Lipari&Carnevale

nbianchi.jpgdi Nando Bianchi

Non riesco ancora a capire da quale ” geniale” testa possa partire l’iniziativa di carri allegorici in piena estate.
In inverno si era parlato di questa iniziativa, ma pensavo fosse solo un modo per riempire le lunghe giornate invernali.
Forse si è pensato che non abbiamo fatto ridere a sufficienza in questa stagione?????????????.
Possibile che la realtà organizzativa eoliana abbia questa espressione.

Lipari, “un ticket da 5 euro per i “turisti mordi e fuggi”. Intervista a Giacomo Biviano

leonebiviano.jpg

Lipari – “Per fare cassa occorre istituire un ticket di 5 euro da far pagare ai “turisti mordi e fuggi” che giornalmente con i vaporetti provenienti dalla Sicilia e dalla Calabria “assalgono” le isole Eolie”. Lo ha sostenuto il dottor Giacomo Biviano, consigliere comunale Pd. L’intervista
http://www.bartolinoleone-eolie.it/biviani31082011.wmv

http://www.bartolinoleone-eolie.it/biviani31082011.wmv

Lipari, “Ecco perchè abbiamo bocciato l’addizionale Irpef…”. Intervista al consigliere Gianfranco Guarino

leoneguar.jpg

Lipari – “Ecco perchè abbiamo bocciato l’addizionale Irpef…” Intervista al consigliere comunale Gianfranco Guarino, Futuro e Libertà.
http://www.bartolinoleone-eolie.it/guarino31082011.wmv

http://www.bartolinoleone-eolie.it/guarino31082011.wmv

Lipari, il consiglio comunale è nelle “mani” del centro sinistra. “Bocciata” l’addizionale Irpef. Si puntava a incassare 180 mila euro il primo anno e 360 mila il secondo anno. Tra poco le interviste a Gianfranco Guarino e Giacomo Biviano

presidenza8.JPGLipari – Il consiglio comunale è nella “mani” della minoranza. Oggi minoranza6.JPGmaggioranza. Il centro sinistra cosi’ “spadroneggia”. Il sindaco Mariano Bruno propone e il consiglio boccia. E’ accaduto anche per l’addizionale Irpef. Si puntava a incassare 180 mila euro per il primo anno (0,2%) e 360 mila euro per il secondo anno (0,4%), ma 9 consiglieri del centro sinistra e anche la neo consigliera Rosy Mollica e Gianfranco Guarino (Futuro e Libertà) hanno votato contro. Favorevole solo Felicino maggioranza6.JPGMirabito, Pdl. Gesuele Fonti, Il Faro invece ha abbandonato l’aula. Anche questa riunione è stata caratterizzata da una serie di “attacchi” alla giunta Bruno.

Bartolo Lauria, Udc: “Ma perchè non si fanno pagare gli oneri di urbanizzazione per i nuovi alberghi e resindece? E anche la tassa dei riifuti? Invece di mettere nuove tasse il sindaco e gli assessori potrebbero riidursi gli stipendi e risparmiare sui viaggi…”.

Gesuele Fonti; Il Faro: “Vorrei sapere che cosa mi rappresentano tutte queste posizioni organizzative tra i dipendenti del Comune. Ogni posizione costa 10-11 mila euro l’anno? Quando si vuole i quattrini si trovano…”.

E cosi’ tutti gli altri: Guarino, Pietro Lo Cascio, Sel. In difesa il solo (in tutti i sensi visto che era l’unico della maggioranza presente in aula, tanto che ha anche dovuto presidere la riunione) Felicino Mirabito, Pdl. 

In consiglio nel pomeriggio è giunta la notizia del decesso di Vincenzino D’Auria, papà dell’assessore Massimo e la seduta è stata sospesa per cinque minuti. Al rientro è stato osservato un minuto di raccoglimento.

In consiglio, su proposta di Lo Cascio, è stata anche approvata una “censura” nei confronti del sindaco Bruno e dell’assessore ai trasporti Corrado Giannò per non aver “bacchettato” le società di navigazione per “le inadempienze contrattuali”. Oggi ultumo giorno utile anche per approvare il bilancio di previsione. Ma neppure è stato presentato in aula. Da Palermo in arrivo un altro commissario ad acta. Tra poco le interviste ai consiglieri Guarino e Giacomo Biviano, Pd.   

Vulcano, è deceduto Vincenzino D’Auria

Vulcano – E’ deceduto Vincenzino D’Auria.

