Lipari&Comune. Totò, e io pago…

toto1.jpgLipari – Con determina del dirigente Stefano Blasco sono stati liquidati euro sblascopiccola1.jpg329.661,22 alla ditta Di Vincenzo s.p.a. per il quantitativo di acqua prodotta dall’impianto di dissalazione di Lipari.

Liquidati 17.352,17 alla ditta Sopes srl per il quantitativo di acqua prodotta dall’impianto di dissalazione di Lipari.

Liquidati e. 1.258,40 all’ing. Davide Ferlazzo di Vulcano per incarico di verifiche statiche impianto di pretrattamento comunale sito in via Falcone e Borsellino.

Lipari – Con determina del dirigente Stefano Blasco sono stati liquidati euro 385,93 ad Annalisa Cincotta di LIpari per rimborso spese di giudizio sentenza esecutiva del giudice di pace di Lipari (atto di precetto). Il contenzioso riguardava un verbale della polizia di municipale. In pratica, il giudice ha accolto il ricorso dell’isolana e ha condannato il Comune che dovrà anche pagare le spese di 183 euro, di cui 33 per spese e 150 per onorario dell’avvocato Roberto Rizzo di Messina.

Rassegna Stampa

asia.pngNella odierna puntata “In Diretta” su Rai 1, si scopre che il primo inchino fu inaugurato nel 1956 dal comandante Liberi che passò fra Stromboli e Strombolicchio con l’orchestra sul ponte di comando della motonave Asia della Lloyd Triestino, creando un diversivo spettacolare per i passeggeri.

Lipari, 140 appartamenti in cambio di due caserme dei cc

sleonepiccola1.jpgdi Salvatore Leone

Leggo con piacere le note di Luca Chiofalo, con il quale ho avuto la possibilità di uno scambio di battute sul tema “due in cambio di140”, incontrandolo stamane sul Corso principale di Lipari.

Dello stesso avviso mi sembra essere anche il consigliere Pietro Lo Cascio, leggendo il suo articolo pubblicato su “Il Notiziario”.

Devo riconoscere l’abilità del legale rapp.te della Società che ha in mente di realizzare gli appartamenti, per aver offerto al Comune di Lipari – in luogo degli oneri di urbanizzazione – la realizzazione delle Caserme dei Carabinieri, e non altro.

Cosa si nasconde dietro tale operazione edilizia, che si trascina da oltre un anno al Consiglio Comunale, che, oltre a paralizzarne l’attività, ha anche reso monotona la lettura dell’ordine del giorno?

Da una letterale interpretazione della normativa urbanistica – e dietro una piccola esperienza maturata nelle aule dei Tribunali – ricordo con piacere una mia battuta avanti al Consiglio di Giustizia Amministrativa, laddove facevo notare che le norme urbanistiche non devono essere interpretate ma applicate.

Tale frase ha colpito il relatore, che mi ha dato ragione.

Alla luce di ciò non riesco a comprendere il motivo per cui tale Società, invece di offrire le Caserme (mere opere di urbanizzazione secondaria), non provveda al pagamento degli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria.

Non mi spiego dunque il motivo per cui la realizzazione di tale progetto venga sempre trascinata in Consiglio: o perché appare interessante la realizzazione dei 140 appartamenti, ovvero perché lo è maggiormente la realizzazione delle due Caserme dei Carabinieri.

Mi chiedo: se per la realizzazione dei 140 appartamenti si fosse resa necessaria la corresponsione degli oneri di urbanizzazione, l’iter sarebbe stato lo stesso?

Per carità, non voglio dire che le Caserme non siano necessarie; è solo l’iter ad essere sbagliato.

Ma questa Società, che ha “partorito” tale idea: …Di dov’è? …Chi sono i soci? …A chi appartengono i fortunati terreni agricoli che da tale realizzazione cambiano il loro indice da inedificabili ad edificabili, con evidente grande vantaggio monetario ed esentasse?

Avviata tale interpretazione, in futuro, la nuova Amministrazione potrebbe anche lanciare l’idea di stendere un bando del seguente tenore: per realizzare delle Caserme si offre la possibilità di edificare alloggi, in luogo degli oneri di urbanizzazione. Chi offrirà più caserme con la minore edificazione di appartamenti si aggiudicherà la gara. Povere Eolie.

Eolie, richiesto decreto al ministero delle infrastrutture per vietare lo “sbarco selvaggio” di auto e moto

lipariportoautoesodo.jpgLipari – Il sindaco del maggior Comune delle Eolie Mariano Bruno ha richiesto al ministero delle infrastrutture l’emanazione del decreto in vista della prossima stagione estiva per evitare lo “sbarco selvaggio” di auto e moto da parte dei turisti.

Dal 1′ maggio al 31 Ottobre 2012  il divieto riguarderà le isole di Panarea e Stromboli; dal 1′ luglio al 31 Ottobre l’isola di Alicudi. Dal 1′ luglio al 30 Settembre non si potrà sbarcare nelle isole di Lipari e Vulcano e dal 1′ luglio al 30 Settembre nell’isola di Filicudi.

A Lipari, Vulcano e Filicudi i turisti potranno sbarcare alle Eolie con auto e moto se dimostreranno alle agenzie di Napoli e Milazzo di rimanere nelle isole per almeno una settimana, ma dovranno esibire la prenotazione in alberghi o in case vacanze. Le sanzioni sono pesanti: vanno da 357 a 1.433 euro.

Eolie&giovani

sroussakpiccola.jpgdi Svetlana Roussak*
 
Un sincero augurio a tutti i giovani Eoliani in occasione della Festa dei Giovani!
Oggi si festeggia la vostra allegria, creatività, entusiasmo, idealismo, spensieratezza e altruismo – attributi bellissimi della vostra giovane età.
 
Festeggiate nel ricordo degli insegnamenti di San Giovanni Bosco e fate capire a tutti che non siete un problema da risolvere ma una risorsa da valorizzare e utilizzare.
Festeggiate e non fermatevi solamente perché qualcuno sostiene che non ci sono spazzi e opportunità per voi. Cercate di essere più propositivi che critici, fate conoscere a tutti le vostre idee, progetti, la vostra non indifferenza a tutto ciò che vi succede attorno. Mettetevi in gioco, come quei giovani ragazzi danesi, che dimostrano, che avere 26 anni basta per dirigere il Ministero del Fisco, e a 28 anni si può benissimo svolgere l’incarico di Ministro della Sanità.
 
Festeggiate e dimostrate che nei vostri sogni non ci sono solamente un futuro da velina e una macchina regalata dai genitori, ma il desiderio di vivere in un mondo migliore che potete cominciare a costruire già da adesso, inserendovi nelle attività come salvaguardia dell’ambiente, attenzione verso gli anziani, scambi interculturali tra i giovani e tant’altro.
Provate a diventare già da oggi i protagonisti del domani.
 
*Assessore alle Politiche Giovanili Comune di Lipari