ENPA: “IL VATICANO RATIFICHI LA CONVENZIONE DI WASHINGTON”

L’associazione: Bene Padre Lombardi sulla biodiversità

ENPA:
“Non possiamo che apprezzare le parole pronunciate da Padre Lombardi (direttore della sala stampa del Vaticano, ndr) sulla necessità di difendere gli elefanti minacciati dal commercio illegale di avorio e, più in generale, sulla necessità di salvaguardare l’ambiente, la tutela delle specie viventi e la biodiversità”. Lo scrive l’Enpa. Che prosegue: “Tuttavia, è opportuno ribadire che ad oggi il Vaticano non ha ancora ratificato la Convenzione di Washinton sul commercio internazionale delle specie di fauna e flora minacciate di estinzione”.
Secondo la Protezione animali, il problema legato all’uso religioso dei prodotti di derivazione animali, peraltro, non interessa soltanto gli elefanti ma riguarda anche gli ermellini, il cui destino è quello di essere allevati in cattività e poi uccisi per diventare una pelliccia.
“Gli insegnamenti di San Francesco parlano di amore per gli animali e di un rapporto rispettoso della loro vita e dei loro diritti – aggiunge l’Enpa -. Ricordando come l’uso delle pellicce e l’acquisto di oggetti d’avorio sia estraneo alla sensibilità religiosa, auspichiamo che il Vaticano aderisca il prima possibile alla Convezione di Washington e dia così il suo fondamentale contributo alla difesa delle specie a rischio”.
Ricordiamo, allora, la petizione internazionale promossa proprio dalla Protezione animali sull’uso religioso di avorio e pellicce che ha raccolto oltre 20mila e che dovrebbe essere consegnata a breve. La petizione può essere sottoscritta qui.
 
coscienzaanimali.jpg
ENPA: “IL VATICANO RATIFICHI LA CONVENZIONE DI WASHINGTON”ultima modifica: 2013-01-24T16:27:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo