Isole minori di Sicilia, l’Ars garantisce i finanziamenti per i trasporti marittimi

NODDO.jpg“In questa finanziaria regionale, seppure tra tante difficoltà, siamo riusciti ad ottenere due importanti risultati per la provincia di Trapani: la copertura economica per assicurare regolarità ai collegamenti marittimi con le isole minori e la spalmatura delle tassazione sulle estrazioni nelle cave, ridotta già per il 2013. Queste due misure sono anche il frutto dell’impegno della rappresentanza parlamentare trapanese all’Ars e dell’attenzione forte al territorio del governo di Rosario Crocetta”. Lo afferma Nino Oddo, deputato questore e parlamentare del gruppo Megafono-lista Crocetta.

LA NOTA PRECEDENTE. Con il fiato sospeso anche per i collegamenti con le isole minori che, però, sono stati “salvati” «Se il Governo, accogliendo nella sostanza un emendamento, di cui sono stato primo firmatario, sottoscritto anche dai deputati Gucciardi, Palmeri, Rinaldi, Ruggirello, D´Asero, Ciaccio e Trizzino, non avesse riformulato l´articolo 50 della Finanziaria, da novembre i cittadini delle Isole minori avrebbero potuto raggiungere la terraferma a nuoto. Non posso che essere soddisfatto, come tutti i miei colleghi, per l´esito del confronto con il Governo e per il risultato raggiunto, che consentirà, con un´adeguata copertura finanziaria, l´indizione delle nuove gare per l´approvvigionamento delle isole minori tramite navi ro – ro passeggeri e per i collegamenti con unità veloci».

Lo afferma il deputato regionale Girolamo Fazio, anch’egli impegnato da ieri nella seduta – fiume dell´Assemblea Regionale Siciliana che discute di bilancio e legge di stabilità.
«A seguito del nostro pressing, il Governo è tornato sui suoi passi, riscrivendo il testo dell´articolo riguardante i trasporti per le Isole minori, assicurando così la mobilità di cittadini che già pagano pesantemente il prezzo della distanza dalla terraferma – ha detto Fazio -. Le modalità con cui si è giunti a questo risultato confermano ancora una volta la mia valutazione sulla necessità di collaborare, al di là degli schieramenti politici, quando si trattano temi che interessano e tutelano la collettività».

LA NOTA PRECEDENTE. di Massimo Lo Schiavo* All’Ars approvata copertura totale dei collegamenti marittimi per le isole minori.

*Sindaco del Comune di Santa Marina Salina

Lipari, per le ragazze del Cutimare partita da dimenticare

cmeligunisquadra.JPGNetta sconfitta a Santa Teresa di Riva per le ragazze dell’Hotel Cutimare che hanno perso clamorosamente per 3 set a 0 contro l’Ads Furci Volley.  Una domenica “nera” per le atlete eoliane che hanno perso il primo set 25 a 15; il secondo iniziato con un netto vantaggio di ben 10 punti non è stato chiuso con la giusta concentrazione e di conseguenza le padrone di casa, punto su punto, hanno rimontando chiudendo 25 a 21; il terzo set inizia con i tifosi che dagli spalti, continuavano maggiormente ad utilizzare trombe e tamburi interferendo con il normale svolgimento della gara; (da regolamento tale utilizzo è permesso solo nelle interruzioni di gioco e non durante le azioni). 

Nonostante il clima si sia un po’ surriscaldato, le eoliane, non sono riuscite a tirar fuori l’orgoglio e la determinazione per capovolgere il risultato e tentare almeno di vincere qualche set; il terzo set infatti si è chiuso per 25 a 16.
Amarezza per mister Biviano che purtroppo avrebbe dovuto cambiare tutto il sestetto di base; fortunatamente però il quarto posto non è stato intaccato. 
Domenica prossima è prevista l’ultima partita di campionato, in quanto il 12 si osserva il turno di riposo; appuntamento come sempre al Nicola Biviano alle ore 15:00 contro il Volley Acireale terzo in classifica.

