Eolie&Vip. Sbarcati Massimo Moratti e la moglie Milly. In vacanza anche Gerard Depardieu

mmorattisalina.jpgStromboli – A distanza di parecchi anni il presidente mmorattistromboli11.JPGdell’Inter Massimo Moratti si è concesso qualche giorno di vacanza nel mare delle Eolie. A Stromboli è giunto con il suo sailinyacht “Carlotta”. Sbarcato sull’isola insieme alla moglie Milly, nella piazzetta di San Vincenzo è stato assalito da isolani e turisti e soparttutto dai tifosi interisti per una foto ricordo e per un autografo. E chissà se proprio alle falde del cratere non…espolderà la trattativa per il ritorno di Etò con la casacca neroazzurra. Reduce dalla trattativa con gli indonesianii, per la cessione di una parte della squadra di calcio, il presidente dell’Inter dopo aver girovagato nei mari italiani, adesso si concede qualche giorno di relax tra le sette isole. In rada ammirato il suo Perini denominato “Carlotta”. Effettivamente a “Carlotta” non manca proprio niente per essere un albergo a 5 stelle. Lo splendido ketch di 37 metri, varato dal cantiere Perini di Viareggio nel 1992, costruito in acciaio con una sovrastruttura in alluminio e piani in teak, monta un motore Volvo Penta diesel da 456 kw e può raggiungere una velocità di 12 nodi.

Foto Peppino Natoli

depardie.jpg– Alle Eolie è anche in vacanza l’attore francese Gerard Depardieu.

-Lipari – Stefano Gabbana dopo aver girovagato per lesgabbabaetaranto.jpg Eolie con il suo “Regina d’Italia” è riapprodato a Lipari. Nella foto con il liparoto Edoardo Taranto.

– Panarea – Vacanze nell’isola delle Eolie per l’ex presidente del Senato Renato Schifani.

cavallibarca.jpgcavallibarca1.jpg-Lipari -Roberto rcavallibarca1.JPGCavalli a Pignataro, in compagnia di 3 cani e due pappagalli, con il suo bat-gommone freedom.

– Dopo Giorgio Armani anche lo stilista Roberto Cavalli alle Eolie. Con il suo yacht si è ormeggiato in roberto-cavalli-lina-nilson-.jpgrada e con un tender insieme a modelle e amici ha raggiunto Lipari. Dai cavalliyacht.jpgfratelli Laise a Marina Lunga ha gustato un drink e fatto rifornimento di frutta. 

Da diversi anni sempre piu’ con assiduità frequenta le Eolie, con un “Baglietto”, di 41 metri blu cangiante, con gli interni rigorosamente animalier per l’eccentrico stilista Cavalli, che preferisce le linee moderne e la velocità allo stile rétro. Lo yacht dello storico cantiere di Varazze è interamente realizzato in lega d’alluminio. Prestazioni elevatissime grazie a due motori MTU da 3.775 Hp ciascuno e due idrogetti e design all’avanguardia: sono queste in breve la caratteristiche salienti dello yacht che, anche alla velocità massima di 35 nodi, consente una navigazione confortevole in condizioni meteo avverse.
L’elegante silhouette a due ponti racchiude tutte le più moderne ed avanzate strumentazioni di navigazione ed optional tecnologici, abbinati a soluzioni di décor estremamente creative. Tutti gli ambienti sono concepiti per rivelare un’attenta cura del particolare e delle finiture. Il sole che splende sulla barca – anche se da poco incredibilmente a Lipari ha piovuto – fa cambiare colore in tutte le parti del 51 metri.

Foto di Francesco Laise.

Eolie&Vip. Sbarcati Massimo Moratti e la moglie Milly. In vacanza anche Gerard Depardieuultima modifica: 2013-08-23T09:07:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, abusi sessuali sulla nipote condanna confermata

tribunalemessina.jpgLipari – La corte d’Appello di Messina ha confermato la sentenza di condanna a tre anni di reclusione, previo riconoscimento dell’ipotesi attenuata, per F.C. 60 anni di Lipari, riconosciuto colpevole di abusi sessuali nei confronti della nipote. E’ stato anche condannato alle pene accessorie di interdizione perpetua e quinquennale e obbligato al risarcimento del danno causato alla minore con il riconoscimento di provvisionale in favore della parte civile.

di Barcellona, presidente
Maria Celi, componenti
Francesco Catanese e Simona
Finocchiaro, hanno condannato
alla pena di tre anni di reclusione,
previo riconoscimento
dell’ipotesi attenuata,
F. C., 60 anni di Lipari, perché
riconosciuto colpevole di insane
attenzioni nei confronti
della nipotina acquisita.
Gli abusi sessuali, durati dal
2003 al marzo del 2007, sarebbero
iniziati quando la minore
che veniva affidata dai
genitori agli zii per essere accudita
durante l’assenza degli
stessi, aveva appena compiuto
9 anni e si sarebbero protratti
fino ai 13 anni, quando la
bambina divenuta ragazzina
confidò ai familiari gli strani
gesti che quello zio acquisito
avrebbe compito su di lei, ripetutamente.
Si sarebbe trattato di continui
palpeggiamenti.Poi la liberazione
dall’inferno e l’avvio del
lungo iter processuale conclusosi
ieri con la sentenza di primo
gradla condanna alla pena di tre anni di reclusione, previo riconoscimento dell’ipotesi attenuata, F. C., 60 anni di Lipari, perché riconosciuto colpevole di insane attenzioni nei confronti della nipotina acquisita. L’uomo è stato anche condannato alle pene accessorie di interdizione perpetua e quinquennale e obbligato al risarcimento del danno causato alla minore con il riconoscimento di provvisionale in favore della parte civile.

Gli abusi sessuali, durati dal 2003 al marzo del 2007, sarebbero iniziati quando la minore che veniva affidata dai genitori agli zii per essere accudita durante l’assenza degli stessi, aveva appena compiuto 9 anni e si sarebbero protratti fino ai 13 anni, quando la bambina divenuta ragazzina confidò ai familiari gli strani gesti che quello zio acquisito avrebbe compito su di lei, ripetutamente. Si sarebbe trattato di continui palpeggiamenti. Poi la liberazionedall’inferno e l’avvio del lungo iter processuale conclusosi con la sentenza di condanna confermata in secondogrado.

Lipari, abusi sessuali sulla nipote condanna confermataultima modifica: 2013-06-28T10:19:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari. “La Casa Contadina” di Pianoconte

ffamularopiccola.jpgIl “Comitato Pro Francesco Rizzo sindaco” comincia a “prendere confidenza” con il territorio e non solo dal punto di vista delle problematiche ma anche visitando e approfondendo la conoscenza di realtà legate alla cultura e alla tradizione isolana che meritano una certa attenzione poichè rappresentano un “surplus” da offrire ai visitatori delle Eolie. “Ieri -dichiara il presidente Fabrizio Famularo- ho avuto modo di visitare “La casa contadina” a Pianoconte su invito del titolare de “L’agriturismo Casa Gialla”. Ho avuto modo di rendermi conto e rimanere entusiasta su come questa struttura, che mantiene tutte le caratteristiche della casa contadina eoliana di un tempo,  rappresenti un vero e proprio gioiellino che meriterebbe sicuramente una maggiore attenzione da parte della Pubblica amministrazione. Proprio nell’ottica della propagandata destagionalizzazione e riqualificazione del settore turistico. La “casa contadina”, aperta al pubblico per visite gratuite con degustazione (previa prenotazione)-conclude Famularo- da al visitatore l’impressione che il tempo si sia davvero fermato. Sia per il mantenimento delle pecularietà di questa tipologia di struttura, sia per il posizionamento al suo interno di arredi, attrezzi e manufatti originali risalenti a quella che era  la  vita quotidiana nelle nostre campagne. Un tuffo nel passato, consigliabile non solo dal punto di vista turistico ma anche e principalmente da quello etno- antropologico. Una visita guidata che dovrebbe interessare anche la scuola nell’ottica di fare mantenere ben vive nei nostri giovani le radici”.

Lipari. “La Casa Contadina” di Pianoconteultima modifica: 2013-06-28T08:37:42+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale fanno il giro d’Italia. Lipari, sequestro alla Pumex per una discarica di rifiuti speciali

discaricapumex.JPGLipari – Su disposizione del Gip di Barcellona Pozzo di Gotto, la Guardia ansa.jpgcostiera ha sequestrato a Lipari una discarica di olii pesanti, copertoni, carcasse di auto e materiale in amianto nell’area della ex Pumex. Le indagini sono coordinate dal pm Francesco Massara.

LA NOTA PRECEDENTE. Gli uomini della Guardia Costiera hanno proceduto, su disposizione discaricapumex2.JPGdel G.I.P. del Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto, ad eseguire il sequestro di una vasta area all’interno del complesso industriale ex Pumex nella quale è stata scoperta una discarica incontrollata di rifiuti speciali e pericolosi.

Le complesse indagini, coordinate dal Sost. Procuratore della Repubblica del Tribunale di Barcellona P.G. Dott. Francesco Massara, hanno preso spunto da routinari controlli del territorio seguiti, in località Porticello del Comune di Lipari, da militari della Guardia Costiera i quali, in prossimità dell’arenile limitrofo al pontile metallico già in concessione alla predetta Società Pumex, constatavano la presenza di tracce riconducibili a olii e/o idrocarburi.

discaricapumex1.JPGVenivano pertanto avviati, su disposizione del Comandante Tenente di discaricapumex3.JPGVascello Cosimo BONACCORSO, ulteriori accertamenti su tutto il circostante comprensorio, al fine di determinare la consistenza e la provenienza del presunto inquinamento. Dalle indagini emergeva la presenza di materiale ferroso di varia natura, numerosi fusti metallici contenenti sostanze oleose in parte sversate nel terreno circostante, grossi cumuli di copertoni usati (in alcuni casi seppelliti dalla pomice al fine di occultarli), bombole di gas in stato di degrado, numerose carcasse di autoveicoli dismessi e la presenza di materiali contenente amianto.

In considerazione dell’abbondante materiale rinvenuto, presumibilmente accumulato dopo la dismissione dello stabilimento estrattivo, ed il pericolo di compromissione per l’ambiente e la salute pubblica,  la Procura della Repubblica, richiedeva ed otteneva l’ordine di sequestro per l’intera area oggetto delle indagini.

Eseguito il sequestro, gli uomini dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Lipari,  hanno affidato l’area allo stesso proprietario, nominato nell’occasione custode giudiziario.

L’attività posta in essere e gli obiettivi raggiunti, confermano l’impegno che il Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera ripone nell’ambito della tutela dell’ambiente e nel contrasto del traffico illecito di rifiuti, a cui è chiamato, in via primaria, dalla recente normativa in materia di tutela ambientale. 

Le notizie del nostro giornale fanno il giro d’Italia. Lipari, sequestro alla Pumex per una discarica di rifiuti specialiultima modifica: 2013-06-22T21:20:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, Centro Studi&Eventi culturali 2013

nsaltalamacchia.jpgdi Nino Saltalamacchia*

Fervono i preparativi per il calendario degli eventi culturali estivi del Centro Studi Eoliano di Lipari, che festeggia quest’anno la 30a edizione dei Pomeriggi Culturali Eoliani, che si svolgerà nei mesi di luglio e agosto, e del Festival del Cinema, che si svolgerà dal 15 al 20 luglio. Moltissimi i corti giunti per il concorso Eolie in video, continuano ad arrivare proposte anche per i Pomeriggi Culturali che sono al vaglio della direzione artistica. Tanti gli autori che saranno presentati sia a Lipari che nelle altre isole nell’ambito dei Pomeriggi Culturali Eoliani, fra i quali citiamo Matteo Collura, Melo Freni, Ombretta Ingrascì, Marilena Maffei, Adriana Mangoni, Marcello Sorgi e molti altri. Anche quest’anno ci sarà una nuova pubblicazione edita dal Centro Studi a cura di Giuseppe La Greca  dal titolo “Le Eolie all’ONU”, che narra la vicenda del “gemellaggio”  con i piccoli Stati insulari avvenuta nel Febbraio 1998. La prefazione del libro è stata curata da Giulio Terzi di Sant’Agata, che presenterà il libro insieme a Francesco Paolo Fulci e Gian Lorenzo Cornado. Sarà inoltre presentata una nuova collana dedicata ai Personaggi eoliani: il primo quaderno della collana racconterà la storia del Comm. Bartolo Zagami e sarà curato da Silvia Campantico, con foto e rassegna stampa dell’epoca.

*Presidente Centro Studi Eoliano

Lipari, Centro Studi&Eventi culturali 2013ultima modifica: 2013-06-04T08:50:13+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Manager della Sanità, Borsellino: “La scelta dopo i colloqui con candidati”

lborsellino.jpgIl governo sceglierà i manager della sanità dopo avere sottoposto a colloquio i 650 candidati inseriti nell’elenco degli idonei. Lo ha spiegato l’assessore regionale alla Sanità, Lucia Borsellino, riferendo all’Assemblea regionale sulle procedure per la nomina dei dirigenti generali di aziende e ospedali pubblici.  L’assessore ha ripercorso in aula l’intera procedura cominciata alla fine dell’anno scorso, quindi ha fatto riferimento alle criticità dei criteri a punteggio definiti dal commitato tecnico per una scrematura dell’elenco che portò a una griglia di 51 nomi, rilevate dalla commissione Sanità dell’Ars e avvalorate da un parere dell’ufficio legislativo e legale di Palazzo d’Orleans, richiesto dall’assessorato. Borsellino ha chiarito che «l’avviso non sarà in alcun modo modificato» e la procedura per la nomina dei manager sarà oggetto di una delibera della prossima giunta di governo. «I colloqui – ha detto l’assessore – serviranno ad accertare il profilo manageriale dei candidati».

PD: “SERVE PARERE DELL’AVVOCATURA”. «Credo sia opportuno richiedere un ulteriore parere all’Avvocatura dello Stato, che è un organo terzo: i colloqui, così come sono previsti dal bando, non possono determinare l’idoneità o meno dei candidati». Lo ha detto Giuseppe Laccoto, deputato regionale Pd e componente della commissione Sanità all’Ars, intervenendo in aula nel corso del dibattito sulla selezione dei manager della sanità. «Dobbiamo fare tutto il possibile in questa fase – ha aggiunto – per metterci a riparo da eventuali ricorsi che potrebbero pregiudicare la selezione. Oltretutto la recente sentenza del Cga Sicilia ribadisce che nella selezione dei direttori generali ‘non deve essere effettuata alcuna valutazione comparativa fra gli aspirantì. Al tempo stesso il bando prevede l’obbligatorietà dei colloqui, a supporto della valutazione dell’assessore, colloqui che devono comunque limitarsi ad essere un ‘supportò alla valutazione complessiva». La richiesta di un parere dell’Avvocatura dello Stato è stata sostenuta anche dal presidente della commissione Sanità all’Ars Pippo Digiacomo e dal deputato Pd Antonello Cracolici.  «Probabilmente avere pubblicizzato i criteri di valutazione nella fase iniziale è stato un errore – ha detto Digiacomo – perchè questa è apparsa come una procedura concorsuale, ma in realtà non lo era».

Manager della Sanità, Borsellino: “La scelta dopo i colloqui con candidati”ultima modifica: 2013-05-28T21:42:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, “la bozza del regolamento del suolo pubblico quando approderà in consiglio comunale?”. Interrogazione al sindaco

blauriapiccola1.jpgdi Bartolo Lauria*

Da diversi decenni svolgo con la mia famiglia l’’attività di commerciante ed è mia consuetudine ritenere il mese di ottobre coincidente con l’’ultimo periodo della stagione estiva. L’’auspicio è quello che questo periodo possa in futuro allungarsi notevolmente. Ad ogni buon modo, ho sempre creduto che dopo tale periodo bisognasse immediatamente programmare il tutto per la prossima stagione. Un principio che dovrebbe valere anche nella pubblica amministrazione.

Proprio per questo, nella mia qualità di Assessore pro tempore, mi sono impegnato e attivato fin dal primo giorno del mio insediamento per redigere e predisporre una nuova bozza di regolamento di suolo pubblico che, recependo la nuova normativa sanitaria ed urbanistica, andasse a sostituire il precedente.

Ho consegnato personalmente alla Sua persona il 30 novembre 2012 la nuova bozza di regolamento per una sua opportuna valutazione ed eventuale revisione, raccomandandoLe di far predisporre successivamente la proposta di delibera per sottoporla, acquisiti i vari pareri, all’’approvazione in Consiglio Comunale entro il periodo pasquale. Forse, ho commesso un errore: non ho specificato che il periodo pasquale a cui mi riferivo era quello del 2013!!!

Da allora, infatti, nulla mi è stato fatto sapere, nonostante le mie continue sollecitazioni. Inspiegabilmente, la bozza di regolamento non è mai stata portata all’approvazione del Consiglio Comunale e forse giace ancora, almeno spero, nei Suoi cassetti.

Alla luce di quanto esposto, il sottoscritto, ai sensi dell’art. 43 del T.U.E.L. n. 267 del 18 agosto 2000,
INTERROGA la S.S., per conoscere:

1)quali sono stati i motivi che non Le hanno finora permesso di portare in Consiglio Comunale la nuova bozza di regolamento di suolo pubblico consegnataLe in data 30 novembre 2012;

2)se ha intenzione di presentare in Consiglio Comunale la nuova bozza di regolamento in tempi brevi;

3) se sono state rilasciate concessioni e/o autorizzazioni di suolo pubblico in deroga al vigente regolamento per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche.

