c’è stato anche chi ha fatto il bagno in mare… Il video.

http://www.bartolinoleone-eolie.it/img_0021.mov
http://www.bartolinoleone-eolie.it/img_0021.mov

 

 

VIDEO INTERVISTA con Gianfranco Zanna e Umberto Spigo

webtv.jpg

Le interviste con Gianfranco Zanna, responsabile di Legambiente regionale per i beni culturali e con Umberto Spigo, dirigente del parco archeologico Eolie-Milazzo-Tindari e Patti.

http://www.bartolinoleone-eolie.it/zanna3110.wmv

http://www.bartolinoleone-eolie.it/zanna3110.wmv 

 

http://www.bartolinoleone-eolie.it/spigo3110.wmv

http://www.bartolinoleone-eolie.it/spigo3110.wmv 

Lipari, al museo incontro su “I vecchi e i nuovi vandali delle Eolie”. Tra poco le interviste a Gianfranco Zanna e Umberto Spigo

gzanna.JPGLipari – Nell’ambito della nona edizione di “Salvalarte Sicilia 2010”, una manifestazione itinerante organizzata da Legambiente Sicilia e uspigo.JPGarticolata in diverse tappe nei siti più significativi ed espressivi del patrimonio culturale e ambientale regionale, stamane si è tenuto un incontro a Lipari, presso i locali del Museo Archeologico Regionale “L. Bernabò Brea”, dal titolo “I vecchi e i nuovi vandali delle Eolie”. Nel corso del dibattito, aperto alla partecipazione della cittadinanza, sono stati affrontati temi come il megaporto, lo stato dell’arte del Sito Unesco Isole Eolie, l’istituzione di aree protette e altri argomenti, per fare il punto sulle prospettive future e sulla situazione attuale dei beni ambientali, culturali e paesaggistici dell’Arcipelago Eoliano. Tra poco potrete seguire le interviste con Gianfranco Zanna, responsabile di Legambiente regionale per i beni culturali e con Umberto Spigo, dirigente del parco archeologico Eolie-Milazzo-Tindari e Patti.

Lipari, bilancio&emendamenti

fmegnapiccola.jpgEgr. direttore,

ho avuto modo di leggere nelle pagine del Suo notiziario l’intervento del Consigliere Biviano, a proposito degli emendamenti al Bilancio di Previsione. Non le nascondo che le numerose VOLONTARIE INESATTEZZE contenute nell’intervento del collega hanno suscitato in me un senso di profonda ilarità e la forte tentazione di non replicare ulteriormente, al fine di non annoiare il lettore con discussioni fondate su personalismi di basso lignaggio, che perdono certamente di vista i gravi problemi che investono la nostra comunità!  Mi limiterò tuttavia, per l’ultima volta e soltanto per amor di verità, a ribadire alcuni concetti, cercando di non entrare in tecnicismi che probabilmente sfuggono (o vogliono deliberatamente sfuggire) alla comprensione del brillante collega. Ripeto e ribadisco che la quasi totalità delle associazioni individuate negli emendamenti dai gruppi di minoranza NON POTEVA BENEFICIARE DI ALCUNA RISORSA PER IL CORRENTE ANNO!  Ad eccezione delle associazioni Giovani Eoliani, Nesos, Snoopy Club, Piccolo Borgo Antico, Ass. Anziani Pianoconte e Ludica Lipari che BENEFICERANNO, a discrezione dell’Amministrazione Comunale, DEI 7.000 EURO che il Consiglio ha loro riservato (€ 5.000 emendamento Megna Fonti + € 2.000 già stanziati in bilancio), tutte le altre associazioni inserite negli emendamenti dei gruppi di minoranza (Canneto, Filicudi, Stromboli, Vulcano, associazioni di danza, boxe, basket etc..) non avrebbero in nessun caso potuto percepire contributi per l’anno in corso. Il consigliere Biviano inoltre sa benissimo (o almeno dovrebbe sapere) che ogni modifica regolamentare può avere efficacia “ex nunc” cioè dalla data di entrata in vigore del provvedimento, ma non può mai avere efficacia “ex tunc” cioè retroattiva, al fine anche di salvaguardare il “diritto acquisito” dalle Associazioni che hanno presentato l’istanza di contributo nei termini e secondo le modalità previste dalla legge.