Lipari, Comune&progetto di internazionalizzazione dei beni culturali delle isole minori siciliane. Interrogazione al sindaco

acasillipiccola.jpgdi Antonio Casilli*

Il sottoscritto, Consigliere Comunale e per l’espletamento delle proprie funzioni, in merito al progetto indicato in oggetto con la presente Le chiede di conoscere: Lo stato dei lavori alla data odierna, atteso che la gara è stata aggiudicata nell’anno 2008,inizio nell’anno 2012; Le motivazioni, se risulta a vero, per le quali non è stato possibile partecipare alle tre fiere del turismo previste in progetto;Se è previsto il recupero di tali opportunità, necessarie ed indispensabili per l’economia di queste isole, oggi quanto mai soffocate dalla crisi; Se si è tenuta, e se è conclusa, l’animazione territoriale  e quali stakeholders locali sono stati  coinvolti; Se sussiste il rischio della perdita del finanziamento nell’ipotesi di ulteriori ritardi per la ultimazione dei lavori, con grave danno per l’economia delle Isole Minori e per l’erario comunale; Per quale data è prevista la ultimazione dei lavori.

*Consigliere comunale

Regione, tagliate le auto blu. Esultano i “grillini”

Passa in finanziaria una norma che taglia le autoblu in Sicilia e ne limita l’utilizzo. Esulta il Movimento Cinque stelle che aveva concordato l’emendamento col governo Crocetta, appena approvato dall’Assemblea regionale. La norma vieta il possesso e l’utilizzo di auto di rappresentanza “alle società regionali, alle società partecipate dalla Regione siciliana a prevalente capitale pubblico, alle agenzie regionali, alle aziende regionali, alle aziende sanitarie e ospedaliere”.
Inoltre “le auto di servizio, esclusivamente in car sharing, non possono superare i 1.300 cc” ed entro 90 giorni società ed enti dovranno comunicare all’amministrazione regionale l’adozione del piano di dismissione delle auto di servizio. Alla Regione le auto di servizio potranno essere utilizzate solo dal presidente e dagli assessori regionali ed entro 90 giorni sarà adottato un piano di dismissione delle vetture di proprietà pubblica. I contratti di noleggio o assicurazione sulle auto considerate in esubero e in scadenza non potranno essere rinnovati.

DIRIGENTI SANITA’, TAGLIATI COMPENSI DIRIGENTI. In un clima di collaborazione, è passato all’Ars un emendamento del Pdl alla finanziaria regionale, apprezzato dal governo Crocetta, che riduce del 10 per cento i compensi dei dirigenti del settore sanitario in Sicilia. La norma originaria prevedeva la riduzione del 10 per cento solo per le indennità di risultato.

DIRIGENTI REGIONE, TAGLI SUL SALARIO ACCESSORIO. Passa in aula il taglio del 20 per cento del salario accessorio dei dirigenti della Regione siciliana, con un risparmio per le casse pubbliche di 8,2 milioni di euro. L’Ars ha ‘salvatò invece la clausola di salvaguardia che in presenza dello spoil system permette ai 1.600 dirigenti di mantenere incarichi equivalenti e le medesime indennità. L’emendamento del governo è stato stralciato dalla Presidenza dell’Ars dopo gli interventi in aula di diversi deputati della maggioranza e dell’opposizione che si sono espressi contro l’abolizione della clausola di salvaguardia. Santi Formica (lista Musumeci) in particolare ha paventato il rischio di impugnativa da parte del commissario dello Stato.

LA NOTA PRECEDENTE. di Elvira Terranova – Poco prima delle due di notte all’Ars si ferma la lunga maratona per l’approvazione della Legge Finanziaria. Tensioni in aula dopo un emendamento di alcuni deputati, tra cui i Pd Rinaldi e Panarello, che prevede l’inserimento di 1,2 milioni di euro per i vigili urbani di Messina, ridotti a 700 mila euro dopo un subemendamento del Movimento cinque stelle. Ad innescare la miccia l’Udc Nicola D’Agostino che si scaglia contro i deputati che hanno presentato l’emendamento. In pochi minuti e’ il caos. Un tutto contro tutti. Con il Presidente della Regione Crocetta che rintuzza i partiti Pd e Udc affermando con forza di non essere capaci a “gestire i propri deputati”. Scoppia la bagarre. Il Presidente dell’Ars Ardizzone, molto bravo nel gestire l’aula, e’ costretto a sospendere la seduta e la maratona e a rinviare tutto a questa mattina alle 10. Speriamo che sia la volta buona. Sono ancora una ventina gli articoli da approvare. E il tempo scorre. Entro questa sera la Finanziaria va approvata improrogabilmente…

LA NOTA PRECEDENTE. Finanziaria, Crocetta contro la sua maggioranza. Norma sui vigili di Messina: “tradito da Udc e Pd”.