*Consigliere Comunale UDC

Lipari, “la bozza del regolamento del suolo pubblico quando approderà in consiglio comunale?”. Interrogazione al sindacoultima modifica: 2013-05-14T09:24:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, a un anno e quttro mesi il ricordo di Eufemia Biviano

di Lucia Natoli

ebivianopiccola.jpgIn merito all’intervista avvenuta oggi con l’ex generale del Ris Luciano Garofalo volevo segnalare innanzitutto che l’omicidio della nostra Eufemia è avvenuto precisamente 1 anno e 4 mesi fa anche se sembra passato molto tempo: sono daccordo che bisogna trovare l’assassino e non uno qualsiasi.

Una cosa è certa: Eufemia non c’è più e non può dire la sua verità e a rendere più complicata la cosa il fatto che viveva da sola.
Voglio semplicemente sperare e credere che venga fatta  giustizia e paghi/no i colpevoli tutto il dolore e la sofferenza con cui è stata fatta soffrire Eufemia.

Concludo volendola ricordare come una persona tranquilla buona e solare visto che molto spesso ci si dimentica di un essere umano che è stato ucciso e si pensa solo a parlare di tutt’altro.

Lipari, a un anno e quttro mesi il ricordo di Eufemia Bivianoultima modifica: 2013-04-18T07:28:59+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, Comune&Rimborsi gonfiati. Per 18 proseguono le indagini. Per 9 si va verso l’archiviazione?

comuneliparipiccola.jpgLipari -Si sono concluse le indagini per l’inchiesta sulle presunte missioni gonfiate nel maggior Comune delle Eolie. Complessivamente sono coinvolte 27 persone tra ex amministratori, ex dirigenti e dipendenti comunali. A 18 è stata notificata la conclusione delle indagini. Per gli altri 9 si profila l’archiviazione? Per 5 è stato revocato l’obbligo di dimora, solo per l’ex sindaco Mariano Bruno è stato confermato.

Oltre all’ex primo cittadino, continuano ad essere indagati i dipendenti comunali Franco Rando, Stefania Salmieri, gli ispettori di polizia municipale Giacomo Marino e Franco Cataliotti, il dirigente Francesco Subba, il consigliere comunale Gesuele Fonti, l’ex assessore e attuale consigliere Giacomo Biviano, gli ex assessori Peppe Finocchiaro, Corrado Giannò, Anna Spinella, Mimma Sparacino, Massimo D’Auria, Ivan Ferlazzo, Natale Famà, l’ex presidente del consiglio comunale Pino Longo, l’ex dirigente Nico Russo e il dipendente comunale Francesco Guerrera.

L’accusa è di truffa aggravata in concorso, falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici in concorso e abuso d’ufficio in concorso.

Si profila l’archiviazione per per l’ex consigliere Felice Mirabito, per i dipendenti Lucio D’Ambra, Antonio Fiore, Caterina Bonsignore, Giuseppe Majuri, Antonio Cincotta, Ivana Bonfante, Rita Mandarano e Maria Rosaria Avino.

Lipari, Comune&Rimborsi gonfiati. Per 18 proseguono le indagini. Per 9 si va verso l’archiviazione?ultima modifica: 2013-04-15T17:19:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari&Comune. Totò, e io pago…

toto1.jpgLpari – Con determina del dirigente Stefano Blasco sono stati liquidati €. 38.336.52 sblascopiccola.jpgalla “Tirrena Ambiente S.p.A.”, per conferimenlo, nella discarica di Mazzarra’ Sant’Andrea, dei rifiuti non pericolosi prodotti dal 1.1 al 31.1.2013.

– Con determina del dirigente Biagio De Vita sono stati liquidati 22 mila 354 euro alla ditta Franco Pittari per i lavori di somma urgenza per l’evento meteorologo straordinario del 15 Settembre 2012 -Pulizia, sgombero detriti alluvionali Via F.sco Crispi isola di Lipari (Perizia Giustificativa n. 06).

– Liquidati €. 3.206,25 alla Ditta Sintesi s.p.a. di Roma – gestione integrata della sicurezza sui luoghi di lavoro – Servizi offerti in convenzione Consip” 1° trimestre 2013.

– Impegnati 2 mila euro per lavori nel Palazzo Municipale di Piazza Mazzini lato ovest da adibire a sede della Polizia Municipale.

Lipari&Comune. Totò, e io pago…ultima modifica: 2013-04-03T17:02:01+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, il servizio de “Il Notiziario” sulla consegna del computer ai bambini disabili nel sito dell’Inter

atesorieropiccola.jpgdi Andrea Tesoriero*

Di seguito il link del sito ufficiale dell’Inter relativo alla nostra ultima donazione con il servizio realizzato da “Il Notiziario delle Eolie online” e anche la lettera dell’eoliano di Berlino Gilormino Casali.

*Presidente Inter Club Isole Eolie “Peppino Prisco”

http://interclub.inter.it/cgi-bin/public/newsccic.cgi?ID=3656&CAT=3

 

Lipari, il servizio de “Il Notiziario” sulla consegna del computer ai bambini disabili nel sito dell’Interultima modifica: 2013-03-27T07:57:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Gal isole di Sicilia. Le nuove graduatorie

gal3.jpgPubblicate sul sito del Gal Isole di Sicilia al link http://galisoledisicilia.it/?page_id=21 le graduatorie per le figure professionali richieste: Responsabile di Piano; Addetto alla Segreteria Amministrativa; Animatori; Coordinatori Territoriali; Responsabile Amministrativo Finanziario.

Gal isole di Sicilia. Le nuove graduatorieultima modifica: 2013-03-26T19:03:10+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, Comune&movimenti uffici

comuneliparipiccola.jpgLipari – Nel maggior Comune eoliano non ci sono solo movimenti in seno alla giunta Giorgianni. Ma anche negli uffici. Dopo l’intenzione di accorpare il settore idrico-fognario all’urbanistica, il geoemtra Carmelo Meduri dovrebbe occuparsi di approvvigionamento idrico, rete idrica, fognature, cimiteri, ecologia oltre che lavori pubblici, Alessandra Dal Zotto dovrebbe andare al patrimonio e Claudio Beninati diventerà capo area illeciti edilizi e sanatoria.

Lipari, Comune&movimenti ufficiultima modifica: 2013-03-14T07:43:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, i reperti al “Museum di Los Angeles”

cratererestaurato1.JPGIl Museo Archeologico Luigi Bernabò Brea di Lipari, come altri musei siciliani, presta al Getty Museum di Los Angeles alcuni prestigiosi reperti che saranno esposti in un importante mostra organizzata dal Getty Museum in collaborazione con l’Assessorato Beni Culturali della Regione Sicilia dal titolo  “Sicily. Art and invention between Greece and Rome”.

L’esposizione avrà luogo dal 3 aprile al 19 agosto, ma già dal 5 marzo i reperti del museo di Lipari verranno imballati per il lungo viaggio oltre oceano.

Meravigliosi manufatti trovati nella necropoli greca e romana di Contrada Diana a Lipari che facevano parte dei corredi delle tombe o nel caso dei crateri, contenevano le ceneri dei defunti.

Uno dei pezzi del Museo più noti nel mondo, è Il Cratere a calice a figure rosse datato alla fine del IV sec. a.C.  Sul lato principale è raffigurato Dioniso mentre, su di un palcoscenico ligneo, assiste all’esibizione di una ballerina acrobata ed alla recita di due attori comici mentre da due finestre in alto appaiono i volti di altri due attori comici con maschere femminili.

Il vaso è stato sottoposto in questi mesi ad un accurato restauro per meglio garantire la sua conservazione.

I crateri a figure rosse con scene dedicate alla personalità della divinità Dioniso insieme all’usanza di deporre nei corredi modellini di maschere in terracotta di personaggi della commedia e della tragedia, rappresentano un patrimonio esclusivo di Lipari. Insieme infatti, partiranno, sempre con l’aiuto dello scirocco, anche cinque modellini di maschere teatrali fra cui Hades e Herakles e la maschera ritratto del grande commediografo Menandro.

Parte anche un ‘altro cratere a figure rosse del Pittore di Hecate (fine IV sec. a.C.). Sul lato principale è raffigurata una scena tratta dalla perduta tragedia “Alcmena” di Euripide La protagonista è raffigurata al centro sulla pira eretta da Anfitrione deciso a punire la supposta fedifraga. 

Infine, lo specchio in bronzo (fine IV sec. a.C.) con il manico figurato a rilievo su cui è modellato Eracle in lotta con l’Amazzone.

Lipari, i reperti al “Museum di Los Angeles”ultima modifica: 2013-03-06T08:48:37+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Eolie&scuola

bpavone1.jpgdi Bartolo Pavone

Dimensionamento concluso al Tavolo Tecnico Regionale riunitosi in Via Ausonia a Palermo con dei due giorni stressanti, ma non è finita qui. Ma domani potrebbe essere davvero un altro giorno:
l’assessore Nelli Scilabra – la grande assente in tutte le operazioni condotte al Tavolo – oggi convocherà tutti per comunicare alcune modifiche di cui si assumerà personale responsabilità.
Fra cose fatte in maniera circa abborracciata e cose da aggiustare ancora, si è registrata anche la sceneggiata di un istituto palermitano che ha organizzato una sorta di sit-in spontaneo davanti all’Assessorato; anche così si riesce a fare spettacolo e forse, chissà, conseguire risultati!
Al di là dei ritocchi – speriamo in meglio! – che potranno essere annunciati dall’Assessore, adesso il Piano è quasi pronto per approdare al Viale Trastevere per l’Intesa.
L’I.C. Lipari n.1 aggregherà l’I.C. Salina nella sua totalità. Questo raggruppamento consentirà alla dirigente scolastica dott.ssa Mirella Fanti di gestire dal prossimo anno scolastico 2013/2014 i
seguenti plessi: Plesso di Alicudi; Plesso di Filicudi; Plesso di Panarea; Plesso di Stromboli; i vari plessi presenti nell’isola di Salina; Plesso di Lipari centro scuola primaria; Plesso di Canneto e Acquacalda. L’I.C. Lipari n.2 gestirà i plessi già in possesso.

Eolie&scuolaultima modifica: 2013-02-12T07:38:27+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari&Comune. Totò, e io pago…

toto1.jpgStromboli -Con determina del dirigente Stefano Blasco sono stati liquidati 35 mila 803 euro alla dottoressa Francesca Simone quale indennita’ di disagiata residenza farmacie rurali con sede nelle isole minori anno 2010.

Lipari – Il sindaco Marco Giorgianni ha nominato i componenti del nucleo di valutazione. Si tratta del dottor Giuseppe Cacciola di Messina e dell’avvocato Peppe Cincotta di Lipari. L’incarico si protrarrà per due anni ed è prorogabile. Prevista una spesa di 8 mila euro, piu’ Iva e oneri accessori.

Lipari – Con determina del dirigente Giovanni Famularo sono stati liquidati 5 mila gfamularo1.jpg805,71, per quota diritti di segreteria (fino al 31.12. 2012) al Segretario Generale Dott.ssa Lyda De Gregorio.

Lipari – Con determina del dirigente Giovanni Famularo sono stati liquidati E. 2.000,00 all’Avv. Annunziata Pajno per l’attivita’ legale svolta per resistere in giudizio dinanzi al C.G.A. Palermo avverso al ricorso in appello proposto dalla signora Marina Rossi.

Lipari&Comune. Totò, e io pago…ultima modifica: 2013-02-04T09:46:13+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari. Totò e io pago…

toto1.jpgLipari – Con determina del dirigente Giovanni Famularo sono stati impegnati € 270.233,15 per liquidazione debiti fuori bilancio da riconoscersi da parte del Consigliogfamularo2.jpg Comunale.

Lipari – Con determina del dirigente facenti funzioni Livio Ruggiero sono stati impegnati 20 mila euro per la riorganizzazione dei locali comunali. I lavori di pitturazione&altro, saranno eseguiti dalla ditta di Gianluigi Martinucci. Oltre alla pitturazione degli uffici di piazza Mazzini, saranno eseguiti lavori anche nello stabilimento di San Calogero.

Lipari – Con determina del dirigente Francesco Subba sono stati impegnati 12 mila euro per acquisto proposte artistiche e relative spese di realizzazione e/o finanziamento proposte progettuali per la realizzazione di eventi, manifestazioni, spettacoli ed iniziative di carattere culturale.

Lipari – Con determina del dirigente Giovanni Famularo sono stati impegnati 3 mila 682 euro per liquidazione debiti fuori bilancio da riconoscersi da parte del Consiglio Comunale e relativo a “Rimborso delle spese per missioni agli Amministratori non rimborsate nell’anno 2011”.

Lipari. Totò e io pago…ultima modifica: 2013-01-12T09:51:59+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari. Angelo Sidoti è la vera “sentinella del palazzo comunale di piazza Mazzini?”. Le reazioni nel web

commentiweb.jpgLipari – Angelo Sidoti è la vera “sentinella del palazzo comunale di piazza Mazzini?”. Le reazioni nel web.

Salvatore Agrip: Scossoni pericolosi alla giunta comunale da parte di Angelo Sidoti. Mentre noi cittadini attendiamo qualcosa di buono da questa amministrazione, Io per adesso mi sento di dire “Grazie Angelo”. I consiglieri di opposizione non hanno fatto un barlume di proposta per tentare di sollecitare l’amministrazione ad arginare questa grave crisi, stanno li ad attendere che magari queste isole sprofondano (cose da pazzi). Mentre quelli della maggioranza sono in preda a lotte di poltrone, tanto è vero che a oltre sette mesi dall’insediamento dei “nuovi politici” non si è nominato ancora il vice sindaco, poi sono convinto che “sotto la coltre della cenere” covano interessi di parte e personalismi politici, portandoci a ritenere che tutto ciò è solo “vecchia politica” che ha causato la devastazione del tessuto sociale e deturpato la mentalità anche di tante brave persone.

Gianluca Pini:  Da noi le proposte non sono mancate e non mancheranno, come ben sai.

Salvatore Agrip: Quali sono? A me non risulta.

Angelo Sidoti: Ti ringrazio Salvatore per le tue parole. Ritengo di avere delle responsabilità e sono stato veramente uno stupido a non occuparmi prima della politica in generale indipendentemente dall’adesione ad un partito anziché ad un’altro. Spero che il senso civico a Lipari cresca e che ci sia una rivolta dei 40 enni che, a fianco dei piu giovani, contribuiscano ed alimentano la crescita e lo svilppo del nostro territorio. Io CI SONO oggi e ci sarò anche domani. Ho desiderio di essere presente e di impegnarmi in qualsiasi modo ed utilizzando qualsiasi mezzo. Manterrò sempre il mio senso del bene comune e chiederò sempre la massima trasparenza ai nostri amministratori.

William Ferlazzo:  Sia l’opposizione che la maggioranza sono aggrappati alle poltrone…quindi che si fa?Devo dire nel contempo che tante cose sono state fatta che non siano quelle che avrebbero voluto “altri” è un altro discorso! Sidoti..”stupido”? forse..ma forse anche no..non avresti fatto di più!…Chi lo sa..i numeri sono solo una parte della gestione. Ritengo riduttivo tante opinioni espresse in questi ultimi mesi post-elezione poichè NON conoscete a fondo le probblematiche quotidiane e quanto tempo ci si impiega a dare la propria disponibilità, da Sindaco, ai singoli….forse volete troppo, senza conoscere poichè siete fuori dal sistema e fuori dalla realtà. Nè voi siete perfetti nè una, qualunque Amministrazione, possa esserlo! Poi, Sidoti sembri un Monti..ci sono, ma non ci sono, poi ci sono..magari Sali anche tu in politica!

Salvatore Agrip: Bene Ferlazzo tu sai tutto e forse ancora più. Dici di conoscere la realtà (ma dove vivi e cosa vedi), poi vedo che ormai fai parte del sistema, ma su questo scusami mi ritengo fortunato a non stare dentro, in quanto “questo sistema” ha la stessa omologazione di chi la’ha preceduto con la colpa di aver sicuramente azzoppato la democrazia e pregiudicato il futuro di noi tutti. Fareste bene che insieme a tutta la “combriccola” di cui fai intendere di fare parte, uscireste allo scoperto e ci fareste sapere quale ipotetico futuro ci state preparando (o forse pensate solo a voi), vi stiamo aspettando ormai impazienti.

William Ferlazzo: Ma io non so nulla…sono e resto indipendente. Nessuna combriccola mi appartiene diversamente da altri! IO sono sempre allo scoperto, non tramo. Limpido sono…. Altri giocano, troppi giocano. La politica locale e nazionale non ha valore…

Salvatore Agrip: Scusami, ma mi eri sembrato un difensore dell’indifendibile.

Angelo Sidoti: Ritengo che siamo in un mondo libero e tu ti ritieni un grande rappresentante di questo termine. Ho detto che ci sono solo per esprimere un mio pensiero. Per la politica poi si vedrà. Sicuramente se faro politica non andrò a cercare gli art. della costituzione per farla anche perché oltre il numero uno qualcuno non sa contare o meglio tutti i buoni proposti sono svaniti. Chi vivrà vedrà…. Certo che i risultati ancora sono lontani ed i numeri non sono tutto ma reggono il sistema amministrativo di un Comune.

Lipari. Angelo Sidoti è la vera “sentinella del palazzo comunale di piazza Mazzini?”. Le reazioni nel webultima modifica: 2013-01-04T10:02:42+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, a Diana rinvenuti altri “tesori archeologici”

dianascavo.JPGLipari – Nell’ambito dell’attività di vigilanza della Soprintendenza ai beni culturali di Messina e del Museo Archeologico “Luigi Bernabò Brea” di Lipari,  è iniziato uno scavo archeologico in un’area urbana di  contrada Diana.

