Eolie&Archeologia

dstarvaggi1.jpgdi Davide Starvaggi

In merito ai nuovi trand di turismo archeologico, sia Pro Loco Isole Eolie Lipari che FSC Group Service hanno avviato in partnership con il Parco Archeologico, una rete di collaborazioni volte a far decollare un sistema denominato Archoetermetravel che la stessa Pro Loco ha presentato alla Borsa del Turismo Archeologico di Paestum nel 2011, con una conferenza dedicata al quale ha partecipato anche il MIBAC. Aggiungo inoltre che la Pro Loco ha realizzato una guida turistica archeologica/culturale denominata la Reggia di Eolo che potrà essere messa a disposizione della giovane laureanda che attraverso “Il Notiziario” ha richiesto informazioni.

Strage di Ustica. Fu un missile

 

Povera Italia.jpgCRONACA – Dopo 32 anni di sospetti, verità negate e depistaggi , oggi la Corte di Cassazione ha stabilito che a far esplodere il 27 giugno 1980 il Dc9 Itavia è stato un missile e non un ordigno nascosto a bordo. Per questo motivo ha imposto allo Stato italiano di risarcire i familiari delle vittime, visto che i radar civili e militari non sono stati in grado di garantire la sicurezza nei cieli

di Romolo Sticchi

Forse il muro di gomma sta cominciando a crollare. Quel muro che da sempre ha coperto la verità sulla strage di Ustica, sulla causa della morte di 81 persone, tra cui 11 bambini, che il 27 giugno del 1980 erano a bordo del dc9 Itavia in viaggio tra Bologna e Palermo. L’aereo scomparve mentre sorvolava il tratto di mare tra Ustica e Ponza.
Dopo 32 anni di sospetti, verità negate e depistaggi , oggi la Corte di Cassazione ha stabilito che a far esplodere l’aereo è stato un missile e non un ordigno nascosto a bordo. Per questo motivo l’Alta Corte ha imposto allo Stato italiano di risarcire i familiari delle vittime, visto che i radar civili e militari non sono stati in grado di garantire la sicurezza nei cieli. 
In questi anni gli insabbiamenti sono stati tanti, tante le prove cancellate, tante le scuse al limite della credibilità, come le pagine strappate nel registro radar di Marsala, la mancanza di documentazione del centro radar di Licola. Ancorata nel porto di Napoli, quella notte, c’era pure la portaerei americana Saratoga. In una prima versione fu detto che tutti i radar di bordo erano spenti per manutenzione, poi gli americani ammisero che uno era acceso ed aveva verificato un’intensa attività aerea nella zona, ma purtroppo, come spesso accade in questa storia, i tracciati radar erano andati persi. Quello che è certo è che in quelle ore erano in corso esercitazioni militari internazionali in zona, pare che ci fosse anche un’intensa attività di caccia libici che sorvolavano lo spazio aereo italiano.

Di Giovanni Giardina

 

  Mi sarei aspettato una reazione, un commento  da parte dei cittadini e invece  nulla!

                           Ulteriori  tasse in arrivo ??

Gentile Direttore , non sono ne un magistrato, ne un legale , ne conosco  la sentenza , ne sarei in grado di capirla, voglio solo commentare la notizia degli ultimi giorni apparsa sugli organi di  stampa e sulle tv in merito alla sentenza della Corte di Cassazione,che lo Stato Italiano è stato condannato a risarcire le vittime per la strage di Ustica.

Ora mi chiedo quale Stato ? Lo Stato non siamo forse tutti noi ? Da allora sono trascorsi già 32 anni, ricordo che ancora avevo tutti  i capelli e tutti i denti, non mi voglio ripetere, basta leggere l’articolo sopra. Se fino ad ora non sono stati capaci di fare emergere, verità, responsabilità, come mai oggi viene condannato lo Stato Italiano ? Oggi condannando genericamente lo Stato, hanno condannato ancora una volta tutti i cittadini italiani . colpevoli solo di avere avuto sempre  personaggi indegni a rappresentarli. 1) Leone, Presidente della Repubblica, 2) Cossiga , all’epoca Presidente del Consiglio, 2) Ministro della difesa,

3) Ministro dei Trasporti 4) Capo di Stato Maggiore dell’aereonautica, tutti responsabili che dovevano e devono garantire la nostra incolumità e sicurezza e che invece, per anni hanno depistato e sottaciuto la verità .

Come mai non sono state prese in considerazione le dichiarazioni di Cossiga prima di morire?

I periti hanno impiegato 32 anni per scoprire che era stato un missile ? Se è stato accertato che è stato un missile , chi l’ha lanciato? Noi cittadini ? Se responsabilità sono emerse,non saranno certamente da attribuire a noi ,ma ai veri responsabili, pagati profumatamente dagli onesti cittadini . Sono felice per il risarcimento , verso le vittime che hanno subito il lutto e il dolore, che non si cancellerà mai , neanche con tutto l’oro del mondo, però in Italia ,quando avviene qualsiasi  disastro,a cominciare da quello economico dello Stato, a quello dei  Comuni ,Province, Regioni, Industrie, Banche, Aziende, Ospedali, ecc…ecc..i veri colpevoli non si trovano e non pagano mai, perchè è davvero  il caso di ricordare  la buon’anima di mio zio Tanu, che  mi diceva sempre:

In Italia, “ Tutti i vuoti chi scappa u scitruolu, ci vasci sempri ‘nculu all’urtulanu! ”  

 

Da Stromboli in linea Aimèe Carmoz

acarmoz1.jpgdi Aimèe Carmoz

E’ evidente che la vera ricchezza delle Eolie è la loro natura vulcanica particolare abbastanza straordinaria. Per questo sono state dichiarate Patrimonio dell’Umanità. E’ evidente per molta gente nel mondo, ma no per chi deve occuparsi della programmazione turistica, purtroppo. Un progetto di “Parco dei Vulcani” ideato da una precedente amministrazione comunale, si è arenato chissà perché e dove. Mentre era questa l’idea giusta. In grado di drenare turisti di un certo rilievo, soprattutto scientifico e universitario, in tutte le stagioni.
Si è preferito la facilità (o faciloneria?) di un turismo di spiaggia e spettacolini, dove certo non stiamo a primeggiare in Italia. il tutto condito di prezzi che si sforzano di dare al tutto un lustro a quattro stelle.
Tutto si può ancora fare. Passano gli uomini, le montagne per ora rimangono….