Crocetta ars
Passato un emendamento che assegna 700 mila euro alla pulizia municipale della città dello Stretto. Una norma voluta da un gruppo di parlamentari messinesi che, secondo il presidente della Regione, non rientrava nel patto tra maggioranza e opposizione sancito per spianare la strada alla legge di stabilità.
 
MINI GRUPPI ALL’ARS. Con l’addio dei deputati Valeria Sudano al Pid-Cp e Paolo Ruggirello alla ‘Lista Musumeci’ per aderire al nuovo gruppo M4 di Lino Leanza, si riapre all’Ars la questione dei gruppi parlamentari sotto la soglia minima di componenti per potere esistere.

Non appena sarà ufficializzata la composizione del nuovo gruppo M4, anche la lista Musumeci (con la fuoriuscita di Ruggirello passerà da 5 a 4 deputati) sarà tra i gruppi al di sotto della quota. Il Pid-Cp addirittura ora si ritrova con appena tre parlamentari, stesso numero per Grande Sud; in
quest’ultimo caso ad anomalia si aggiunge anomalia, in quanto uno dei tre è Michele Cimino che da tempo ha abbandonato Grande Sud, creatura di Gianfranco Micciché, fondando il movimento
“Voce siciliana”.

Il mantenimento in vita dei tre gruppi parlamentari sembra non linea con la politica di contenimento dei costi che la presidenza Ardizzone aveva inaugurato all’inizio della legislatura. Come per gli altri gruppi, anche i ‘minigruppi’ percepiscono il contributo unificato: 2.400 euro per ogni deputato che ne fa parte, fondi versati dall’amministrazione direttamente ai gruppi, in totale 24 mila euro al mese. A ciò si aggiungono i costi per il personale e quelli per la gestione degli uffici assegnati (acqua, luce…). Altri costi in più derivano dalla rappresentanza dei ‘minigruppi’ nel Consiglio di Presidenza dell’Ars, con i deputati che percepiscono una indennità aggiuntiva per i ruoli ricoperti.

Nei mesi scorsi, Pid-Cp e Grande Sud avevano ottenuto la deroga dal Consiglio di presidenza, con un voto trasversale e il voto contrario dei 5stelle che avevano chiarito la propria posizione dopo che si era parlato di una votazione unanime. L'”ok” dei rappresentanti del Pd nel Consiglio, aveva sollevato le critiche di altri deputati democratici contrari alla deroga.

Roma, il poeta scrittore eoliano Davide Cortese sempre piu’ protagonista

dcortese.jpgSabato 4 maggio la manifestazione culturale “Immersioni Libri”, organizzata da “Stanza101”, Agenzia di Comunicazione e Libra2.0 ospiterà il poeta Davide Cortese. L’autore eoliano presenterà a Roma un suo reading dal titolo “Abra Palabra”. L’incontro si terrà alle ore 16 presso Spqwork, in via di Portonaccio 23 b. Il giorno seguente, domenica 5, il poeta di Lipari coordinerà un reading di poesia a Villa Doria Pamphili, insieme alla poetessa Iolanda La Carrubba.

Al reading, che sarà intervallato dalle note di alcuni musicisti, prenderanno parte molti dei nomi più interessanti della scena poetica italiana contemporanea: Dona Amati, Lucianna Argentino,Olga Campofreda, Giuseppe Cataldi, Davide Cortese, Alessandro D’Agostini, Francesco De Girolamo, Renato Fiorito, Iolanda La Carrubba, Roberto Maggiani, Ugo Magnanti, Monica Martinelli, Cinzia Marulli Ramadori, Desireè Massaroni, Nina Maroccolo, Giovanni Minio, Chiara Mutti, Anita Napolitano, Massimo Pacetti, Marco Palladini, Sarah Panatta, Plinio Perilli, Roberto Piperno, Lorenzo Poggi, Daniela Rampa, Vanni Schiavoni, Therezinha Texeira de Siqueira.