Il luogo dello scavo fa parte di una particella che rientra in un ‘area molto nota per i suoi tesori archeologici perché sede di una necropoli di eta’ greca e romana (dal VI a.C. e II d.C.) e di vari insediamenti preistorici (Neolitico ed Eta’del Bronzo). L’area oggetto dello scavo  (di proprietà privata) ha già restituito importantissime testimonianze del periodo indicato. Le tombe rinvenute sino ad oggi sono del tipo a sarcofago di pietra e a “cappuccina” , cioè realizzate con grandi tegole disposte a capanna. Insieme a queste ultime sono state rinvenute  urne cinerarie di età greca (IV sec. a.C.), consistenti in crateri a figure rosse, fra cui uno di particolare interesse perché si distingue per la sua iconografia e pregio della manifattura che si può ricondurre ad una produzione dell’Italia meridionale. Sul lato del cratere si osserva la nascita di Afrodite resa con sovra dipinture bianche e dorate.Il corredo -invece-  era contenuto entro una pentola e consiste in maschere teatrali e vasetti a vernice nera.

Per la preistoria si conserva eccezionalmente una parte del villaggio a capanne che si estendeva nella pianura di c.da Diana durante la prima fase della cultura di Capo Graziano risalente a 4000 anni fa. In particolare si è individuato uno spazio dedicato alla conservazione degli alimenti con grandi vasi, insieme a vasetti miniaturistici tutti modellati a mano. I lavori sono seguiti da Maria Clara Martinelli e Umberto Spigo per il Parco archeologico delle Isole Eolie, da Nunzia Ollà e Gabriella Tigano per la Soprintendenza di Messina con la collaborazione di Lillo Giordano per le ricerche.

Lipari, a Diana rinvenuti altri “tesori archeologici”ultima modifica: 2012-11-30T09:48:03+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari&Sporting Club, podio per Leonardo Ziino

di Adalgisa Ferlazzo*

leonardi.JPGDue atleti della nostra associazione sportiva lo scorso fine settimana hanno partecipato al “17° Torneo internazionale Olimpica Bellizzi” , gara organizzata dall’associazione Olimpica Judo di Bellizzi, provincia si Salerno.
Leonardo Ziino Classe Agonisti Esordienti A  e  Andrea De Salvo Classe preagonisti Ragazzi hanno disputato entrambi una bella gara, dimostrandola loro buona e costante preparazione in allenamento.

La gara  di judo  si è svolta in due giornate, Leonardo Ziino ha gareggiato sabato pomeriggio, nella sua ctg di peso, kg60, erano in 9 atleti, lui, dopo aver piazzato all’avversario  Ippon in pochi secondi  sia nel primo incontro che nel secondo, ha perso la finale per il primo posto perchè ha creduto poco alle sue capacità atletiche. Domenica sul tatami nella ctg kg 35 Ragazzi il giovanissimo Andrea De Salvo si è dovuto giocare ben 5 incontri, nella  categoria infatti erano in ben 21  atleti.

Andrea ha vinto i primi tre incontri, battuto al quarto incontro è andato avanti per partecipare ai recuperi ma purtoppo anche il quinto incontro non è andato bene e si è fermato al quinto posto; anche la sua preparazione comunque è molto buona, e tutti i risultati per ora sono buoni per migliorare e correggere gli errori che si commettono in gara.
Siamo comunque soddisfatti per le prestazioni dei nostri giovani judoka, buone promesse  e premesse per un  futuro agonistico di buon livello. 

*Presidente Sporting club di Lipari 

Lipari&Sporting Club, podio per Leonardo Ziinoultima modifica: 2012-11-26T17:46:09+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari&Comune. Totò, e io pago…

toto1.jpgLipari – Con determina del dirigente facente funzioni Livio Ruggiero per il progetto “Eolie wireless” sono stati liquidati €. 88.111,75 alla ditta ADMNet ltalia s.rI. di San Cesareo (Roma) a seguito pignoramento esecutivo.

Lipari – Con determina del dirigente Biagio De Vita sono stati liquidati euro 21.400,00bdevitapiccola.jpg alla compagnia assicurativa “Generali” di Milazzo per pagamento franchigie assicurative verso terzi e prestatori di lavoro.

Lipari – Con determina del capo area Lucio D’Ambra sono stati stanziati €.17.200,00 per lavori di manutenzione straordinaria del fabbricato di proprieta’ comunale sito in Localita’ San Vincenzo.

Lipari – Con determina sono stati liquidati i compensi professionali spettanti al legale dell’ Ente per avere difeso il Comune nelle varie cause giudiziarie. (OPERAZIONE TRASPARENZA: Atto non presente in conformita’ a quanto stabilito del garante della Privacy 2 marzo 2011).

Lipari&Comune. Totò, e io pago…ultima modifica: 2012-11-09T09:41:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari. Totò, e io pago…

toto1.jpgLipari – Con determina del dirigente Stefano Blasco sono stati liquidati €. 202.216,04 all’A.T.O. Me 5 -“Eolie per “Ambiente S.r.I.”, quale canone per servizio raccolta e smaltimento rifiuti espletato nel mese di Settembre 2012.

Lipari – Con determina del dirigente facente funzioni Agostina Natoli si è aderito anatolidonna.jpgall’offerta della Ditta Day Ristoservice S.p.a. di Bologna, per acquisto buoni pasto. Impegnata la somma di 19 mila e 800 euro.

Lipari – Con determina del dirigente Stefano Blasco sono stati liquidati 10 mila euro alla ditta Biviano sas per fornitura idrica a mezzo autobotte.

Lipari – Con determina dell sindaco Marco Giorgianni  è stato conferito un incarico all’avvocato Nunziatella Pajno. Stanziata la somma di 2 mila euro. Dovrà resistere in giudizio dinanzi al CGA di Palermo in esito al ricorso in appello proposto dalla Sig.ra Marina Rossi c/Comune di Lipari per l’annullamento dell’Ordinanza emessa dal TAR Sicilia.

Lipari. Totò, e io pago…ultima modifica: 2012-11-02T10:33:59+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari. Comune e conti che non quadrano. Il sindaco Giorgianni e l’assessore Biviano scrivono ai dirigenti “rispetto vincoli patto di stabilità”

mgiorgiannipiccola.jpgIn riferimento ai vincoli impoti dal patto di stabilità si comunica che il rispetto dei limiti di legge per l’anno 2012 è gravemente compromesso (siamo a 4-5 milioni di euro) dalla attuale mancata quadratura del bilancio, da un obiettivo proibitivo e da una serie di pagamenti a titolo II (investimenti anche del passato) non compensati da entrate del titolo IV (nuovi finanziamenti o alienazione di beni) e, pertanto a parzaile rettifica delle precedenti disposizioni dell’amministrazione si dispone quanto segue:

1) blocco di ogni spesa del titolo 1 che non risulta ancora impegnata (nel computo degli pegni rientrano gbivianopiccola1.jpganche le spese contrattualizzate e quelle obbligtorie per legge) o correlata ad entrata finalizzata, comprese le spese economti già oggetto di prenotazione di impegno. Sono fatte salve esclusivamente:

le spese di missione effettuate esclusivamente per urgenti ed inderogabili compiti d’itituto;

le spese di acquisto del carburante per l’utilizzo urgente e inderogabile dei mezzi comunali;

le spese connesse alla manutenzione delle elipsite di protezione civile e pronto soccorso:

rimborsi richiesti da altri enti per l’effettuazione di notifiche;

contributi unificati per la costituzione in giudizio;

2) blocco di ogni pagamento del titolo II, anche reltivo ad interventi concernenti l’utilizo di somme conservate a residui per le quali sono state rese note le relatiove prestazioni di servizi o fornitura di beni;

3) immediata accelerazione, da parte dell’ufficio ptrimonio el ‘ settore, delle procedure di vendita immobili disposte dall’amministrazione;

4) immediata accellerazione delle procedure di acquisizione, in termini di cassa, di finanziamenti statali e regionali. Particolari urgenti e indifferebili procedimenti di spesa potranno essere di volta in volta valutati e formalmente auorizzati dagli scriventi e dalla giunta municipale. Il servizio ragionria avrà cura di controllare che le disposizioni dell’organico politico vengano rispettate e restituirà al mittente ogni atto mministrativo non conforme alle stesse.

Il sindaco Marco Giorgianni e l’assessore alle finanze Giacomo Biviano

Lipari. Comune e conti che non quadrano. Il sindaco Giorgianni e l’assessore Biviano scrivono ai dirigenti “rispetto vincoli patto di stabilità”ultima modifica: 2012-10-16T11:02:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari&la villetta di Balestrieri

SSALTALAMACCHIALIPARIPICCOLA.jpgdi Silvano Saltalamacchia

Egregio signor Sindaco di Lipari, nelle ormai scadute elezioni, Lei personalmente nei vari incontri avuti vicino la sua casa di Via Cesare Battisti di Canneto, nei nostri casuali incontri notturmi, poiche’ ‘io abitavo a 10 mtri dalla sua casa,lei mi prometteva e non puo’ negarmelo, perche’ io ho fatti, circostanze e documenti che posso sempre dimostrarglieli a lei e anche a tutta la cittadinanza Liparese, che qualora fosse stato eletto si sarebbe interessato in primis al mio caso ormai vecchio di 28 anni  riguardante sempre alla acquisizione della mia ex ed ormai famosa Villetta abusiva di Via Balestrieri.

Le rammento e le voglio precisare il fatto che anche dopo l’articolo dimostrabile e pubblicato del mese corrente del giornale Nazionale 109, dove chiariva fatti e circostanze da parte di colui che occupa ancora abusivamente la mia ex Villetta, dal curatore fallimentare e da tutti coloro che sono i  responsabili del Comune di Lipari, Tecnici compresi dell’Ufficio Tecnico di Lipari, ad oggi purtroppo tutto tace, e tutto e’ ok…ne vergogne ne ripensamente ne fatti!!!

Ebbene, anche dopo la sua elezione dove ho avuto un colloquio con lei e per l’appunto alla casa Comunale dove lei in questo momento governa, mi prometteva giurando solennemente che a giorni tutto si sarebbe risolto, anche il suo assessore al Patrimonio e all’ambiente me lo aveva promesso, ma solo parole e non fatti, ad oggi lettere morte.

Questo e’ assai grave, carissimo Signo Sindaco, promettere e non mantenere, ma ormai a Lipari tutto e’ concesso, non possiamo stupirci, vedesi l’ordinanza n. 135 del 6 Settembre 2004 a firma Biagio De Vita, responsabile del III Settore Sviluppo e tutela del Territorio, ordinanza regolarmente firmata e notificata al Signor SCAFFIDI Salvatore di Vittoria, dove la suddetta Orinanza parla chiaro: SGOMBERO TOTALE e IMMISSIONE IN POSSESSO DA PARTE DEL COMUNE DI LIPARI. ORDINANZA mai eseguita.

Adesso desidero che lei mi risponde e mi deve  spiegare  Signor SINDACO, che misure ha preso a tutto oggi in un abuso cosi’ grave ed evidente? Ma a Lipari chi comanda?
A circa 3 o 4 mesi dalla sua elezione dopo tutte le sue promesse fattemi nella stessa sala dove lei occupa, dalla sua elezione a capo del paese, cosa ha fatto? Mi risulta niente. Tutto senza fondamenti, promesse vane, chiacchiere senza fatti. Anzi le comunico ufficialmente che sono veramente pentito di averle dato la mia preferenza, sciupando un voto molto importante. Mi vergogno di essere un Eoliano.
Aspetto una sua risposta, un suo intervento serio. Ma ho i miei dubbi…!!!!! La saluto e le auguro buon lavoro.

Lipari&la villetta di Balestrieriultima modifica: 2012-09-28T14:07:46+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Talenti E Territorio. Lipari, pioggia d’amici. Il video di Calandra

talentieterritorio.JPGPrevenzione, prevenzione, prevenzione. Gridavano stamane i cittadini da Lipari a Canneto, dopo la terribile pioggia che in due ore ha messo in crisi la maggiore isola dell’Arcipelago. L’attuale politica liparota dovrà pensarci. Seriamente. Non a chiacchiere. E non solamente in occasione di simili disastri. E meno male che non c’è scappato il morto. Perchè poco c’è mancato. Ma la disperazione dei cittadini è grande. E aumenta ogni qual volta piove. La precedente giunta comunale e la precedente ancora, e quella precedente ancora (e cosi’ all’infinito) nulla avevano fatto per mettere in sicurezza l’isola dal pericolo di piogge torrenziali che periodicamente assillano ed impauriscono gli isolani. Ecco la priorità, piu’ di tutto il resto. La priorità nella vita di una comunità è la salvaguardia alla vita stessa. Per non piangere dopo. Questi fiumi d’acqua e di fango (tanto per essere sempre monotoni) sono frutti e figli di uno sciagurato modo di cementificazione isolana, di uno sciagurato modo di abbandono manutentivo delle strade, di uno sciagurato modo di trasformare la campagna in abbandono e di uno sciagurato progetto di ignoranza tecnica che la politica ha spronato per assecondare amici e compari di turno. Tutti i politici hanno amici, tutti gli amici hanno politici. A pioggia. Così quando piove, non si sa a chi santo votare…

Il video di Calandra curato da Claudio Massarelli
http://www.bartolinoleone-eolie.it/calandra15092012.wmv

http://www.bartolinoleone-eolie.it/calandra15092012.wmv

Talenti E Territorio. Lipari, pioggia d’amici. Il video di Calandraultima modifica: 2012-09-16T09:35:14+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Eolie, in arrivo “La Carta dei Sentieri”

gbivianopiccola2.jpgdi Giacomo Biviano*

Il Comune di Lipari nell’ambito del programma DUPIM PIST Isole Minori, ha avuto finanziato il progetto “Carta dei Sentieri” che prevede la realizzazione di pannelli informativi e brochure descrittive dei sentieri e del paesaggio naturalistico delle isole.

Il Progetto è stato affidato al CNE – Centro Naturalistico Europeo srl., e dopo il completamento della prima fase, che prevedeva il rilievo e la progettazione del materiale informativo, la ditta affidataria del progetto ha comunicato che giorno 17 settembre p.v., alle ore 11.00, presso l’ufficio Programmazione e Turismo del Comune di Lipari (Palazzetto dei Congressi), consegnerà i pannelli informative ed alcune copie delle brochure descrittive dei sentieri e del paesaggio naturalistico delle isole eolie.

I pannelli informativi, con l’ausilio del Ns. personale operaio, potranno essere installati già da subito nei siti predisposti nel nostro territorio.

*Assessore alla Programmazione e ai Beni Ambientali.

Eolie, in arrivo “La Carta dei Sentieri”ultima modifica: 2012-09-08T09:47:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari&Comune. “A quando l’immissione in possesso delle costruzioni abusive?”

SSALTALAMACCHIALIPARIPICCOLA.jpgdi Silvano Saltalamacchia

Sono terribilmente arrabbiato per tutti quelli che fanno finta di niente ancora all’Ufficio Tecnico del Comune di Lipari.

Chiedo e vorrei sapere come mai si eseguono solo ordini di demolizioni e non  riescono ad immettere in possesso del Comune di Lipari ben 30 fabbricati sparsi nelle 6 Isole Eolie, fin dall’anno 1984, arrecando anche un gravissimo danno ERARIALE?

Tutto questo credo che e’ ora che la neo assessore Gabriella Berzoli Gabriella lo debba valutare, e debba agire immediatamente, chiedendo al responsabile del 3 settore Biagio De Vita, quali siano i motivi per non agire, perche’ io personalmente e i cittadini vogliamo saperlo.

Al Comune mi sono già recato presso l’Ufficio Tecnico del Comune di Lipari  per accedere al mio fascicolo, per poter estrarre alcuni documenti, mi l’impiegata mi negava l’accesso perchè dopo che mi ero recato in preecdenza per ben due volte, era dispiciatuta a non potermi  consegnare le copie, perche’ nel fascicolo esistevano copie riservate allo stesso Ufficio Tecnico.
Ebbene non riesco a capire tale decisione e tale scusa. Rimango frastornato ed incredulo, ma purtroppo e’ cosi’. Premetto che ero in possesso di regolare documento per l’accesso al mio fascicolo, firmato dall’ex sindaco MARIANO BRUNO.

Lipari&Comune. “A quando l’immissione in possesso delle costruzioni abusive?”ultima modifica: 2012-09-03T14:18:24+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari&Comune. Totò, e io pago…

toto1.jpgLipari – Con determina del dirigente Giovanni Famularo sono stati liquidate le indennita’ di carica agli amministratori comunali. Mese di luglio 2012. Rag. Marco Giorgianni, sindaco intera mensilita, Sig. Bartolo Lauria, assessore intera mensilità, gfamularo1.jpgDott. Giacomo Biviano -Assessore -50% di quanto dovuto, in quanta lavoratore dipendente cosi’ come comunicato verbalmente dallo stesso, dottoressa Federica Masin assessore intera mensilità, architetto Gabriella Berzioli, assessore intera mensilità. Per il sindaco l’indennità è di 5 mila 579 euro,05, per gli assesosri e il presidente del consiglio comunale Adolfo Sabatini 1.610,57.

Lipari – Con determina del delegato per l’emergenza Marco Giorgianni sono stati affidati alla ditta Concetta Bartolone i lavori di manutenzione straordinaria di un tratto di muro e della strada comunale Rocche Acquacalda dell’isola di Lipari, al fine di migliorare la viabilita’. Stanziati 19 mila euro.

Stromboli – Con determina del delegato per l’emergenza Marco Gorgianni sono stati liquidati € 4.695,41 alla ditta di Dario Letizia per i lavori urgenti di pulizia del Torrente S. Vincenzo dell’isola di Stromboli, per la salvaguardia ed il miglioramento della viabilita’ esistente.

Stromboli – Con determina del delegato per l’emergenza Marco Giorgianni sono stati affidati alla ditta di Pio Letizia i lavori urgenti di manutenzione del pontile aliscafi dell’isola di Stromboli. Stanziata la sommma di 23 mila e 700 euro. A queste spese si farà fronte grazie ai soldi del ticket pagato dai turisti.

