Da Bowral (Australia) in linea John Taranto

 

di John Taranto

email.jpgPeter Tesoriero mi ha raccomandato di scriverti e anche Maria Cincotta Salvi. Nel mese di ottobre saremo a Roma, probabilmente attorno al 10 o 12 . Abbiamo prenotato un tour della Sicilia, che parte da Siracusa il 22 ottobre. Poi saremo a Salina, poi di nuovo a Siracusa per iniziare il tour. Molte persone mi hanno dato dei suggerimenti sul modo migliore di viaggiare. Aeroporti Sicilia: Palermo o Catania? E il modo migliore per viaggiare a Salina. Sono preoccupato per il clima in questo periodo dell’anno, la cancellazione dei traghetti, rimanere bloccati sull’isola e non essere in grado di arrivare a Siracusa per iniziare il tour. Ho anche inviato una mail a un Bed and Breakfast a Rinella, città natale di mio padre, ma non ho ricevuto una risposta. chiedo solo se potete consigliare un posto in cui soggiornare per tre notti. Spero che questo non sia troppo, Molte grazie.

Caro John, le “tue Eolie” ti aspettano. Ottimo periodo ottobre per qualche giorno di vacanza nella “tua Salina”. Clima mite (anche se ormai sembra che le stagioni siano saltate…) e Salina insieme a Lipari e Vulcano è ben collegata da aliscafi e traghetti, anche se ogni tanto qualche mezzo fa le “bizze”. Per il resto, tranquillo che anche a Rinella si può scegliere un ottimo posto dove dormire e soprattutto gustare le specialità marinare. Un caro saluto dal Sole libero delle Eolie.(bl) 

banner_notiziario.gif

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

ansa.jpgIl pianista Monty Alexander, prima di esibirsi stasera all’acropoli di Lipari, e’ stato nominato dal sindaco, Mariano Bruno, ”ambasciatore delle Isole Eolie nel mondo”.
”Sono felice di essere qui – ha detto il musicista giamaicano – Trovo l’isola bellissima e mi sembra giusto che le Eolie siano state dichiarate patrimonio dell’umanita’.

D’Alia, “attacco” a Russo e Lombardo

gdaliapiccola.jpg“La politica dell’assessore alla Sanità Massimo Russo deve essere credibile altrimenti l’Udc prenderà in considerazione l’ipotesi di votare la censura al suo operato”. Lo ha detto il capogruppo dell’Udc al Senato e coordinatore siciliano del partito Gianpiero D’Alia, nel corso del suo intervento di chiusura alla “Summer School” 2011 dei Giovani di Centro a Selinunte. Il senatore centrista ricordando che “la manovra economica di Tremonti taglia alla Regione siciliana oltre 2 miliardi e mezzo di euro”, ha concentrato la sua attenzione sul comparto della sanità, non mancando di sottolineare alcune criticità anche all’interno della maggioranza che attualmente governa a Palermo. “Noi abbiamo votato la riforma della sanità pubblica –  ha aggiunto D’Alia – e ora aspettiamo la riforma di quella privata. La politica dell’assessore Russo sarà credibile quando revocherà i manager inefficienti, ci assicurerà che i concorsi dei primari saranno banditi seguendo criteri di oggettività e quando ci garantirà che gli stessi non utilizzeranno il loro potere discrezionale nella scelta dei primari. Per noi sono tre punti qualificanti, altrimenti voteremo la censura a Russo”. Fondamentale, per D’Alia, per assicurare una navigazione tranquilla al governo della Regione, anche “l’abolizione delle province che per noi è un punto fondamentale: se i tagli lineari devono essere selettivi a Roma, tali devono restare anche in Sicilia perché dentro la Regione vivono ancora troppi parassiti e si tollerano ancora troppi sprechi”.    Quanto al dibattito sul governo politico della stessa Regione, D’Alia lo ha definito come “stucchevole, perché quello attuale è già un governo politico e definirlo tecnico é soltanto una grande ipocrisia”.

Turismo&luglio, che crisi…

eolie.jpgLuglio si chiude con un bilancio negativo per i gestori degli stabilimenti balneari: due milioni di presenze in meno sulle spiagge della penisola. Rispetto all’anno passato si sono registrati cali in quasi tutte le regioni.

Soltanto la Sicilia e la Sardegna riescono a contenere le perdite. In Liguria si è registrato meno 25% di presenze sulle spiagge e nei consumi rispetto allo stesso periodo del 2010. A fotografare l’andamento della stagione è il Sib (Sindacato italiano balneari), che sul suo sito web pubblica i risultati di una indagine non ancora definitiva. “La causa principale – spiega Riccardo Borgo, Presidente del Sib che associa circa 10.000 imprese e aderisce alla Fipe-Confcommercio – è da individuare nelle avverse condizioni atmosferiche: le piogge e le temperature quasi autunnali hanno sconsigliato i turisti a venire in spiaggia. Diverse mareggiate, poi, hanno amplificato il fenomeno erosivo su lunghi tratti di litorale con il risultato che molti stabilimenti balneari, oltre ad aver subito danni alle attrezzature, sono stati costretti a diminuire il numero degli ombrelloni a disposizione dei clienti ma, soprattutto, a modificare i servizi offerti in funzione del ridotto spazio utilizzabile”.

Continua insomma il fenomeno per cui nei week-end spesso si registra il tutto esaurito, ma nei giorni feriali le presenze sono, purtroppo, ridotte al minimo. “Sfortunatamente contro i ‘capricci’ di madre natura possiamo fare poco – continua Borgo – anche se la politica degli imprenditori da anni è rivolta a riqualificare e migliorare le proprie strutture con una grande attenzione alla qualità e alla difesa dell’ambiente, senza la sabbia non possiamo fare miracoli”.

Borgo ritiene “assolutamente necessario” avviare un monitoraggio dettagliato su tutti i circa 8.000 chilometri di costa della Penisola individuando quei tratti di litorale su cui intervenire al più presto con opere di ripascimento e/o di consolidamento. “Confidiamo che ad agosto sia possibile invertire questa tendenza, anche in considerazione del fatto che questo continua a essere il mese preferito dagli italiani per le vacanze – conclude Borgo – non ci illudiamo, però, di poter ‘raddrizzarè una stagione turistica 2011 cominciata davvero male”.