Tra l’altro il Consiglio Comunale che avrebbe dovuto deliberare le modifiche del Regolamento auspicate da Biviano è stato disertato con estrema “COERENZA” dallo stesso, lo scorso Giovedì, unitamente a tutti i colleghi dell’opposizione ad eccezione del consigliere Paino.  Si predica bene, ma talvolta si razzola malissimo! Il Consigliere Biviano, chissà mai perché, ha poi omesso di ricordare che proprio lo scrivente durante la seduta consiliare ha concretamente suggerito all’Amministrazione come ed in quali capitoli attingere le risorse per fornire il meritato ristoro alle numerose associazioni locali rimaste escluse dai contributi, senza trincerarsi dietro proposte demagogiche e talvolta persino improponibili come talune presentate dal collega Biviano.  Ho chiesto, e fatto inserire a verbale, che venisse utilizzato per l’anno in corso una parte del FONDO DI RISERVA DEL SINDACO (circa € 50.000) dal quale era possibile attingere per manifestazioni, iniziative, servizi da espletare entro il corrente anno. Vedremo se l’amministrazione recepirà l’indirizzo o resterà sorda alla richiesta effettuata! Per quanto riguarda l’intervento relativo ai SERVIZI PER L’URBANISTICA, desidero ricordare al consigliere Biviano che la DISPONIBILITA’ EFFETTIVA entro il quale non si sarebbero intaccate poste per servizi essenziali era di circa € 40.000 e non € 80.000 come erroneamente riferito dal collega.

NON ESSENDO PARTE DELLA MAGGIORANZA, al pari del collega Biviano, ignoravo a quali specifici interventi fossero destinate le risorse per il turismo e per l’urbanistica. Per tale ragione ho ripetutamente proposto di emendare l’intervento relativo all’urbanistica, per un importo massimo di € 40.000, da destinare alle SCUOLE E ALLE SISTEMAZIONE DELLE STRADE E DEI SENTIERI EOLIANI, così come l’intervento per il turismo, cercando di evitare che si depauperasse il capitolo, al fine di rendere giuridicamente e tecnicamente sostenibili le richieste avanzate. Dispiace che il collega Biviano, nel frattempo assentatosi dall’aula per motivi non noti, non abbia potuto apprendere, come avvenuto per lo scrivente, quali fossero le intenzioni e gli interventi urgenti, iscritti a verbale nella seduta, programmati dall’Amministrazione in tema di promozione turistica, lotta all’abusivismo e controllo del territorio. Invito Biviano a farsi raccontare quali iniziative intende attuare l’amministrazione, a leggersi il verbale della seduta ed a chiedere eventualmente conto all’Amministrazione, com’è intenzione dello scrivente, in caso di ipotizzabile futura inadempienza!  Ricordo inoltre al Consigliere Biviano che il Bilancio di Previsione 2010, in considerazione della sua tardiva approvazione imputabile esclusivamente all’Amministrazione Comunale, risulta svuotato di ogni contenuto programmatorio. La Giunta si appresta infatti, proprio in questi giorni, ad approvare la proposta di Salvaguardia degli equilibri di Bilancio, per la cui mancata approvazione il Comune risulta già diffidato, ed il Bilancio di Assestamento.