Lipari&Comune. Totò, e io pago…ultima modifica: 2012-08-09T10:02:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari. Rosario Zagami un operatore ecologico esemplare

rzagami.JPGLipari – Un operatore ecologico esempleare. Rosario Zagami, 62 anni, anche se non piu’ giovane, si applica con passione all’attività. E’ decentrato a Marina Lunga. E’ sempre all’opera con zelo e abnegazione. La sua opera non passa inosservata. La pulizia si vede. E riceve anche i complimenti degli isolani e dei vacanzieri. Insomma, un esempio per i piu’ giovani.

Lipari. Rosario Zagami un operatore ecologico esemplareultima modifica: 2012-08-07T10:41:24+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, “aliscafi e traghetti a Messina”. Sardella “si convochi un consiglio straordinario”

giovannisardellapiccola.jpgdi Giovanni Sardella*

Essendo venuto a conoscenza della volontà dell’Amministrazione del Comune di Milazzo di istituire una  “tassa di imbarco” o “di sbarco” per quanti si recano nelle Eolie, chiedo alla S.S. di convocare in sessione urgente il Consiglio Comunale con all’o.d.g.: “Trasferimento di tutti i servizi marittimi dal Porto
di Milazzo al Porto di Messina. Discussione ed autorizzazione al Sindaco per inoltrare la richiesta alle Autorità competenti.

*Consigliere comunale UDC

Lipari, “aliscafi e traghetti a Messina”. Sardella “si convochi un consiglio straordinario”ultima modifica: 2012-07-28T09:23:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, Marina Corta&spettacoli

di Francesco Bertè

festa.pngFinalmente dopo dieci anni comincio a vedere barlumi di sole in merito a spettacoli alle Eolie, sono spettacoli come quelli di questa sera che devono fare da cornice al nostro territorio, con piccoli palchi che non deturpano l’ambiente, arredati in modo sobrio e di buon gusto.

Sono artisti come quelli di questa sera che possono essere trampolino di rilancio ad una economia turistica che in dieci anni non si è intrapresa, sicuramente i nostri artisti Liparoti non sono da meno, ma pensate di mangiare a pranzo sempre pasta e pomodoro, ci si stanca e si finisce per non apprezzare più arte locale.festa1.png
 
Mi complimento a chi si è adoperato per l’organizzazione di questo evento, che possa essere quel modo di intendere un rinnovamento e di una riproposta di un territorio.
Fondamentale l’arrivo del vigile per fare spostare i numerosi taxi presenti in piazza, anche pericolosi per i bambini che vi giocavano, non ne vogliano a male i molti amici che hanno i taxi, ma non è decoroso l’assedio di numerosi taxi in piazza.
Lipari, Marina Corta&spettacoliultima modifica: 2012-07-27T09:09:15+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari&Centro Studi. Presentati i volumi “Vent’anni” e “Attilio Manca, il tradimento di Provenzano”. Le nostre interviste a Natia Migliori e a Rosita Rijtano.

Lipari – Presentati i libri “Vent’anni” di Daniela Gambino e Ettore Zanca e “Attilio Manca, il tradimento di Provenzano” di Rosita Rijtano editi da Coppola. E’ intervenuto Francesco Rizzo. Le interviste a Natia Migliori e Rosita Rijtano.

rosita2607.jpg

http://www.bartolinoleone-eolie.it/reitano-migliore26072012.wmv

http://www.bartolinoleone-eolie.it/reitano-migliore26072012.wmv

granata natoli lipari

Lipari&Centro Studi. Presentati i volumi “Vent’anni” e “Attilio Manca, il tradimento di Provenzano”. Le nostre interviste a Natia Migliori e a Rosita Rijtano.ultima modifica: 2012-07-27T09:07:31+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari&Comune. Totò e io pago…

toto1.jpgLipari – Con determina del dirigente Stefano Blasco sono stati liquidati 4 mila e 28 euro allo studio chimico del Dott. Bartolo Capone di Milazzo per l’espletamento dell’incarico professionale di consulenza tecno-analitica per la supervisione.

Lipari – Con determina del sindaco Marco Giorgianni è stato conferito un incarico all’avvocato Peppe Cincotta di Lipari per opporsi al ricorso presentato davanti al giudice del lavoro del tribunale del lavoro di Barcellona dalla dipendente comunale Avv. Sindoni Milena che ha richiesto di riconoscere la responsabitita’ del Comune di Lipari per danni economici subiti dalla stessa sia per il mancato rimborso di somme scaturenti per spese varie sostenute per missioni, che per il mancato pagamento dei compensi dovuti per l’attività svolta nella qualità di archivista notarile mandamentale. Anticipata la somma di 1300 euro.

Lipari- Con determina del dirigente Stefano Blasco sono stati lquidati 4 mila e 200 euro alla ditta GF Ambiente per manutenzione straordinaria banco dati servizio idrico integrato ai fini della emissione della fatturazione anno 2010.

Lipari – Con determina del dirigente Biagio De Vita è stato pagato il premio assicurativo di  €.2.021,00, per il rinnovo delle polizze di assicurazione incendio con l’Assicurazione Generali per i fabbricati comunali. 

Lipari&Comune. Totò e io pago…ultima modifica: 2012-07-21T10:07:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

C’E’ POSTA PER “IL NOTIZIARIO”. Lipari&L’Era Glaciale 4. “Pizzini al posto degi inviti”

Gentile direttore,

email7.jpgVenerdì 6 luglio si è svolta all’Anfiteatro del Castello di Lipari la manifestazione inerente la presentazione in anteprima del film “L’era glaciale 4 – continenti alla deriva”. Tale evento, atteso da numerosi bambini, ha generato a molti di loro una profonda e funesta umiliazione e delusione. Innumerevoli manifesti hanno tappezzato muri e negozi del paese per pubblicizzare tale evento sui quali era espressamente scritto l’orario di inizio alle ore 21.30. A chi chiedeva informazioni o modalità per poter accedere alla visione nei luoghi dove erano apposti tali manifesti o al Centro Studi, ente presumibilmente a cui era affidata l’organizzazione dell’evento, nessuno sapeva dare spiegazioni, né era comprensibile dagli stessi.

Numerosi gruppi di bambini, quindi, si sono recati all’anfiteatro dove hanno scoperto che bisognava avere degli inviti per accedere, che l’organizzazione avrebbe dovuto distribuire nei giorni precedenti, cosa che è avvenuta in modo molto celato e riservato solo a persone selezionate. L’atteggiamento più rammaricante è stato quello verificatosi all’ingresso in quanto, con un solo invito, accedevano svariate persone. Si è verificato che gruppetti di bambini evidentemente appartenenti ad una classe sociale più debole che non erano riusciti ad avere il biglietto, piazzati davanti al cancello dalla ore 20.00 circa, invocavano umilmente di entrare, accontentandosi anche di stare in piedi in un angolino e senza occhiali, visto che la visione del film era in 3D; venivano ripetutamente spintonati da una persona che monitorava l’affluenza del pubblico e che consentiva l’accesso a persone altolocate prive di invito o che esibivano “pizzini”. 

Di simili ne sono circolati svariate decine che l’addetto all’ingresso raccoglieva insieme agli inviti, e date le loro ridotte dimensioni, alcuni sfuggitigli dalle mani, sono stati raccolti dalle poche persone rimaste dietro il cancello, chiuso bruscamente in faccia, dopo aver intimato agli stessi di andar via e ritornare alle ore 24.00, compreso quelli che erano in possesso dei regolari biglietti d’ingresso.

La Twentieth century fox, attenta come sempre nell’organizzazione di simili eventi, aveva predisposto l’ingresso di circa 600 persone alla proiezione delle 21.30, in maniera tale da garantire la sicurezza degli spettatori, ma nonostante all’interno dell’anfiteatro vi fossero più di 900 spettatori (come più volte ribadito dagli organizzatori dell’evento) ci si chiede come mai fuori dai cancelli almeno una cinquantina di persone in possesso dell’invito per la proiezione delle 21.30 non siano riuscite ad entrare….Tanto per cambiare i favoritismi hanno vinto la partita, purtroppo a discapito dei più piccoli indifesi.

Tale atteggiamento è da ritenere deplorevole nella nostra società in cui si parla di sensibilità e uguaglianza solo davanti alle telecamere o quando si canta e suona in chiesa con la chitarra in mano dicendo: “Siamo tutti fratelli…”.  

Lettera firmata

C’E’ POSTA PER “IL NOTIZIARIO”. Lipari&L’Era Glaciale 4. “Pizzini al posto degi inviti”ultima modifica: 2012-07-10T11:01:03+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, in vacanza Gilberto Benetton con il suo”Nanook”

gbenetton.jpgLipari – Vacanze eoliane anche per Gilberto Benetton. E’ giunto con il mega-yacht benetton11.jpg“Nanook” a Lipari.  Presidente di Edizione Holding, la benetton2.jpgfinanziaria di famiglia, Presidente di Autogrill e’ anche consigliere del Gruppo Benetton. E’ vicepresidente di Olimpia e azionista di riferimento di Telecom Italia, dove ricopre la medesima carica. E’ inoltre consigliere di Autostrade, Mediobanca, Pirelli, Infrastrutture e Sviluppo.

Lipari, in vacanza Gilberto Benetton con il suo”Nanook”ultima modifica: 2012-07-04T09:10:53+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, giovane mamma perde il bimbo per una complicanza

sagrip1.jpgdi Salvatore Agrip
 
Mi viene riferito da fonte certa che una giovane mamma in procinto di partorire a Lipari, avrebbe perso il suo bimbo per una complicanza dell’ultimo momento.
Potremmo sapere dalle autorità preposte che cosa effetivamente è accaduto e chiedere anche un intervento dell’assessore ai servizi socio-sanitari Gacomo Biviano?
 
 
Lipari, giovane mamma perde il bimbo per una complicanzaultima modifica: 2012-06-29T22:31:30+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, Tar&depuratore

depuratore.jpgdi Antonino Giardina*

FINALMENTE!Come si suol dire “chi la dura la vince”! Si, finalmente il TAR del Lazio, per il DEPURATORE a “CANNETO DENTRO” ha accolto il ricorso proposto dai cittadini di Lipari, per il tramite dell’instancabile opera dell’ avv. Paolo Intilisano che con grande senso professionale si è prodigato e fortemente distinto, unitamente al positivo supporto della CODACONS. Per tutte le battaglie condotte, principalmente dai residenti di Collo, Pirrera e Canneto; per il progetto contestato e disprezzato dalla popolazione eoliana, in un sito “CANNETO DENTRO” solo conveniente per alcuni e per nulla giustificato per l’economia e il bene della nostra Lipari;  per l’impegno costante, a rifiutare a gran voce, la costruzione di una gigante vasca, “raccogli tutto”, sia a “UNCI” dove si andava a deturpare e denigrare la splendida spiaggia che DIO ha voluto consacrare a questa frazione, sia a Sottomonastero nelle vicinanze delle biglietterie dove, col probabile fetore, si dava il benvenuto e il saluto ai tanti turisti e a noi cittadini in arrivo ed in partenza;  per i sacrifici, e non solo economici, che sono stati sopportati; SENTO nella qualità di libero cittadino e di Presidente dell’ASSOCIAZIONE “PER CANNETO”, il dovere di ringraziare pubblicamente, quanti si sono adoperati con intensa presenza, discussioni e suggerimenti, alle probblematiche del caso “DEPURATORE A CANNETO DENTRO”.

Particolari ringraziamenti sono: per l’avv. Paolo Intilisano e l’avv Antonio Cardile (Presidente provinciale della Codacons); per la Sig.ra Silvia Carbone, per la sig.ra Anna Miracola, per il sig. Pietro Lo Cascio; per tutti i Sigg. che sono sempre stati vicini con responsabile operosità.

Sento di dover concludere esprimendo un personale pensiero: il nostro territorio dovrà essere sempre gestito da coloro che rappresentano i cittadini perchè solo essi dovranno dare le giuste decisioni per il bene delle nostre Eolie. L’imposizione di progetti e di opere illegali, di un qualsiasi Commissario delegato nominato, (come nel caso DEPURATORE A CANNETO DENTRO,) si ha motivo di credere, per tornaconto, dovranno essere sempre scoraggiate e combattute, perchè alla fine il popolo ha sempre ragione e le battaglie sulle illegalità vengano vinte.

Pregherei chi sta alla guida della nostra Comunità, ed alle Istituzioni tutte, di ricercare, in base all’esperienza vissuta oggi, una collaborazione costruttiva con la collettività affinchè il nostro territorio non venga gestito da mani estranee ma salvaguardato perchè il bene delle nostre Isole equivale al bene di ognuno di noi.

*Presidente associazione “Per Canneto”

Lipari, Tar&depuratoreultima modifica: 2012-06-20T14:56:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari&Centro riabilitazione

slongo.jpgdi Simonetta Longo

La comunicazione approssimativa possiamo permettercela perchè non abbiamo in casa bambini con patologie lievi, medi, gravi o anziani in attesa di assistenza e non viviamo sù un Isola, dove solo Eolo e Nettuno decidono se si parte e se si arriva “in continente” o no. Lo Slogan.. “Isolani Si Isolati No”, mi dà coraggio che “Uniti Si Vince” . La demagogia, le illusioni, le mezze verità in questo sistema ASP-S.S.R-COOP.

Ormai è un “fardello” sconveniente soprattutto in un periodo di razionalizzazione di risorse e di notevoli disservizii agli utenti. Il servizio di riabilitazione ex art. 26 L.833/78 consiste in attività di recupero e rieducazione funzionale attraverso un trattamento globale della condizione di menomazione e/o disabilità. Se il paziente interessato si trova in età evolutiva, un corretto approccio richiede un contestuale apporto multidisciplinare medico, psicologico e pedagogico.Le attività sono organizzate in tre aree, dove si opera prevalentemente sull’acquisizione (abilitazione) e recupero (riabilitazione) delle abilità relazionali, cognitive e motorie.Le attività possono essere in regime ambulatoriale, domiciliare e semiresidenziale. Un bambino che ha una qualsiasi patologia:autismo, ritardo, encefalopatie, disturbi dell’apprendimento ecc.ecc, non può cominciare un progetto riabilitativo che dura 4 mesi e cambiar tre terapisti, quindi diverso modo di esser, di entrar in contatto, di lavorare, empatia, fiducia…non può cominciar un progetto dopo un anno, perchè le cose cambiano, il cervello è plastico, ma gli stimoli cognitivi e riabilitativi nell’età evolutiva son diversi ed anche la possibilità di recupero funzionale degli arti, dell’autonomia, della lettura, scrittura, della solitudine, degli abusi. La continuità assistenziale alle Eolie non esiste? Il centro di riabilitazione di Canneto/Lipari risponde al bisogno di tutte le Isole Eolie, già penalizzate dalla condizione d’insularità (immaginate una famiglia di Lipari con 2 figli con handicap che prende un aliscafo con i ritardi e disservizii presenti, per spostarsi a Milazzo, poi prendere un autobus o un taxi,x arrivare all’Aias o ad Oreto x un trattamento di 45 min. a volte??? con le liste d’attesa che vi sono, visto i centri non riescono già a soddisfare i bisogni del territorio limitrofe!!!

L’intervento riabilitativo è rivolto maggiormente a soggetti affetti da: ritardo mentale; disabilità motorie di origine neurologica ed ortopedica; distrofie muscolari e neuromuscolari; sindromi genetiche, dismetaboliche e cromosomiche; danni encefalici primari e secondari; malattie epilettiche; disturbi cognitivi, emotivi e comportamentali; disturbi neuropsicologici; disturbi sensoriali e neurosensoriali; disturbi dell’apprendimento; disturbi della comunicazione; disturbi del linguaggio; disturbi della interazione sociale. Le finalità degli interventi riabilitativi sono:  Recupero dello sviluppo senso-percettivo e percettivo-motorio; Abilità visuospaziali, visuomotorie e discriminazione visiva;
Schema Corporeo e abilità psicomotorie nella comunicazione; Attenzione, memoria, abilità cognitive e metacognitive; Coordinazione oculo-manuale; Memoria visuo-spaziale e orientamento spazio-temporale; Manualità fine (prassie); Abilità grafomotorie (pregrafismo) e pre-requisiti dell’apprendimento; Abilità lettura, scrittura e calcolo; Autonomia personale.

Gli anziani muoiono privi di un minimo d’assistenza, se non possono pagare. Immaginate un anziano con ischemia cerebrale che prende un aliscafo, con porti così poco agibili, naviga per circa due ore, poi và in macchina al primo centro di Riabilitazione, Milazzo o Oreto. per 45 min.di trattamento (anche 3-4-5 terapia sett.). Alle Eolie la legge 104 non è un diritto?
Incredibile si è persa la dimensione dell’uomo, i suoi bisogni, la qualità della vita; spostiamoci e centriamoci sulla convenzione Ssr ed Asp scaduta il 31/05/2012, e poi fra Ssr e le tre Coop…!! Ora concentriamoci sui i 150 lavoratori sottopagati, con ritardi anche di un anno, sempre sul filo della precarietà, DELLA PREPOTENZA, dell’ignoranza, in cassa integrazione, senza stipendio, spesso senza contributi versati, trasferimenti e licenziamenti…Un sistema che crea disservizio su tutti fronti: il lavoro dell’equipè multidisciplinare, Npi,fisiatra,ass.sociale,psicologo,fisioterapisti,logopedisti,pedagogisti,psicomotricisti ecc..è anche garantire stabilità,professionalità e coerenza e non può esser garantito un diritto all’assistenza in tali simili situazioni, né per gli utenti né per i lavoratori. Carenza di strutture, di materiali, di stabilità-continuità. Poli ha pagato fino a febbraio? Perchè le coop.non pagano i lavoratori…? Una famiglia con un bimbo con handicap deve conferire con tutti questi interlocutori per documenti, cartelle, certificati di frequenza..ecc..che non stanno in loco? A CHI SERVE QUESTO MATRIOSCHICO SISTEMA?… “NON LASCIAMOLI SOLI”…  Io non mollo,è un dovere civico,come residente e rappresentante popolare e professionale,come addetta ai lavori.