Era stato uno dei primi pionieri turistici di Vulcano. Aveva scelto l’isola da “grande”, abbandonando Lipari. Ha fatto di tutto per crescere e sfondare. Distribuiva i giornali, smistava i bagagli, vendeva oggettistica fino all’apertura del famoso ristorante costruito due volte perchè un incendio distrusse il primo. Ancora oggi riecheggiano per i liparoti i suoi inviti gentili quando gli passavi davanti: ” vieni, pigghiati cacchi cosa “. Adesso don Vincenzino è sopra la Sua Vulcano per ammirare il cratere dall’alto e mischiare il fumo con quello della sua profumata cucina.

Ai familiari e in particolare al figlio Massimo le nostre condoglianze.

Regione, “scialapopolo”. Anzi, i soliti noti… Lombardo, “non dormiremo piu’ in alberghi da 500 euro a notte”

alombardo8prega.jpgNon solo non funziona come dovrebbe ma secondo il sindacato autonomo Cobas-Codir l’ufficio di Bruxelles della Regione siciliana costa alle casse pubbliche oltre un milione di euro l’anno di soli stipendi e indennità per il personale distaccato e per di più sarebbero stati assunti consulenti a chiamata diretta sulla base di favoritismi, legami politici e non per meriti.

In base ai calcoli, dipendenti e consulenti costano alla Regione circa 3 mila euro al giorno, cifra alla quale vanno aggiunte le voci variabili relative ai rimborsi per le missioni e alle spese di gestione (luce, acqua, telefono) dell’appartamento di 600 metri quadri acquistato due anni fa per 2,5 milioni di euro, più un altro mezzo milione di euro sborsato per l’arredamento dell’open-office, al quarto piano di un palazzo di sette, dove ci sono anche gli uffici degli alcolisti anonimi e la sede dell’Ilga, the international lesbian and gay association.

Solo il giornalista distaccato in quell’ufficio, che si occupa di redigere una newsletter di cui sono stati realizzati tre numeri zero, secondo i calcoli del sindacato costa oltre 14 mila euro al mese più le spese forfettarie, quasi quanto lo stipendio del presidente della Regione siciliana (16.650 euro netti).

“Nessuno spreco. Non ci sono stati aumenti nelle spese per la sede della Regione siciliana a Bruxelles. – replica il governatore siciliano Raffaele Lombardo – Chi afferma il contrario lo fa in malafede o è colpevolmente disinformato. Con quello che avremmo speso per cinque anni di locazione, abbiamo comprato la sede, ora di proprietà della Regione”.

La denuncia del Cobas-Codir, che rappresenta la maggioranza degli oltre 18 mila dipendenti regionali, prende spunto dalla lotta agli sprechi dichiarata dal presidente che nei giorni scorsi ha annunciato di volere pubblicare sul web le segnalazioni dei cittadini. Nell’ufficio di Bruxelles, alle dipendenze della Presidenza della Regione dopo una breve parentesi come Dipartimento, lavorano 16 persone: un dirigente, sei dipendenti regionali distaccati, un giornalista, sette consulenti nominati dalla Presidenza della Regione e un consulente indicato dall’assessorato all’Economia.

Al milione l’anno per stipendi e indennità vanno aggiunti i rimborsi per le missioni, voce variabile che fa lievitare i conti di altre centinaia di migliaia di euro. Il sindacato segnala anche presunti favoritismi nell’assunzione dei consulenti, il cui stipendio è intorno ai 2mila euro al mese. L’ultimo caso è quello di Giordana Campo, figlia di Gesualdo, direttore generale del dipartimento Beni culturali della Regione: la donna, 27 anni, è stata assunta per chiamata diretta, come consentito dalla legge regionale 2 del 2002, e ha firmato il contratto all’inizio dell’anno.

Secca la replica di Lombardo sul punto: “Giudico vergognoso l’attacco alla dottoressa Giordana Campo. – dice – È falso che sia stata assunta senza concorso. È semplicemente uno dei pochissimi apporti esterni di cui ci avvaliamo con contratto a tempo determinato e procedura di selezione, così come previsto dalla legge, per la sede di Bruxelles”.

A dirigere l’ufficio è Maria Cristina Stimolo, ex moglie del presidente dell’Antimafia regionale Lillo Speziale (Pd), mentre tra i consulenti figurano, oltre a Campo, Pier Francesco Virlinzi dell’omonima famiglia imprenditoriale di Catania, Loredana Basile figli dell’ex deputato regionale (Udc), Francesca Parlagreco, figlia dell’ex componente dell’ufficio stampa della Presidenza della Regione, Salvatore Lupo ex consigliere comunale nel Nisseno, vicino all’eurodeputato Rosario Crocetta. Un decreto dello scorso 5 agosto prevede la riduzione da 6 a 4 delle unità di personale regionale distaccato all’ufficio di Bruxelles.Click here to find out more!