Considerati i tempi tecnici, entro il mese di Novembre le proposte giungeranno in Consiglio e saremo chiamati in quella sede a verificare se l’Amministrazione avrà onorato gli impegni assunti e se le somme destinate a spese voluttuarie e servizi non essenziali, risulteranno ancora disponibili o saranno state assorbite da interventi urgenti, non previsti, nè prevedibili. Sarà quella l’occasione per programmare interventi, effettuare proposte concrete, verificare se ed in quale misura l’Amministrazione avrà conseguito gli obiettivi che si era preposta, in sede di Bilancio di Previsione.  Un ultimo accenno, mi sia consentito, per quanto riguarda il sostegno alle spese per trasporti marittimi destinate agli STUDENTI UNIVERSITARI. Ribadisco la posizione assunta nella mia precedente nota: ritengo necessario e di fondamentale importanza che il Comune si faccia carico, come avviene per gli studenti delle scuola secondaria, delle ingenti spese (o almeno di parte di esse) che i giovani universitari sostengono, non soltanto per i trasporti marittimi, ma anche per i mezzi terrestri, per le spese di alloggio e di vitto, per i libri di testo etc…  Ribadisco che, a tal fine, occorre preliminarmente che venga redatto un apposito Regolamento che possa premiare e sostenere prioritariamente e concretamente gli studenti più meritevoli e maggiormente bisognosi, attenendosi a parametri oggettivi quali il reddito (attraverso l’indicatore ISEE), il merito (in modo da premiare il profitto), la situazione familiare, l’età etc.. Il Consigliere Biviano sa benissimo che la potestà Regolamentare attiene al Consiglio Comunale. Piuttosto che attendere improbabili iniziative del Dirigente o dell’Assessore competente, se veramente vuole perseguire il risultato auspicato, PASSI DALLA PROTESTA (oltremodo legittima e sovente anche condivisibile) ALLA PROPOSTA!

Si adoperi il collega Biviano a redigere un documento, una ipotesi concreta di Regolamento da sottoporre all’approvazione del Consiglio Comunale. Offro sin d’ora l’incondizionata e più completa disponibilità a collaborarlo nell’elaborazione e nella stesura definitiva del testo da sottoporre al vaglio del civico consesso. Soltanto allora potremo dire, a ragion veduta e con piena consapevolezza, di aver fatto tutto il possibile per permettere un sostegno serio, concreto e certamente necessario ai nostri giovani studenti universitari. Concludo senza entrare nel merito della polemica gratuita innescata dal Consigliere Biviano a proposito del cd. “SOSTEGNO ALTERNATO” e della (IN)COERENZA che certamente il collega farebbe meglio ad attribuirsi, in qualità di appartenente ad un partito politico, il Partito Democratico,  oggi al governo della Regione Siciliana nonostante la netta sconfitta elettorale, strenuo sostenitore ed alleato fedele del governatore Lombardo, ma fino a ieri acerrimo avversario politico, sovente apostrofato come corrotto e mafioso. Complimenti per la lezione di coerenza!!! Mi auguro tuttavia che il Consigliere Biviano continui a veicolare le sue molteplici qualità ed il suo impegno politico all’interesse generale del paese, evidenziando con sempre maggiore passione le innumerevoli problematiche irrisolte che affliggono la nostra comunità e proponendo risoluzioni concrete, piuttosto che scadere in sterili polemiche con incomprensibili accenti personalistici, all’indirizzo di colleghi consiglieri, che certamente non giovano al paese e lasciano drammaticamente insolute le questioni principali che gravano sulla nostra comunità.

Francesco Megna, vice presidente del consiglio comunale (Il Faro)

Lipari, un giovane arrestato per detenzione di droga ai fini di spaccio

FVILLARI.JPGLipari – I carabinieri al comando del luogotenete Francesco Villari hanno arrestato un ventenne incensurato poiché deteneva oltre 100 grammi di “hashish”. Ancora un proficuo servizio per il contrasto al locale mercato degli stupefacenti quello effettuato dai militari dell’arma della  stazione di Lipari, che hanno arrestato Marco Tesoriero, nato Milano che è stato trovato in possesso diella sostanza stupefacente, pronta per essere posta in vendita. In particolare, ieri pomeriggio intorno alle 15.00, una pattuglia dei cc, nel corso di un mirato servizio di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, ha notato il giovane che, nei pressi del pontile degli aliscafi di “Sottomonastero”, si comportava in maniera sospetta. Immediatamente, dopo essersi avvicinati, lo sottoponevano a perquisizione personale che consentiva di rinvenire all’interno dello zainetto del giovane, avvolto in un cellophane, un panetto di grammi 101 circa di sostanza stupefacente del tipo “hashish” che veniva sottoposta a sequestro. La sostanza stupefacente sequestrata, opportunamente repertata, sarà inviata presso il Ris carabinieri di Messina per le analisi qualitative e quantitative. Dopo l’arresto con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, il giovane è stato tradotto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione di Panarea.