Lipari&Centro riabilitazioneultima modifica: 2012-06-07T09:53:14+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Eolie, quali porti?

plagreca5.jpgdi Pino La Greca*

In questi giorni si legge parecchio sulla portualità delle Isole Eolie e specificatamente per quella di Lipari, infatti, le altre isole sono state dimenticate. Nessuna programmazione è stata portata avanti per 5 delle 6 isole che compongono l’arcipelago del Comune di Lipari. Riteniamo, pertanto, che sia prioritario che il consiglio comunale “riapra” il fascicolo Piano Regolatore dei Porti per programmare lo sviluppo dell’intero arcipelago. Veniamo adesso alla portualità di Lipari. Gli ultimi atti posti in essere dall’ex sindaco Bruno sono stati: una deliberazione di Giunta Municipale la n. 25 del 6 aprile 2012 e l’indizione di una conferenza di servizi il successivo 23 aprile.

Noi di Legambiente abbiamo proposto un ricorso contro tale presa d’atto perché a nostro parere il progetto presentato dalla Lipari Porti S.p.A. ha delle profonde contraddizioni con quello che è lo sviluppo del nostro territorio.

Cercherò di sintetizzarle: Le deliberazioni assunte dai precedenti consigli comunali avevano quale presupposto fondamentale e principale quello di dotare il Porto di Sottomonastero delle necessarie infrastrutture atte a consentire l’ormeggio protetto di navi ed aliscafi, nonché l’offerta di ospitalità per la crocieristica. Come scritto nella relazione generale di presentazione del progetto di Condotte d’Acqua a firma della Gea Tecnica s.r.l. possiamo leggere: (…) L’intervento di riorganizzazione del porto commerciale di Sottomonastero rappresenta l’impegno più complesso e contemporaneamente più urgente per risolvere i problemi dei collegamenti marittimi e dare adeguata accoglienza ad oltre un milione di passeggeri che ogni anno transita dallo scalo marittimo.

Il progetto originario prevedeva opere (…) bastevoli all’accosto contemporaneo di due navi traghetto e di quattro aliscafi, in modo da assicurare l’agibilità in tutto l’arco dell’anno ai vettori delle  Società di navigazione pubbliche e private. (…) in più, sul lato sopravento del nuovo molo, è previsto, in condizioni di buon tempo (stagione turistica), l’ormeggio di una nave da crociera con dislocamento sino a ton 20.000 e lunghezza di mt. 200, rendendo così lo scalo fruibile a quelle navi  ancora costrette a rimanere alla fonda.

Tale previsione progettuale è stata totalmente abbandonata. Le opere previste nel progetto della “Lipari Porti S.p.A.”, delineano delle precise scelte strategiche di assetto e di sviluppo complessivo spaziale e funzionale dell’area portuale dell’intera isola di Lipari, per i prossimi 40-50 anni, tali da esautorare il Piano Regolatore dei Porti, senza tuttavia risolvere i problemi legati alla portualità di Sottomonastero.

Ma c’è di più. Il progetto della “Lipari Porto S.p.A.”, così come approvato dall’ex sondaco Bruno ed indirizzato alla sola portualità turistica nella rada che va da Sottomonastero a Pignataro, compromette qualsiasi programmazione di espansione per la portualità commerciale, passeggeri e crocieristica del nostro Comune, ribaltando la volontà originariamente espressa dai consigli comunali precedenti. Se per un qualsiasi motivo il porto di Sottomonastero diventasse inagibile o inoperativo per prolungati periodi di tempo (a causa di danni per mareggiate o per danni dovuti ad ingrottamenti ecc.ecc.) nessun’altra previsione di nuova portualità commerciali, passeggeri e crocieristica è possibile all’interno della rada di Lipari che sarà totalmente occupata dalle strutture turistiche, inadatte, ad accogliere il traffico passeggeri e merci delle navi e degli aliscafi di Linea.

Il progetto della “Lipari Porto S.p.A.”, approvato dall’ex amministrazione Bruno è in contrasto con le previsioni del Piano Strategico Regionale che prevede la realizzazione della portualità turistica esclusivamente a Pignataro e non prevede strutture portuali a Marina Corta e Marina Lunga. Il piano è del 2006 ed era noto a tutte le parti. Perché programmare un diverso sviluppo in contrasto con quello previsto dalla Regione senza aver preventivamente chiesto un parere alla Regione  Siciliana?

Il progetto della “Lipari Porto S.p.A.” è in contrasto con la classificazione dei Porti in questa sede ci limitiamo a ricordare che Marina Lunga è classificata come petrolifera, mentre Marina Corta è classificata commerciale e servizio passeggeri. Anche in questo caso la classificazione era nota già nel 2006, ed allora perché programmare una diversa classificazione senza aver preventivamente chiesto un parere alla Regione  Siciliana?

Ulteriore elemento, fondamentale per noi, il rischio di cancellazione del nostro arcipelago della Heritage List dell’Unesco. L’Unesco si è espresso negativamente verso un progetto che prevede un impatto ambientale e paesaggistico di queste dimensioni da realizzare in assenza di un Piano Regolatore dei Porti.

A tutti coloro che ci ritengono degli estremisti vorrei ricordare che l’articolo 9 della Costituzione Italiana: “La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione’. La Corte Costituzionale in una sentenza del 1986 ha indicato la ‘primarietà del valore estetico-culturale che non può essere subordinato ad altri valori, ivi compresi quelli economici e anzi indica che la stessa economia si deve ispirare alla cultura, come sigillo della sua italianità. La promozione della sua conoscenza, la tutela del patrimonio artistico non sono dunque un’attività ‘fra altre’ per la Repubblica, ma una delle sue missioni più proprie, pubblica e inalienabile per dettato costituzionale e per volontà di una identità millenaria. Anche il T.A.R. Bolzano, II sez., 6 maggio 1996, n. 115 ha ribadito che la tutela del paesaggio non richiede alcuna comparazione con l’interesse del privato e prevale su una eventuale vocazione urbanistica del territorio

La tutela del paesaggio e del patrimonio storico-artistico di Lipari, delle Baie di Marina Lunga e Marina Corta (disegnate e raccontate dall’epoca minoica), per noi liparoti (ricordo in questa sede anche la presa di posizione della Federalberghi delle Isole Eolie) è fondamentale; è la nostra carta d’identità. Si può operare senza distruggere irrimediabilmente il panorama. L’esperienza dei pontili galleggianti ha indicato una soluzione percorribile e da incentivare.

Veniamo alle proposte: Il consiglio comunale di Lipari con Deliberazione n. 22 del 06.02.2009, approvata all’unanimità dei presenti, ha deliberato di impegnare l’amministrazione comunale a porre in essere tutti gli atti consequenziali per l’approvazione da parte del consiglio comunale di Lipari, del Piano Regolatore Generale dei Porti del Comune di Lipari. Oggi la Nuova Amministrazione può porre in essere tale deliberato.

Porto Pignataro – possiamo facilmente realizzare la darsena turistica come previsto dal Piano strategico regionale e secondo le indicazioni di buona parte della nostra comunità. Allego uno degli elaborati realizzati dall’arch. Roberto Valle (per conto del Comune di Lipari) che disegnano uno sviluppo diverso da quello della Lipari Porti S.p.A. ed altrettanto valido. Realizzando la struttura possiamo dare una risposta adeguata alla domanda proveniente dal diportismo nautico;

Baia di Marina lunga – va consentito agli attuali gestore dei pontili di presentare eventuali ipotesi di ampliamento e di protezione dai marosi sempre con moduli galleggianti nella stagione estiva;

Porto di Sottomonastero – dobbiamo rapidamente concretizzare il progetto della messa in sicurezza come indicato dall’arch. Valle (per conto del Comune di Lipari) che raccoglie i pareri favorevoli di tutti gli addetti ai lavori e ci consente di mettere in sicurezza navi ed aliscafi anche in condizioni meteo marine avverse;

Porto di Marina Corta – dobbiamo organizzare l’attuale struttura e, a mio parere, realizzare una sistema di pontili galleggianti sul lato esterno all’attuale molo lato nord per ampliare l’offerta estiva.

All’interno di queste previsioni va rimodulato il rapporto con la Lipari Porti S.p.A. Tutti gli eoliani vogliono i porti, porti funzionali, utili alla nostra comunità, che scaturiscano da un Piano Regolatore dei Porti frutto di un dibattito ampio e trasparente, senza imposizioni verticistiche, porti che diventino risorsa economica di tutti gli operatori commerciali eoliani e non risorsa economica in mano di pochi.

*Coordinatore di Legambiente delle Eolie

LIPARI – PRGP 2005.pdfproposta porto Pignataro valle.pdfproposta sottomonastero Valle -4.pdf

Eolie, quali porti?ultima modifica: 2012-05-27T20:30:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Eolie&trasporti. Nuova iniziativa di “Vento Eoliano”

agugliottadonnapiccola.jpgVista la preoccupante situazione inerente i tagli ai collegamenti marittimi per le Isole Minori effettuati dalla Regione Siciliana, il Movimento civico “Vento Eoliano” insieme all’U.G.L. Giovani Messina, seriamente allarmati, hanno ritenuto opportuno richiedere ulteriori delucidazioni all’Assessorato Regionale competente sulla  effettiva entità di tali decurtazioni, con riguardo alle somme effettivamente spese per  l’anno 2011, al fine di poter meglio conoscere la loro reale portata. Se sarà necessario studieremo ogni singola voce del bilancio regionale al fine di poter individuare le somme necessarie al mantenimento di quello che, per noi Eoliani, non è semplicemente un diritto alla mobilità, ma sopravvivenza. Fiduciosi in una repentina risposta terremo alta la guardia  affinché i nostri diritti non vengano ulteriormente mortificati, sperando che, risolto definitivamente (?) il rebus assessori, anche l’amministrazione cominci a far sentire forte la voce degli Eoliani a Palermo.

Ecco la lettera:

Con la presente il movimento civico “Vento Eoliano” e l’U.G.L. Giovani Messina, viste le precarie condizioni finanziarie della Regione Siciliana e le ripetute ed allarmanti notizie in merito ad una eccessiva ed ingiusta decurtazione dei fondi regionali destinati ai trasporti marittimi da/per le Isole Minori, fondamentali al fine di tutelare il diritto alla mobilità sancito in Costituzione, chiedono di conoscere, 

1) l’ammontare delle somme inserite nel previsionale di bilancio 2011 e 2012 riguardo i trasporti marittimi con le Isole Minori e la relativa spesa effettivamente sostenuta dalla Regione Siciliana nell’anno 2011;

2) gli armatori  beneficiari di tali importi e la relativa ripartizione delle somme;

3) di acquisire copia dei contratti di servizio stipulati con le gli armatori beneficiari.

Avv. Felice Panebianco                           Avv. Francesco Rizzo                     Dott.ssa Annarita Gugliotta

(Segr. Prov. U.G.L. Giovani Messina)      (Fondatore “Vento Eoliano”)      (Cons. Com. di Lipari “Vento Eoliano”)

Eolie&trasporti. Nuova iniziativa di “Vento Eoliano”ultima modifica: 2012-05-22T19:47:39+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Da Firenze in linea Francesco Valastro

FVALASTRO.JPGdi Francesco Valstro

= qui ci sono i leoni!

= qui inizia la terra dei leoni!

= qui si catturano i leoni per le arene!

= qui abitano persone pericolose!

= qui bisogna conoscere qualcuno anche per esercitare il più banale dei diritti sanciti!

= qui abita un popolo corrotto, colluso e compromesso!

= qui si ha paura d’indispettire i poteri forti perfino aderendo a una Onlus!

= qui finisce la società.

Come promesso ecco l’elenco: n. 0 telefonate; n. 0 messaggini; n. 0 adesioni. Di fronte a questo strabiliante risultato mi sono detto: qui c’è qualcosa che non va! Delle due l’una: o non hanno letto i notiziari, e il che mi sembra molto improbabile, o sta a vedere che questi, furbi, astuti e scaltri per come sono, si sono accorti del trucco.

Miii…! Non hanno risposto per non farmi ricaricare il cellulare. Immagina, hanno perfino scoperto che il mio cellulare si ricarica di 1 euro per ogni 20 minuti di chiamate.

Auguri Lipari.

Da Firenze in linea Francesco Valastroultima modifica: 2012-05-08T14:12:58+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, strade sempre piu’ a perdere. A rischio la bretella di Unci

afavatagruppo.JPGLipari – Strade sempre piu’ a perdere nella maggiore isola delle Eolie. Dopo la via Falcone-Borsellino in cui sono in corso i lavori tra l’altro già contestati dai nostri lettori per come è stato sistemato il manto stradale, adesso è toccato alla bretella di Unci. Stamane è stata interessata da uno sgrottamento e un tratto della rotabile è stata transennata. Una ricognizione è stata fatta dagli ispettori della polizia municiplae Francesca De Pasquale e Franco Ficarra e dai dipendenti comunali Antonio Favata e Michele Acquaro. La causa del danno –  per quel che è trapelato – è stata causata da una condotta idrica a perdere, collegata al dissalatore.   

Lipari, strade sempre piu’ a perdere. A rischio la bretella di Unciultima modifica: 2012-05-06T17:54:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari&Consiglio comunale. Sarino Centorrino maglia rosa. Mario Cincotta maglia nera

scenturrino.JPGmcincottastrombolipiccola.jpg

 

 

 

 

 

PRESENZE CONSIGLIERI COMUNALI 2007 – 2011 
   
  1 CENTORRINO ROSARIO 181    
  2 MEGNA FRANCESCO 170    
  3 FONTI GESUELE 159    
  4 BIVIANO GIACOMO 140    
  5 SABATINI ADOLFO 133    
  6 MIRABITO  FELICE 131    
  7 CASILLI  ANTONIO 125    
  8 GUGLIOTTA ANTONIO 122    
  9 LAURIA BARTOLO 113    
  10 CORDA  ROSARIA 111    
  11 GUARINO GIANFRANCO 110    
  12 LO CASCIO PIETRO 102    
  13 GIUFFRE’ CHRISTIAN 95    
  14 D’ALIA NUNZIATA 92    
  15 PAINO MARIO 89    
  16 FINOCCHIARO LETTERIO 80    
  17 FAMULARO FABRIZIO 66    
  18 RIFICI RAFFAELE 57    
  19 CINCOTTA MARIO 33    
             
Lipari&Consiglio comunale. Sarino Centorrino maglia rosa. Mario Cincotta maglia neraultima modifica: 2012-04-23T09:54:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, plauso per la mostra “Contaminazioni”

plocasciopiccola1.jpgdi Pietro Lo Cascio

Mentre attorno – a detta di autorevoli opinionisti – infervora una campagna elettorale poco emozionante e i programmi dei candidati sfigurano di fronte alle argute osservazioni di esperti propensi al “nuddismo” (nuova forma di qualunquismo virtuale) e al pronostico da sala del bingo, la chiesa di Santa Caterina, nel complesso monumentale del Castello di Lipari, sta ospitando un’iniziativa culturale veramente degna di nota. Mi riferisco alla mostra “Contaminazioni”, ideata e curata da Maria Clara Martinelli, Michele Bellamy Postiglione e Michele Benfari, che non soltanto offre l’accostamento inedito (almeno per il nostro Museo) tra arte e archeologia, ma rappresenta un esperimento sociale di grande interesse: coniugare in un unico percorso espositivo elementi del patrimonio museale, e dunque pubblico, e quelli provenienti dal collezionismo privato. Molte raccolte e collezioni si nascondono nelle nostre isole; alcune comprendono stampe geografiche, libri rari, oggetti della cultura contadina e marinara, ceramiche e mattonelle di maiolica, opere d’arte, cartoline d’epoca, persino insetti, mentre altre restano note esclusivamente al collezionista che le ha radunate.

Eppure, ognuna è come un frammento di un grande patrimonio diffuso, che un oculato lavoro di censimento, recupero e coinvolgimento diretto potrebbe fare emergere dalla dimensione privata. Ciò presenterebbe un duplice vantaggio: raggiungere la più ampia condivisione di un risveglio culturale, fase decisamente auspicabile ma che può avere luogo soltanto attraverso la partecipazione della comunità, nelle sue più insospettabili e varie espressioni; in secondo ma non trascurabile luogo, attraversando tempi di “vacche magre”, ogni contributo diviene essenziale per mettere in moto un meccanismo virtuoso ed efficace, a dispetto di risorse veramente contenute. Sento di dovere pertanto ringraziare i curatori e tutto il personale del Museo Archeologico “L. Bernabò Brea”, ai quali va la mia ammirazione per avere raggiunto con semplicità un obiettivo veramente innovativo, e di invitare chi legge a visitare questa bellissima mostra, augurandomi che altre ne vengano presto “contaminate”.

Lipari, plauso per la mostra “Contaminazioni”ultima modifica: 2012-04-16T18:42:54+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari&Ospedale con ossigeno. “Morire prima di Nascere”. Lettera al prefetto Francesco Alecci

gbivianopiccola.jpgdi Giacomo Biviano*

Il recente caso accaduto nel presidio ospedaliero di Lipari, rappresenta l’esempio più eclatante di comela Direzione  dell’ASP di Messina non abbia previsto,  probabilmente, considerate le peculiarità territoriali, una organizzazione e una dotazione organica con la “dovuta ESPERIENZA PROFESSIONALE”  in grado di affrontare le emergenze ostetriche indifferibili.

In evidente e aperta violazione dei principi di tutela della  salute, del percorso nascita, di  assistenza al parto e di garanzia dei LEA (Livelli Essenziali di Assistenza), improvvisamente, nel nosocomio Eoliano (sette isole) non viene più garantito il sacrosanto diritto di nascere con tutte le garanzie previste dalle  linee guida e dai  protocolli del SSN (Sistema Sanitario Nazionale).