LA REPLICA DI LOMBARDO: Il governatore della Sicilia, Raffaele Lombardo, annuncia una stretta sulle missioni che poi vengono rimborsate dalla Regione e che riguarderà assessori, dirigenti, giornalisti, consulenti e personale dipendente. “Non vedo perché bisogna andare a dormire in hotel da 500 euro a notte, quando è possibile alloggiare in strutture alberghiere da 80 euro”, ha detto Lombardo rispondendo ai giornalisti, a margine di un incontro a Palazzo d’Orleans, sulle polemiche per i costi dell’ufficio della Regione siciliana a Bruxelles, dove lavorano 16 persone, con costi di oltre un milione di euro.

Isole minori, “no alla tassa di soggiorno, si alla tassa di sbarco”

cdelbonopiccola.jpgSupporteremo ed affiancheremo l’ANCIM (Associazione Nazionale Comuni Isole Minori) nell’adozione della tassa di sbarco in luogo di quella di soggiorno”. Questa la dichiarazione di Ermando Mennella, Presidente di Federalberghi Isole Minori di Italia, dopo un rapido confronto con i colleghi presidenti delle altre isole italiane. La tassa di soggiorno è invece l’evidente prodotto di un Federalismo fiscale monco e mal applicato che ha indotto i sindaci delle località turistiche di mezza Italia a credere che potesse diventare la panacea dei vari mali di bilancio causati dai tagli ai trasferimenti statali e regionali. Di fatto, si tratta di un provvedimento iniquo che colpisce solo una parte dell’industria turistica. Quella che, in un mondo prevalentemente sommerso, non sfugge a nessuna delle già pesanti tassazioni e ne rappresenta il fiore all’occhiello: l’ospitalità italiana alberghiera ed extralberghiera di qualità.

“La proposta, a suo tempo lanciata dall’ANCIM – dichiara Christian Del Bono, presidente isole minori della Sicilia – può diventare uno strumento attraverso il quale porre rimedio ai dissesti di bilancio ma anche e soprattutto pianificare lo sviluppo sostenibile delle isole minori italiane: tesori del nostro patrimonio nazionale ma a costante rischio di spopolamento ed impoverimento sociale”.  

“Una tassa – rincara Sergio Gargiulo, presidente di ADAC Federalberghi Capri – che favorisce il turismo mordi e fuggi”. Si lascia di fatto libero arbitrio agli enti locali che, in base a lobby e pressioni politiche di vario genere, possono spaziare in lungo e in largo sulla misura e le modalità di applicazione della tassa. Il risultato è sotto gli occhi di tutti: guerre nei gruppi di maggioranza, nelle giunte, nei consigli comunali, tra i vari portatori d’interesse ma soprattutto grosse difficoltà con i tour operator, soprattutto stranieri, ed un’ulteriore perdita di competitività sulla scena internazionale, dove già ci ritroviamo con competitors favoriti da IVA, tasse e costo del lavoro decisamente inferiori.

“ Siamo pienamente d’accordo sull’istituzione della tassa di sbarco in luogo di quella di soggiorno che penalizza solo i clienti degli alberghi, concorda Francesco Silvestri, rappresentante della delegazione della Federalberghi di Ponza”.

“ L’iniqua tassa di soggiorno grava ancora, sempre e solo sulle aziende alberghiere, senza tenere conto che il sommerso e la seconda casa ne sono esenti; la più equa tassa di sbarco eviterebbe inoltre la pericolosissima guerra tra comuni confinanti in cui si applica (i più poveri!) e quelli in cui non viene adottata, afferma Massimo Emilio De Ferrari, presidente dell’Associazione Albergatori Elbana”.

In sintesi, l’adozione della tassa di sbarco in luogo di quella di soggiorno da vincolo può diventare opportunità di pianificazione dello sviluppo turistico per località svantaggiate e remote quali le isole minori italiane: insularità, ridotta accessibilità, costi di gestione più elevati, maggiore “fragilità” sociale, ambientale ed economica.