La garanzia dell’assistenza al parto ”precipitoso”  nel PO di Lipari, dichiarata dalla Dott.ssa Murè in commissione Sanità nel mese di novembre 2011, avrebbe dovuto prevedere, se si ha consapevolezza del significato del termine “parto precipitoso”, la presenza h/24 dell’ostetrica in servizio, e la presenza di almeno due ginecologi con una esperienza professionale, nella disciplina, tale da poter affrontare realmente le “emergenze Ostetriche” indifferibili.

Il termine “parto precipitoso” non può essere riferito solo all’eventuale parto “spontaneo”, ma anche e soprattutto a tutte le eventuali complicazioni, materne, fetali e/o materno-fetali, ( un esempio per tutti, le diatesi emorragiche da distacco intempestivo di placenta a qualsiasi epoca  evolutiva della gravidanza).

Espongo di seguito una breve cronistoria di quanto accaduto dal mese di ottobre 2010 ad oggi: Da oltre un anno le nascite nell’ospedale di Lipari sono state progressivamente quasi azzerate o comunque ridotte  a poco più di una decina, a fronte dei 90/100 parti degli anni precedenti. Dal  mese di Settembre 2011 non è  stato più possibile effettuare parti.

Nel mese di Ottobre 2010 il Direttore sanitario dell’Ospedale di Lipari, adducendo come motivazione la carenza di personale , disponeva di fatto la chiusura del punto nascita di Lipari , limitando i parti ai soli casi di urgenza indifferibile : in verità, dei quattro ginecologi previsti in pianta organica  ne mancava solo uno che, se si fosse voluto, probabilmente poteva essere facilmente sostituito. Si avanzano dunque seri dubbi sulla legittimità di tale provvedimento e sulla eventuale possibilità che esso abbia arrecato un’ interruzione di pubblico servizio o altra fattispecie penalmente rilevante .

Tuttavia tale disposizione  del direttore sanitario è stata revocata in data 20 ottobre 2011, presumibilmente a seguito di numerose e  plateali proteste degli abitanti delle isole. Alla revoca  di tale  disposizione  non è seguita, comunque, integrazione di personale specializzato.  Il primo novembre 2011 sono stati nominati due nuovi ginecologi, a tempo indeterminato, per il reparto di ostetricia e ginecologia, il dott Santino Federico e la dottoressa Carmela Galeani. Quest’ultima, dopo pochi giorni di servizio, incomprensibilmente, viene trasferita al reparto di ostetricia e ginecologia del P.O. di Taormina, nonostante le dichiarazioni del Commissario dell’ASP, Francesco Poli, che aveva assicurato la presenza di personale in pianta stabile.

Il Dr. Federico, con dedizione ammirevole, si è effettivamente adoperato in pochissimo tempo nei confronti delle gestanti al fine di ripristinare il punto nascite. Di conseguenza è ripresa la normale attività, anche se per pochi giorni, del punto nascita. In data 26 novembre 2011, improvvisamente, il dott. Santino Federico viene sospeso dal servizio su disposizione del Commissario straordinario, Dr. Francesco Poli. Sospeso il Dr Federico e attivato il trasferimento della Dr.ssa Galeani restano in servizio solo due  ginecologi,la Dr.ssa Cutugnoela Dr.ssa Mastroeni, che sono costrette a sopportare turni massacranti per garantire il solo servizio ambulatoriale, la doppia reperibilità e le eventuali emergenze-urgenze, senza la possibilità, probabilmente, di potersi allontanare dall’isola.

La dott.ssa Cutugno, che nel mese di Dicembre 2011 era rimasta  da sola per parecchi giorni a causa dell’ assenza temporanea della dott.ssa Mastroeni, presumibilmente, non sopportando l’eccessivo carico di lavoro e di responsabilità, a fine dicembre rassegnava irrevocabilmente  le proprie dimissioni al Commissario Straordinario. Nel mese di gennaio 2012 rientra la dott.ssa Mastroeni che rimane per la gran parte del tempo da sola fino ai primi giorni del mese di Marzo, quando vengono inviati, su sollecitazioni del sottoscritto, anche alla Procura della Repubblica,  altri due ginecologi. L’attuale organizzazione è costituita da una dotazione di organico che prevede due soli ostetrici e tre ginecologhe con incarico a tempo “DETERMINATO”. Per quanto riguarda  le linee guida e i  protocolli da seguire la confusione è assoluta. Il servizio  nelle 24 ore è svolto con le seguenti modalità:

un ostetrica/o  dalle ore 08.00 alle ore 20.00, da Lunedì a Sabato; dalle ore 20.00 alle 08.00, da Lunedì a Sabato il servizio viene coperto con reperibilità sostitutiva;  Domeniche e  festivi, il servizio ostetrico è coperto con reperibilità sostitutiva h/24: Nella pratica, il parto “precipitoso”, indifferibile e urgente, nelle ore notturne, domeniche  e festivi h/24, deve attendere che in pronto soccorso qualcuno si renda conto della necessità – “prima diagnosi” – e attivi la chiamata in reperibilità dell’ostetrica con tempi d’attesa inimmaginabili;

due Ginecologhe dalle ore 08.00 alle ore 14.00; una Ginecologa dalle ore 14.00 alle ore 20.00; notturni , domenica e festivi il servizio è coperto da reperibilità sostitutiva.  Non esiste la presenza di personale infermieristico. Il “reparto” dalle ore 20.00 alle ore 8.00, Domeniche e festivi è chiuso. Secondo l’esperienza professionale di alcuni  addetti ai lavorila Dotazione OrganicaMinima Indispensabile è di  6 Ostetriche e 4 ginecologi. Se questo è il sistema organizzativo, previsto dalla Direzione Generale dell’ASP di Messina, per affrontare con tempestività il parto precipitoso indifferibile per via naturale e/o operativo, SIGNIFICA CHE LE GRAVIDE CHE ORBITANO ATTORNO  AL PRESIDIO OSPEDALIERO DI LIPARI E I FIGLI CHE PORTANO IN GREMBO SI TROVANO PROBABILMENTE IN UNA CONDIZIONE DI RISCHIO ASSOLUTO E VENGONO GESTITI E CONSIDERATI  COME…………..…..!!!!!

Poiché il sottoscritto, quale Presidente della Commissione Speciale Sanità del Comune di Lipari, ha il dovere della tutela del diritto alla salute di tutta la comunità Eoliana chiede a sua Eccellenza d’intervenire e di organizzare un incontro con la suddetta Commissione, con il Sindaco di Lipari, con l’Asp di Messina, con l’Assessorato alla Salute della Regione Sicilia e con tutti quei soggetti che si ritenga opportuno far partecipare al fine di garantire il diritto alla salute sancito dall’Art. 32 della Costituzione e a tutela dell’incolumità dei cittadini eoliani.

*Presidente commissione speciale sanità

Lipari&Ospedale con ossigeno. “Morire prima di Nascere”. Lettera al prefetto Francesco Alecciultima modifica: 2012-03-13T18:13:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari&Comune. Verso le elezioni. Capitani coraggiosi… Il video

di Silvia Carbone

Questo è l’inno della campagna elettorale più confusa e sconclusionata a cui io abbia mai assistito!!!
Con eterna ironia.

tratto da al paradise
scritta da M.Cantoni / F.Cuffari / A.Belloni
 
Lipari&Comune. Verso le elezioni. Capitani coraggiosi… Il videoultima modifica: 2012-02-28T16:58:11+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari&Comune. Verso le elezioni. Il Pdl domenica 18 marzo sceglierà il candidato sindaco con le primarie. Tra poco le interviste a Peppino Buzzanca e a Enzo Garofalo

pdl.JPGLipari – Il Pdl sceglierà il candidato sindaco attraverso le primarie. Lo ha pdl1.JPGdichiarato il coordinatore provinciale Peppino Buzzanca, appena sbarcato con l’aliscafo della Siremar nel porto di Sottomonastero, mentre il parlamentare nazionale del Pd Francantonio Genovese qualche istante prima aveva lasciato l’isola con l’aliscafo della Ustica Lines. Come data ipotetica si parla di domenica 18 marzo.

Al vertice liparoto nella sala convegni dell’Hotel “Gattopardo”, a cui ha partecipato il pdl2.JPGparlamentare nazionale Enzo Garofalo, sono anche intervenuti il sindaco Mariano Bruno, l’ex assessore provinciale Roberto Materia, l’armatore Sergio La Cava, il presidente della società “Lipari Porti spa” Nando Corrado, il presidente del consiglio Pino Longo e l’avvocato Francesco Rizzo.

Tra i “papabili” che circolano per le primarie vi sono: l’armatore Sergio La Cava e gli avvocati Saro Venuto e Ciccio Rizzo, ma non sono da escludere eventuali soprese. Tra poco le interviste a Peppino Buzzanca e Enzo Garofalo.

Lipari&Comune. Verso le elezioni. Il Pdl domenica 18 marzo sceglierà il candidato sindaco con le primarie. Tra poco le interviste a Peppino Buzzanca e a Enzo Garofaloultima modifica: 2012-02-26T14:14:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, pesca&problemi. Intervista al presidente della commissione regionale attività produttive Salvino Caputo

leone29012012.jpg

convegnopesca.JPGLipari – “Le licenze per la pesca delle spadare in Sicilia potrebbero essere convegnopesca1.JPGridotte da 700 a 100″. Lo ha annunciato il pescatore Riccardo Taranto di Alicudi, nel corso di un convegno organizzato dalla giunta Bruno sui problemi della marinera siciliana a cui ha anche partecipato il presidente della commissione regionale alle attività produttive Salvino Caputo. Sono anche intervenuti i consulenti Pinuccio Spinella e Salvatore Rijtano e il consigliere Antonio Gugliotta. Il presidente Caputo ha annunciato che domani invierà un fax al commissario dell’Ue per convegnopesca2.JPGrichiedere una deroga in particolare per i pescatori siciliani, oltre sollecitare che un incontro a Bruxelles. Ha comunicato che sarà dichiarato lo stato di crisi per la pesca. Inoltre si farà carico di indire una riunione a Palermo con l’assessore regionale. Tra le questioni sollevate dal sindaco, dal consulente Spinella e dai pescatori i veti imposti dall’Ue per la cattura dei pelagici (spada, tonni e ala lunga),il caro gasolio, accesso al credito agevolato e la classififazione dei porti di Marina Corta e di Pignataro per i pescherecci.

L’Intervista al presidente della commissione regionale attività produttive Salvino Caputo. Si parla anche del governo Lombardo, delle elezioni di Lipari e di una possibile candidatura alle regionale di Mariano Bruno.

http://www.bartolinoleone-eolie.it/salvinocaputo29012012.wmv

http://www.bartolinoleone-eolie.it/salvinocaputo29012012.wmv

Lipari, pesca&problemi. Intervista al presidente della commissione regionale attività produttive Salvino Caputoultima modifica: 2012-01-29T11:54:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, tutti devono parlare

funeralieeufemia1.jpgLipari – Adesso che le campane della Chiesa Nuova di Quattropani hanno smesso di salutare il corpo e l’anima di Eufemia Biviano, adesso che i rosari sono stati riposti nel cassetto ancora bagnati di lacrime, la popolazione tutta si raccoglie a gruppi sminuzzati per spiegarsi il mistero e soprattutto chiedersi come può collaborare con le rinforzate forze dell’ordine (seguendo il consiglio di don Peppino Mirabito) che continuano le loro indagini senza risparmiare energie.

In tempi antichi le indagini si svolgevano in altri modi, setacciando palmo palmo con gli occhi per terra e le orecchie in aria sperando che il vento nutrisse la terra  di orme e di indizi. La moderna tecnologia magari allunga i tempi per dare la certezza di un vero colpevole e allontanare dubbi e interrogativi.

La popolazione eoliana però aggiunge paura alla paura. Quello che l’eoliana Eufemia sia la prima vittima e non l’ultima di questa nuova era. Ecco perchè bisogna far presto nel dire come stanno le cose. A chi spetta parlare ancora non si sa. Ma tutti sono pronti ad ascoltare.

Lipari, tutti devono parlareultima modifica: 2011-12-30T08:17:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari&tribunale, condanna e due assoluzioni

efioccopiccola.jpgLipari – Dieci mesi di reclusione, il pagamento delle spese processuali e il risarcimento dei danni. Gaetano Murabito, 30 anni, di Lipari, è stato difeso dall’avvocato Saro Venuto. La sentenza è stata pronunciata alla sezione distaccata del tribunale di Lipari dal giudice Ennio Fiocco (piemme Francesco Dieni, funzionario giudiziario Giuseppe D’Angelo). L’isolano era stato accusato di stalking, ovvero sindrome del molestatore assillante e di lesioni personali aggravate ad una ragazza di Lipari. 

Sempre il giudice Fiocco ha deciso assolvere perchè non si è raggiunta la prova di colpevolezza Enzo D’Ambra, 69 anni, di Lipari e Francesco Galvagno, 62 anni, di Caltanissetta. Sono stati difesi dall’avvocato Alberto Gullino. In qualità di amministratore delegato della Pumex e di direttore tecnico erano stati accusati di deturpamento di bellezze naturali nella cona pomicifera di Porticello.

Lipari&tribunale, condanna e due assoluzioniultima modifica: 2011-10-29T11:18:29+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Da Acquacalda in linea Enzo Mottola

emottolapiccola.jpgdi Enzo Mottola*

Dove eravamo rimasti?

Ci eravamo imposti l’assoluto silenzio, nei mesi di luglio e agosto, per non dare adito ai soliti disinformati benpensanti di appioppare al Comitato tutti i fatti e misfatti che si verificano ad Acquacalda. Avremmo dovuto riprendere la nostra attività di “rompiglioni” a partire da settembre, una volta affievolita la presenza dei turisti, per non intaccare, quindi, gli interessi degli operatori locali. Ma, per fatti non dipendenti dalla volontà dello scrivente, siamo stati costretti a rinviare di qualche tempo le nostre denunzie alla pubblica opinione di quanto è avvenuto ed avviene nel nostro borgo. Dopo un attento controllo dell’avvenuto collegamento cervello-bocca (come elegantemente e saggiamente consigliatoci dal nostro Sindaco in data 22.11.2010) eccoci qui a fare alcune considerazioni su….. Dove eravamo rimasti?

Ah. Si. La Bandiera Blu! Dal 7 giugno abbiamo volutamente issato sulle mostruose e vergognose ferraglie del molo, impraticabile da oltre 3 anni, un vessillo blu con un grosso punto interrogativo nel mezzo: ci è stato difficile comprendere le motivazioni per un tale riconoscimento attribuito a Lipari ed in particolare alle spiagge di Canneto ed Acquacalda. Lasciando ad altri ovviamente i commenti su Canneto, ci soffermiamo sullo stato di salute della nostra bella frazione. Arriviamo alla conclusione, dopo accurato esame dei requisiti richiesti, che bisogna riconoscere alla FEE (e soprattutto a coloro che hanno caldeggiato tale assegnazione) capacità divinatorie e taumaturgiche.

Solo con tali eccezionali doti si poteva immaginare che Acquacalda potesse rispondere ai criteri di rispetto dell’ambiente, l’offerta di servizi, la sicurezza, viste le mai celate condizioni pietose in cui versava tutta la frazione e in particolare il litorale, allorchè si valutava la sua candidatura. La rimozione dei rottami ferrosi giacenti sulla spiaggia è stata iniziata solo dopo il 10 giugno (pochi giorni dopo la provocatoria inaugurazione del “Museo del Rottame”).

>I lavori di demolizione del rimanente pontile sono cominciati il 25 agosto (????????) in totale disprezzo di qualsivoglia forma di sicurezza per gli ignari ed attoniti turisti, fornendo loro ulteriori motivi di derisione ed aspre critiche (vedasi per esempio l’episodio dell’orribile nube nera). Solo dopo il 20 di luglio e grazie all’intervento diretto (ed ovviamente interessato) di un noto operatore turistico, è stato possibile rendere appena praticabile tutta la spiaggia, spianando le “morbide dune di sassi” deliziosamente formate dal mare durante l’inverno. Lungo tutto il litorale non esiste uno straccio di approdo né per le barche da diporto né tantomeno per le emergenze (sembra che la Protezione Civile abbia considerato il molo come unica via di fuga in caso di necessità).

Inviteremmo volentieri i componenti della varie Commissioni a partecipare alle divertenti gimkane che gli automobilisti ed i conducenti degli enormi torpedoni sono costretti a fare perché la sede stradale, già limitata, è selvaggiamente occupata da auto in sosta. Auto che evidentemente ci portano turisti, i quali, giustamente, hanno diritto di posteggiarle… Ma dove? Da chi e come sono stati valutati i requisiti per ottenere un simile, impegnativo riconoscimento?Non sarebbe finalmente il caso di smettere di farci considerare degli sciocchi sprovveduti?

Vogliamo finalmente dimostrare che non accettiamo più supinamente le grandi quantità di fumo che continuamente ci gettano negli occhi?

Meditiamo Gente. Meditiamo! 

*Presidente associazione “La Casta”

Da Acquacalda in linea Enzo Mottolaultima modifica: 2011-10-07T20:39:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, lo chef della “Costa Marina” in visita dai fratelli Laise

laise1.JPGLipari – I prodotti tipici dei Fratelli Laise fanno “gola” anche allo chef della nave da crociera “Costa Marina”. Appena sbarcato a Lipari Salvatore Arena, laise.JPGinsieme al “patron” Francesco Laise, si è subito recato nel negozio di Marina Lunga per ammirare da…vicino capperi, cucunci e malvasia. Ed è rimasto estasiato dai profumi.

In bella mostra anche i due personaggi sempre piu’ “mitici” Peppino e Costantino. E per loro è pronta una vacanza-premio a bordo della splendida nave ancora in rada a Lipari. L’unico ostacolo è il permesso dei fratelli Roberto e Francesco Laise…

Lipari, lo chef della “Costa Marina” in visita dai fratelli Laiseultima modifica: 2011-09-27T10:32:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Totò, e io pago…

toto1.jpgVulcano – Con determina del dirigente Stefano Blasco sono stati liquidati 12.942 euro alla ditta Scaffidi Natale di Vulcano  per servizio gestione manutenzione impianti idrici isola di Vulcano dal 01/04/11 al 30/06/11.

Lipari – Con determina del dirigente Stefano Blasco, la ditta di Saro Gitto di Milazzo con trattativa privata ha avuto affidato l’incarico  per fornitura elettropompe per interventi manutentivi impianti di sollevamento fognari. Stanziata la somma di 9.8756 sblascopiccola.jpgeuro.

Panarea – Liquidati 7.090 euro alla ditta Scafidi Antonino di Lipari  per servizio gestione manutenzione impianti idrici ex EAS isola di Panarea  dal 01/05/11 fino al 30/06/11.

Filicudi – Con determina del dirigente Stefano Blasco sono stati liquidati 2.100 euro alla ditta Biviano Sas di Lipari per espletamento servizio di recupero e trasporto all’impianto di smaltimento dei reflui fognari provenienti da fossa settica del fabbricato adibito a Caserma dei Carabinieri di Filicudi.

Totò, e io pago…ultima modifica: 2011-09-19T10:25:41+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, Giorgio Armani e il campione del mondo di rally al ristorante “Filippino”

garmanibernardidonato.jpgLipari – Giorgio Armani dopo aver girato le Eolie a bordo del suo yacht “Main”, il cui nome è dedicato alla madre, ieri sera al ristorante “Filippino”, su consiglio di Antonio Bernardi j. ha gustato il menu’ del giorno: antipasti di marinati, quali tonno marinato con marmellata di cipolla, gamberetto di nassa, medaglioni di gamberi in salsa di pistacchio, ricottine fresche di Vulcano, bresaola di tonno e ancora un ottimo trancio di tonno alla malvasia con arancio e mandorle come secondo piatto. Non potevano mancare gli ottimi sorbetti al bergamotto. Alla fine della cena i complimenti del “Re” della moda italiana e la consegna del libro sui 100 anni del ristorante “Filippino”.

Nello stesso ristorante altra visita “vip”. Si è anche recato il campione del mondo di rally 2009 Oscar Polli. abernardiopolli.jpgE anche per lui una cenetta a base delle spacialità marinare della cucina del grande chef Lucio Bernardi.

Lipari, Giorgio Armani e il campione del mondo di rally al ristorante “Filippino”ultima modifica: 2011-08-29T11:42:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, baia “trafficata” e il traghetto della Ngi deve “dribblare” le barche

ngi2.JPGLipari – In questi caldi giorni d’agosto – in tutti i sensi – le baie delle isole sono sempre piu’ “trafficate” da diportisti. Traghetti e aliscafi soprattutto durante le operazioni di entrata e uscita dai porti delle delle sette isole devono sovente “dribblare” le imbarcazioni in transito. Ieri mattina la scena si è ripetuta per il traghetto della Ngi che durante la navigazione si è ritrovato attorniato da yacht e motoscafi. E il comandante oltre a suonare a piu’ non posso, si è visto anche costretto a ridurre la velocità.  

Lipari, baia “trafficata” e il traghetto della Ngi deve “dribblare” le barcheultima modifica: 2011-08-19T09:54:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, barche&prodotti tipici

barche211.jpgbarche190.jpgbarche170.jpgLipari –rlaise1.jpgbarche180.jpgbarche200.jpg Invasione di barche nella rada di Marina Lunga. Ad un certo punto c’era anche la fila per entrare in porto a Pignataro e nei pontili galleggianti. E poi tutti a “caccia” di prodotti tipici e di frutta fresca. E Roberto Laise continua a “ingrassare”….

Lipari, barche&prodotti tipiciultima modifica: 2011-08-05T21:16:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari. Ospedale&parti

smerlino.jpgdi Saverio Merlino*

Convinto, da sempre,  che difendere e lottare per i  diritti civili e costituzionale è morale e  legittimo e  visto che altri, demandati a tutelare la salute pubblica in questo nostro comune sono, inspiegabilmente, “in religioso silenzio”, vorrei chiedere agli amici avvocati iscritti al nostro gruppo “Voglio nascere a Lipari ma forse non potrò più farlo” e anche a  quelli non iscritti ma che condividono questa nostra legittima civile rivendicazione, se ci sono gli estremi giuridici per presentare un ricorso al TAR contro la decisione del la Regione Sicilia – Assessorato alla Sanità – di chiudere il  Centro Nascite all’Ospedale di Lipari nonostante  le tante peculiarità e le difficoltà che le isole, in quanto tali, presentano.
Mi piacerebbe conoscere l’opinione degli amici legali e di chiunque vuole contribuire al dibattito.

A proposito di chiusura dei centri nascita  con meno di 500 parti l’anno perchè imposto dall’OMS.
Dopo le isole della Campania scopro che anche all’isola d’Elba, all’ospedale di Portoferraio,  il numero di parti nell’anno 2010 sono stati 210 (dato fornito dall’USL di Livorno).
Due pesi e due misure o…..CORRETTAMENTE in Toscana comprendono che le isole non possono essere assimilate, per alcuni servizi, specialmente quelli essenziali, alla terraferma?
 
*Presidente Comitato “Voglio nascere a Lipari” 
Lipari. Ospedale&partiultima modifica: 2011-08-02T16:01:45+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, 1929 fuga dal confino. Volume di Luca Di Vito e Michele Gialdroni (Laterza)

libroconfiino.jpg“Nella notte dal 27 luglio al 28 luglio sono evasi da Lipari i confinati ex deputato Emilio Lussu, prof. Carlo Rosselli e Francesco Fausto Nitti.” IL POPOLO D’ITALIA, 8 SETTEMBRE 1929
Luglio del 1929… Lipari, caldo afoso e un motore distante sul mare che si avvicina… a poco a poco, s’inizia a scorgere una sagoma però la direzione verso il punto d’attracco non pare proprio quella giusta… Ecco, per dare un idea del modo in cui è stato scritto questo libro ricorrerò allo stesso sistema… Siamo al confino di Lipari, Lussu, Rosselli e Nitti stanno per evadere con uno scafo che li preleverà dall’isola…Luca di Vito e Michele Gialdroni hanno ricostruito tutta la vicenda e i mesi che l precedettero ricorrendo a fondi archivistici, lettere, archivi di giornale e rapporti di polizia… quindi hanno redatto il testo componendolo di frammenti originali innestati su un filo io narrante che unisce il tutto e lo rende organico alla narrazione… “Bum bum: nella calda notte di luglio si odono dei rumori sordi, come di martellate provenienti dal fondo marino. Un’ombra nera si profila, là a ottanta metri verso il porto. Cosa sarà? Non può essere, quello non è il luogo dell’appuntamento. Eppure il cuore ci dice che sono loro, che non possono essere che loro” così Carlo Rosselli descrive nei suoi diari il momento dell’arrivo del motoscafo con cui compiranno l’evasione, le righe che seguono, invece, sono state scritte da Emilio Lussu: “Il confinatilipari.jpgmare era calmissimo. Ad un tratto, appena percettibile, il palpito di un motore. Un motoscafo si avvicinò. Il segnale era il nostro”. Avvenne proprio così, in quella notte nera come la pece, un motoscafo a motori spenti si avvicina alla costa dell’isola di Lipari… dalla notte escono i tre che avevano violato il coprifuoco e la sorveglianza della milizia fascista… Poi dopo una settimana sono liberi a Parigi dove fonderanno Giustizia e Libertà… Luca e Michele hanno lavorato esattamente come se fossero registi e montatori di documentari… hanno tagliato e montato frammenti di testimonianze come se fossero sequenze di immagini, una sorta di documentario in forma di parole scritte da mani diverse… quindi opinioni, memorie e punti di vista dissimili… il risultato è splendido perché questa tecnica narrativa è in presa diretta, con i testimoni di allora che incontrano l’io narrante di oggi…

Lipari, 1929 fuga dal confino. Volume di Luca Di Vito e Michele Gialdroni (Laterza)ultima modifica: 2011-07-29T10:24:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, figli&figliastri

di Adolfo Sabatini*

DIVIETO.JPGfigli e figliastri. A seguire la nuova ordinanza dirigenziale.

*Consigliere comunale Nuovo Giorno

lL DIRlGENTE A PARZlALE MODIFICA E INTEGRAZIONE DELLA PROPRIA PRECEDENTE ORDINANZA N. 41 DEL 23.05.2011 SENTITE le richieste dell’utenza nonche dei commercianti esercenti allinterno delle ZTL 0 Area pedonale; RITENUTO NECESSARIO dover modificare, a causa della necessita di dover garantire, per come sancito da alcune sentenze del Consiglio di Stato (sez. V 3 maggio 1995, n. 673), l’accesso nelle zone interdette ai cl ienti delle officine meccan iche ubicate all’ interne delle zone sonoposte a divieto can Ordinanza Sindacale;  TENUTO CONTO delle difficolta relative alia circolazione e al1a sosta nella Via Ten. M. Amendola di Lipari; SENTITO il parere espresso dal Responsabile alla viabilita; VISTO l’art. 72 del’Ord.to Amm.vo EE.LL. vigente nella Regione Siciliana; VISTO l’art, 2 comma 3 della L.R. n. 23/98 che recepisce fra l’altro, l’art. 6 della L., n. 127/97 (Bassanini bis) e successive modifiche ed integrazioni;  VISTO l’art. 7, commi 1 e 2, del vigente C.d.s.;

ORDINA Per i motivi espressi in narrativa: la libera circolazione, a doppio senso, della Via Ten. M. Amendola di Lipari nel tratto compreso tra I’Incrocio di Via Cappuccini (incrocio Esso) e Ie fioriere collocate all’altezza della cartolibreria Paino, con divieto di sosta lato mare consentendo il parcheggio dei mezzi entro le strisce;  La creazione, in Piazza Ugo di Sant’Onofrio di un’area ad esclusivo uso pedonale delirnitata da floriere; La creazione in Piazza Ugo di Sant’Onofrio, alia fine della stessa, lato mare, di n. 6 stalli riservati ai taxi;  di consentire nella fascia oraria 06 -14 (Z.T.L.)~ I’accesso a tutti i mezzi motorizzati che dovranno recarsi presso I’officina meccanica “Fonti” ubicata all’interno della zona sottoposta a divieto, percorrendo Ie Vie Prof. Carnevale -Via Vittorio Emanuele, e seguendo invece durante la fascia oraria di area pedonale (14 -06) il percorso a doppio sensa di circolazione e passo d’uomo can ingresso e uscita dalla Via Vittorio Emanuele (dallmcrocio Esso).

Gli appartenenti al Corpo di Polizia Municipale, in servizio, In vista di particolari estgenze sana autorizzati a riIasciare eventuaIi permessi in deroga. Eventuali variazioni alia presente ordinanza. saranno apportate dopo 1’applicazione della medesima, con ordinanza a parte. Tutti gli Agenti della Forza Pubblica sono incaricati di fare osservare quanta disposlo can la presente ordinanza, che andra in vigore subito dopo la sua pubblicazione e l’apposizione della relativa segnaletica.

Stefano Blasco dirigente 4° settore

 

Lipari, figli&figliastriultima modifica: 2011-07-23T13:26:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, domani sera sarà inaugurata la mostra di Daniele Fortuna

dfortuna.jpgLipari – Domani sera 22 Luglio alle ore 21:00 nella splendida cornice dell’Auditorium dell’Immacolata – Castello sarà inaugurata la mostra “Cu Nesci Arrinesci” firmata da Daniele Fortuna,  proseguirà alle ore 22:00 la performance live del talentuoso musicista Dimitri Greco con uno spazio a gusto e olfatto con la degustazione dei vini dell’Azienda Vinicola Cusumano accompagnata da una selezione di cibi tipici proposti dallo chef della Trattoria d’Oro.

Lipari, domani sera sarà inaugurata la mostra di Daniele Fortunaultima modifica: 2011-07-21T21:47:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

LIPARI – Gli spettacoli all’anfiteatro del castello

castalia.jpg

LIPARI – Gli spettacoli all’anfiteatro del castelloultima modifica: 2011-07-21T08:39:41+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

C’E’ POSTA PER “IL NOTIZIARIO”

di Francesca Giardina

cannetostrada2.jpgIl 31 di Luglio, come ogni anno, sarà festeggiato il patrono di Canneto, San Cristoforo, che attraversando le vie cittadine principali, concluderà la sua processione attraversando ormai da secolare tradizione l’ultima stradella del paesino di Canneto….u strittu du malu purtusu….per chi non lo conoscesse, Vico Alessandro Volta…. Purtropppo con grande rammarico, dopo quanto accaduto stamane, prendiamo atto che  San Cristoforo dovrà deviare il suo tradizionale percorso perchè troverà la strada chiusa da transenne cementate sull’asfalto…..

Carissimi compaesani…..a Canneto da parecchio tempo ormai succedono fatti e misfatti di qualunque genere che fanno parlare….. male ma che fanno parlare, purtroppo le solite persone….solo quelle persone che hanno ancora a cuore le sorti del proprio paese e che “lavorano” e si “muovono” per un interesse collettivo. A farla da padrone, anche questa volta, tra gli occhi increduli e titubanti dei cannetari, l’emergere ed il tutelare un interesse privato a discapito di un interesse collettivo….ancora una volta sperpero di denaro pubblico per difendere un interesse palesemente privato a danno di un interesse comune……
 
Se qualcuno dovesse addurre che la strada Via Adua non presenti le caratteristiche di una strada carrabile per la mancanza di un apposito marciapiede o perchè l’emissione dei gas delle auto non sfoga da nessuna parte……….che dire allora della Strada Via Cesare Battisti dove ogni giorno, mamme con passeggini, persone diversamente abili ed anziani rischiano di essere travolti dalle auto perchè anche lì, mancanza di marciapiede e di sfogo di gas di scarichi?
 
Chi ha chiesto la chiusura della strada, con quali motivazioni convincenti? Forse per screzio individuale o screzio collettivo? Chi dovrà avvantaggiarsene? Il  nostro Paese è un bene collettivo e non di qualche persona o di qualche gruppo……tutti abbimo il dovere di difendere il nostro territorio e chiedo a grande voce, pensando che la mia idea sia sposata da tanti altri, che l’anarchia che regna in questo paese venga sopraffatta.
 
Mi chiedo perchè spendere energie fisiche ed economiche per problemi irrilevanti quando urgono problematiche alquanto più serie…….finiamola con le barzellette da “strada”…… impegnamoci tutti contro i sorpusi di pochi, emarginiamo chi sopraffa la nostra intelligenza e soprattutto non siamo omertosi contro chi calpesta i nostri diritti……..
C’E’ POSTA PER “IL NOTIZIARIO”ultima modifica: 2011-07-19T08:35:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari&”Oscenità sociale”

msparacino.jpgCaro direttore,

la notizia riguardante la nomina a primario della Dott.ssa  Cacace apparsa il lunedi’ mi riempie di gioia e mi spinge a qualche considerazione. Meritocrazia ,suona oggi come una brutta parola di cui non si conosce il significato,perché è alla base di un tipo di società assai distante dalla nostra dove le prevaricazioni , la prepotenza, l’abuso vengono banditi.

Una società meritocratica è  per definizione una società dinamica ,che sa rompere le barriere e combattere i privilegi,.e …chissa’ perchè “ dinamismo” a me mi suona donna !!! Qualcuno si burla di noi sostenendo che le lotte sono finite, ma è vero il contrario invece, durano e persistono  finchè dureranno clientelismo e cooptazione  da bar sport.

L’accoppamento del merito, ha creato una società di sudditi asserviti e sciocchi,che hanno trovato nella politica un rapido ascensore  alla loro imbecillità,  la loro inconsistenza , al loro nulla., ma quel che è peggio, eccetto qualche rara eccezione, è, che al vertice della piramide vi sono uomini incapaci, senza meriti,e senza limiti etici e sociali che ci governano.

Caterina è un esempio di “ OSCENITA’ SOCIALE” nel senso più latino del termine, una donna che ha scelto e  saputo vivere dietro la scena, e dietro la scena ha operato, all’insaputa di tutti o dei più, ponendo solide basi per il suo lavoro, per il suo ospedale, per i suoi bambini  e solo alla fine per se stessa.

Una vita (nonostante la sua giovane età)  di  sacrifici, studi , lavoro senza orari ,né giorno né notte. Con appassionato amore e dedizione totale  a  tutto ciò che ha fatto e che fa. Ma, i talenti  esistono in quanto esistono le istituzioni (caso rarissimo di talento e istituzione che si tengono per mano)quasi unico al sud. Un grande  plauso va al Prof. Coletta (suo Primario, cui lei succede) , per averla subito riconosciuta, incoraggiata  e sostenuta,  e a  Caty  i migliori auguri di sempre maggiori successi con gioia profonda, e il grande, grandissimo orgoglio di esserle amica. Ciao Primario!

Dottoressa Mimma Sparacino

Lipari&”Oscenità sociale”ultima modifica: 2011-07-13T09:42:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, giornalisti&topi

gballardinbarrica.JPGLipari – “Siparietto” all'”Accademia del Marciapiede” tra l’ex giornalista del “Corriere della Sera” Gianfranco Ballardin” e il cronista eoliano di “La Repubblica” Luigi Barrica. Al centro dell’acceso dibattito i “topi di Filicudi”. E dopo il “can can” che si è scatenato sull’isola, il giornalista Barrica ha stigmatizzato il tutto asserendo: “Hai visto Gianfranco i topi hanno lasciato Filicudi e si sono riversati a Panarea…”

Lipari, giornalisti&topiultima modifica: 2011-07-12T20:48:24+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, il veliero che “spiega” le bianche vele per condurvi scivolando in un sogno… Il video

velieroclubmed1.jpgLipari – Per quasi tutta la giornata ha fatto bella mostra davanti al castello di veliero da crociera “Club Med”. 