Da Santa Marina Salina in linea Linda Sidoti

lsidoti.jpgdi Linda Sidoti*

L’Associazione Messinese Amatori Veicoli Storici e il Comune di Santa Marina Salina presentano Mostra di vetture d’epoca 03 e 04 Settembre 2011 Ore 17.00 – 19.00 Piazza S.Marina Sfilata delle vetture d’epoca in via Risorgimento 03 settembre 2011 Ore 19.00.

Museo Archeologico e Museo Etno-antropologico: Orari di apertura: Fino al 13 settembre 2011 tutti i giorni escluso il lunedi dalle ore 10.00 alle 13.00. In occasione del Salinadocfest  (Dal 20 al 25 settembre 2011)  dalle ore 10.00 alle 13.00.

*Assessore Comune di Santa Marina Salina

Vulcano, inaugurato il presidio della “Croce Rossa”

vulcanocrocerossa.JPGVulcano – Inaugurata alla presenza delle autorità civili e militari, e della cittadinanza, la sede della Croce Rossa Italiana – Comitato Provinciale Messina – Gruppo V.d.S. Vulcano. Perla C.R.I. Regionale presente il Commissario Regionale Saverio Ciriminna il quale, non ha voluto mancare all’inaugurazione ribadendo l’importanza della presenza della C.R.I. sulle isole quale componente importante per la sicurezza dei cittadini. Presenti anche il Rappresentante del Comitato Provinciale Messina Dott.ssa Francesca Stagno D’alcontres ed il Commissario Regionale V.d.S. Dott. Grazia Costa le quali hanno ribadito l’importanza dei neo formati Gruppi isolani che, tra non poche difficoltà, garantiranno ai cittadini eoliani un importante servizio. Importante anche l’intervento del rappresentante dell’A.S.P. Dott. Spina che ha sottolineato come l’avere accolto nell’ambito dei locali A.S.P. di Vulcano anche la sede della C.R.I. sia segno di grande collaborazione tra le due istituzioni.

Particolarmente significativo l’intervento del Sindaco Dott. Mariano Bruno, il quale nel saluto ai rappresentanti C.R.I., A.S.P., ai rappresentanti di altri Gruppi C.R.I., ed alle istituzioni militari (Forestale, Carabinieri, Polizia Municipale), ha sottolineato come grazie all’operato di tutte le componenti su indicate l’isola di Vulcano risultati essere un territorio sicuro. Il Sindaco inoltre ha ringraziato l’operato degli Istruttori C.R.I. poiché grazie ai loro insegnamenti, al già presente gruppo di Lipari, si uniranno i Gruppi di Vulcano, Filicudi, Panarea e Stromboli, per un totale di circa 130 V.d.S. Croce Rossa presenti sul territorio del Comune di Lipari. Intenso e commovente, inoltre, il momento in cui il Sindaco, alla presenza di tutti i familiari, ha ricordato la figura di Bartolo Quadara, un “vulcanaro” che dell’attività di volontariato in campo sanitario ne aveva fatto quasi una ragione di vita e che, con l’apposizione di una targa all’ingresso della sede, il Gruppo V.d.S. CRI di Vulcano, ha voluto ricordare e ringraziare. Dopo la benedizione di rito operata dal Parroco locale Don Lio Raffaele s’è proceduto al taglio del nastro e quindi all’inaugurazione ufficiale della sede, il tutto seguito da un momento conviviale.

Croce Rossa Italiana Gruppo V.d.S. Vulcano

Lipari, al castello e al museo ascensore e pedana motorizzata “fuori uso” e un turista disabile denuncia. L’intervista al dottor Aldo Maria Arrigoni

leone3108.jpg

Lipari – Castello e museo “vietati” per un turista disabile. L’ascensore costato oltre un milione di euro aarrigoni.JPGincredibilmente da anni è ancora “fuori uso”. Anche alcuni padiglioni del museo sono inaccessibili. Da anni è stata installata la pedana motorizzata (ben visbile e ancora impacchettata), costata “fior di quattrini” e non funziona. Roba – insomma – da “Striscia la Notizia”. Il dottor Aldo Maria Arrigoni, direttore della Fondazione “Notari” (Istituto internazionale per gli studi politici economici sociali per la cultura e la formazione professionale) non ha potuto chiamare il “Gabibbo” e si è rivolto a “Il Notiziario delle Eolie online”. E ha manifestato tutta la sua rabbia per non aver potuto visitare il museo archeologioco con tutta la sua storia millennaria (stamane mortificata!!!) e anche per lo spreco di denaro pubblico. L’intervista.   
http://www.bartolinoleone-eolie.it/arrigoni31082011.wmv

http://www.bartolinoleone-eolie.it/arrigoni31082011.wmv