E’ un veliero a cinque alberi varato nel 1992 in Francia.  I cinque alberi da 50 metri permettono di issare una superficie velica complessiva di 2.500 metri quadrati in pochissimi minuti e di raggiungere anche con l’ausilio dei motori una velocità di crociera di 15 nodi. Le vele sono governate dal computer, così come gli stabilizzatori che limitano lo sbandamento. 

Tutti a bordo di questa mitica imbarcazione, elegante come un veliero e confortevole come un transatlantico, a contemplare lo spettacolo inesauribile del mare e dei paesaggi grandiosi che sfilano sotto i vostri occhi. Il potere ipnotico della scia che ribolle senza fine trasmette serenità, allora è il momento di mollare gli ormeggi e lasciare a terra ogni preoccupazione. Il servizio è impeccabile, come nella migliore tradizione marittima: cabine spaziose, cucina raffinata e personale sempre a vostra completa disposizione.

Quando cala l’ancora, la poppa si apre e si trasforma in un pontile privato in modo che gli amanti della spiaggia possano sbarcare tranquillamente su lidi incontaminati; scali prestigiosi si susseguono e piccole imbarcazioni vi aiutano a raggiungere la terraferma e vi riconducono a bordo secondo i vostri desideri. La crociera è viva e animata, sempre e con classe: concerti, piano-bar, sala da tè, cocktail, insomma non c’è il tempo di annoiarsi. C’è una grande disponibilità di spazio comune per gli ospiti sulla Club Med 2, un grande ristorante per la sera, un grande Pacific Bar, una libreria, diversi bar, due piscine scoperte con acqua di mare ed un grandissimo centro Bellezza & Benessere con uno staff di persone dedicate, ma anche yoga, ginnastica, aerobica, stretching e programmi di benessere.

 Per gli sportivi a poppa nave è disponibile in uso gratuito la piattaforma per gli sport nautici sempre sotto l’occhio vigile dei G.O. (Gentils Organisateurs) è possibile praticare lo sci nautico, il windsurf, il kayak, sail boating, la “banana” a traino del motoscafo, lo snorkeling ed inoltre viene messa a disposizione l’attrezzatura (maschere, pinne, boccaglio). Il video.

http://www.bartolinoleone-eolie.it/img_0171[1].wmv

http://www.bartolinoleone-eolie.it/img_0171[1].wmv

 

 

Lipari, il veliero che “spiega” le bianche vele per condurvi scivolando in un sogno… Il videoultima modifica: 2011-07-03T19:26:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Isole minori, in arrivo una “legge ad hoc”

alicudipiccola4.jpgHanno problemi di collegamenti, di scuole e sanità, di approvvigionamento idrico, energia, smaltimento di rifiuti e rischiano lo spopolamento: vivere in una piccola isola può essere difficile. Di isole minori si occupa il Senato, che sta studiando una legge ad hoc, mentre da poco è stato sbloccato il fondo che il governo ha previsto per il loro sviluppo. A queste piccole ma importanti realtà è stata dedicata la puntata di “Settegiorni”, il settimanale di approfondimento di Rai Parlamento curato da Gianni Scipione Rossi, in onda su Rai1. Eolie, Pantelleria, Sant’Antioco, il Giglio, le Tremiti. Senza dimenticare le isole lacustri, come l’isola Maggiore nel Trasimeno e l’isola dei Pescatori nel lago Maggiore. Realtà diverse, ma difficoltà comuni. L’obiettivo è salvaguardare la loro stessa esistenza, che il turismo da solo non riesce a garantire. In studio hanno discusso i senatori Raffaele Ranucci (Pd) e Antonio D’Alì (Pdl).

Isole minori, in arrivo una “legge ad hoc”ultima modifica: 2011-07-01T16:45:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, “disparità di trattamento per il suolo pubblico?”. Esposto al sindaco e al dirigente del IV’ settore

letterafabrizio.JPGLipari – “Una verifica su tutte le autorizzazioni di suolo pubblico rilasciate a bar, ristoranti e pizzerie”. E’ stata richiesta al sindaco e al dirigente del IV’ settore dall’avvocato Saro Venuto per conto di fabrizio Monteleone, dell'”Eden Bar”, di Lipari. Nella lettera (allegata) si fa riferimento a “disparità di trattamento” tra i vari esercenti eoliani.

Lipari, “disparità di trattamento per il suolo pubblico?”. Esposto al sindaco e al dirigente del IV’ settoreultima modifica: 2011-06-29T08:59:41+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, appello per la spiaggia di Porto delle Genti

FVALASTRO.JPGdi Francesco Valastro

Come promesso nel mio ultimo comunicato, vi aggiorno sulla situazione della nostra Associazione. Con non poca soddisfazione vi informo che finalmente l’Agenzia Regionale delle Entrate ha proceduto all’iscrizione dell’Associazione all’Anagrafe Unica delle O.N.L.U.S., con decorrenza effetti dal 27/1/2011. Ciò ci consentirà di beneficiare di tutte le agevolazioni fiscali previste dalla legge che, vi assicuro, non sono irrilevanti.

Sul fronte delle adesioni, purtroppo, facciamo acqua. Ai venti soci promotori si sono aggiunti soltanto undici soci ordinari, così le fidejussioni fino ad oggi rilasciate ammontano a complessivi € 11.800,00. E’ vero che i nuovi associati sono tutti toscani e quasi tutti miei parenti,  ma trovo assai singolare che nessuno dei miei compaesani, oltre ovviamente i soci promotori, abbia sentito il desiderio di aderire a questa iniziativa. Ripeto, l’adesione all’Associazione comporta l’esborso di € 1,00, quale quota associativa, che abbiamo dovuto prevedere per ottenere l’iscrizione alla predetta anagrafe, altrimenti non lo avremmo neppure richiesto, come era stato previsto fin dall’inizio. La fidejussione, dell’importo liberamente scelto, verrà escussa solo e soltanto dopo la realizzazione dei lavori che pensiamo di attuare con un prestito bancario. Quindi, la somma che andrete a sottoscrivere la verserete direttamente alla banca mutuante, in modo che nessuno maneggerà soldi che potrebbero restargli appiccicati in mano.

Le spese fino ad ora sostenute, che ammontano a € 562,73, sono state anticipate dal sottoscritto secondo quanto previsto nella fidejussione che ho rilasciato. Pertanto, qualora l’Associazione non dovesse raggiungere il proprio obiettivo, ci rimettereste soltanto un euro perché la fidejussione vi sarebbe restituita; l’unico fesso a rimetterci la somma fino ad ora esborsata sarei io. V’invito ancora una volta a partecipare, perché sono personalmente convinto che le Istituzioni preposte, di fronte alla richiesta di una numerosità di cittadini disposti a finanziare un’opera per la difesa del territorio, mal giustificherebbero una loro eventuale indifferenza o resistenza alla risoluzione del problema che oggi come non mai riveste priorità se non assolute, sicuramente di rilevante importanza.

Un invito particolare lo rivolgo ai giovani, prendete in mano il vostro futuro, non annegate nell’indifferenza e nel menefreghismo, una volta tanto assaporate il piacere di fare qualcosa senza alcun tornaconto, vi sentirete più sicuri e gratificati. Mi riprometto di colpire il vostro cuore con monotono languore, non soffro di protagonismo, se c’è chi è disposto a fare meglio sono pronto a farmi da parte anche perché le mie condizioni di salute lo richiederebbero. Sono a Lipari e ci starò fino alla fine di luglio, contattatemi anche per dirmi soltanto che sono un povero illuso e che non ho capito nulla della vita, io credo nella bontà del progetto e nella semplicità della sua realizzazione, se siamo in molti a volerlo.

Spero, alla fine, di contagiarvi, il mio cellulare è 3387157383.

 

Lipari, appello per la spiaggia di Porto delle Gentiultima modifica: 2011-06-28T13:37:38+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, ha gettato le ancore il maestoso veliero “Twizzle”, tra i sei yacht più belli del 2011

veliero161.jpgveliero141.jpgLipari – Il maestoso veliero “Twizzle”, è un due alberi di 57 metri di Royal veliero151.jpgHuysman, dove spicca l’impressionante flying bridge (che ricorda quello degli yach a motore) e che, se da un lato appesantisce il profilo, dall’altra garantisce un’abitabilità interna impressionante. “Twizzle” recentemente  ha ricevuto una menzione speciale e rientra tra i sei yacht piu’ belli del 2011.

Lipari, ha gettato le ancore il maestoso veliero “Twizzle”, tra i sei yacht più belli del 2011ultima modifica: 2011-06-27T10:01:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, che mega yacht ai faraglioni…

barca222.jpgbarca212.jpgLipari – Che mega-yacht ormeggiati nel mare dei faraglioni. A sinistra, Il “Keri-Lee III”, 53 metri, è stato costruito nel 2001 da Trinity Yachts. L’interno dello yacht di lusso è stato progettato da Claudette Bonville & Associates e ha uno stile esterno da Trinity Yachts. E’ dotato di un modernissimo sistema di stabilizzazione che riduce il movimento effetto roll e si traduce in un’esperienza fluida più piacevole da crociera. Ha una velocità di crociera di 14 nodi. Offre una sistemazione per un massimo di 12 ospiti in 6 suite e una  cabina armatoriale.

A destra il “Tommy”. Al momento del varo, avvenuto l’11 giugno1995, ha scritto Vincenzo Zaccagnino sul barca232.jpg“Corriere della Sera”.

Si chiama “Tommy” ed e’ il piu’ grande yacht a motore costruito quest’ anno in Italia. E stato varato ieri, con grande solennita’ , dagli scali dei cantieri Benetti di Viareggio, gli stessi che nei folli anni ‘ 80 costruirono il celebre Nabila di Kashoggi, passato poi al re dei grattacieli Donald Trump ed ora rifugio dorato di un principe saudita. Tommy, che ha scafo in acciaio e sovrastrutture in lega leggera, e’ lungo 52 metri e viene sospinto a 20 nodi da 6 mila cavalli di potenza. Fra le dotazioni ha un elicottero Agusta e una piccola flotta di motoscafi, gommoni e scooter acquatici. Gli interni sono ovviamente sfarzosi.

C’ e’ molto legno pregiato, dalle boiseries in rovere con intarsi ai pavimenti in parquet della stessa essenza, mentre poltrone e divani sono ricoperti da sete preziose. Per i tavoli nelle zone aperte e’ stato preferito il teck, ma ci sono anche parti in mogano, noce e acero. Per i pavimenti dei bagni e’ stato invece scelto il travertino beige. Molti elementi dell’ arredo, compresi alcuni mobili e dipinti, sono pezzi d’ alto antiquariato del ‘ 700 napoletano. Ci sono, logicamente, vasti spazi per la vita all’ aria aperta, che vengono allietati da una grande vasca Jacuzzi e da un solarium che si sposta elettricamente seguendo la posizione del sole. Tommy ha un’ apparecchiatura elettronica degna di una portaerei e un’ autonomia di 4 mila miglia. Il che vuol dire avere la possibilita’ di fare il giro del mondo. Quando ci si trova di fronte a questi sfarzosi palazzi naviganti nascono due domande: quanto costa? chi e’ il proprietario? Solitamente e’ impossibile ottenere delle risposte. In questo caso si mormora che per avere Tommy il proprietario avrebbe staccato un assegno da 20 miliardi di lire.

Ma non siamo riusciti ad avere il suo nome. Le gole profonde del porto dicono soltanto che e’ un italiano del Sud, emigrato molti anni fa in Brasile. Oggi appaga la nostalgia per la patria di origine ordinando i suoi palazzi naviganti in Italia. I 12 membri dell’ equipaggio sono quasi tutti italiani, a cominciare dal cuoco napoletano. Il varo di Benetti non deve meravigliare, perche’ il nostro paese e’ il secondo produttore mondiale di yacht di lusso dopo gli Stati Uniti e a pari merito con l’ Olanda. Attualmente, i cantieri italiani stanno costruendo una ventina di mega barche, che andranno a rafforzare la flotta mondiale, forte di circa 2500 unita’ . Il grosso della nostra produzione e’ destinato all’ esportazione.

Una cosa è certa: porti o non porti le sette isole sono sempre piu’ nel “crocevia”  Capri-Eolie-Sardegna. 

 

 

Lipari, che mega yacht ai faraglioni…ultima modifica: 2011-06-26T18:50:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, lo scrittore-poeta Italo Toni ora punta su Salina

Si è svolta a Lipari, nella Sala Congressi del Comune, una manifestazione per presentare l’undicesimo libro dello scrittore e poeta eoliano Italo Toni dal titolo “Parole dal cuore, poesie dell’Anima”, organizzata dal Circolo Artistico Culturale Eoliano . L’incontro culturale, condotto dal giornalista Antonio Brundu, è stato caratterizzato dall’esibizione inedita dell’Inno Eoliano scritto da Italo Toni, musicato da Antonio Famularo e cantato dal vivo da Salvatore Naso. Sono intervenuti: il Sindaco del Comune di Lipari Mariano Bruno, l’Assessore alla Cultura della Municipalità Liparese Ivan Ferlazzo, il Presidente del neo Circolo Artistico Culturale Eoliano Catia Toni, Antonio Brundu e Onofrio Natoli. Inoltre sono stati letti, da Rita Villanti e Daniela Toni, i messaggi inviati da Antonio Famularo da Padova e da Nicola Belfiore da Montalbano Elicona.

Quindi è stato proiettato il servizio dell’emittente televisiva siciliana “Onda Tv” sul libro storico di Italo Toni “Fratelli d’Italia” dedicato agli alunni della Scuola Superiore Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri “Isa Conti E. Vainicher”di Lipari. Italo Toni ha consegnato all’Assessore della Cultura Ivan Ferlazzo una pergamena con il testo dell’Inno Eoliano , il cui ascolto ha suscitato emozioni, commozioni ed apprezzamenti. Alla fine dell’incontro, su richiesta del pubblico,  l’Inno Eoliano è stato rieseguito da Salvatore Naso, al quale si sono aggiunte le voci degli alunni delle scuole e di tutti i presenti. L’autore ha precisato che l’idea di comporre l’Inno Eoliano è nata durante una discussione telefonica tra Sam Iacono (eoliano di Sydney originario di Lipari) e Antonio Brundu di Malfa. Sam ha chiesto se esisteva già un’Inno Eoliano e Antonio ha risposto di no, ma ha preso l’impegno che avrebbe interpellato Italo Toni per una eventuale composizione.

Immediatamente, in pochi minuti, Italo Toni ha avuto l’ispirazione e ha composto subito le parole dell’Inno Eoliano che, tra l’altro sarà oggetto di discussione, insieme ad alcune poesie, nel colloquio interdisciplinare all’esame finale di un’alunna della classe terza della Scuola Media Statale “Galileo Galilei” di Canneto. Durante l’incontro sono state recitate alcune poesie dell’autore: “ Crocefissione” (letta da Catia Toni), “Il cuore del poeta” (letta da Salvatore Naso) e “Prìncipi di Salina” (letta da Rita Villanti). A conclusione Italo Toni ha ringraziato il pubblico presente per la partecipazione a tale evento che, grazie all’Inno Eoliano, è diventato storico.  È previsto nella prima decade del prossimo mese di giugno un incontro a Malfa, su tale evento, che sarà inserito nel programma delle iniziative culturali della Biblioteca Comunale di Malfa. In tale occasione saranno consegnate tre pergamene ai Sindaci dei Comuni di Leni, Malfa e S. Marina Salina.

Lipari, lo scrittore-poeta Italo Toni ora punta su Salinaultima modifica: 2011-05-14T19:57:51+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari&Comune. L’Ati (Gitto, Bellino, Biviano e Abm Costruzioni) si è aggiudicata la gara per il servizio idrico

nbellino.JPGLipari – La Commissione ha concluso le operazioni di gara, con la graduatoria finale, che è la seguente:
1° ATI Gitto Rosario – Bellino Costruzioni srl, Biviano Angelo, ABM Costruzioni; ribasso percentuale del 33,10%
2° ATI ALAK srl – Elettomeccanica Oddo Sebastiano – ribasso percentuale del 18,88%
3° PRONTO INTERVENTI SIDA – ribasso percentual del 5,965%. Al Comune adesso si sta procedendo alla verifica della congruità dell’offerta presentata e successivamente si effettuarà l’aggiudicazione provvisoria. La gara rguarda l’aggiudicazione del servizio idrico e di manutenzione. L’importo a base d’asta era di € 412.000.

Lipari&Comune. L’Ati (Gitto, Bellino, Biviano e Abm Costruzioni) si è aggiudicata la gara per il servizio idricoultima modifica: 2011-04-07T14:14:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, sette rinvii a giudizio

lorlando1.jpgdi Leonardo Orlando

Sono state rinviate tutte a giudizio le sette persone coinvolte nell’inchiesta sull’opificio realizzato nell’area artigianale di Lipari, situata in contrada “Valle”, già sequestrato il primo aprile dello scorso anno dalla Guardia di finanza di Milazzo.
A giudizio dinanzi ai giudici del Tribunale di Barcellona per l’udienza del prossimo 18 febbraio, per ordine del Gip, dovranno comparire sette persone, di cui quattro dipendenti comunali. Si tratta di Biagio De Vita, 52 anni, Aldo Martello, 60 anni, Salvatore Spartà, 49 anni tutti residenti a Lipari e Massimo Crocco, 50 anni residente a Catania, pubblici funzionari del maggiore dei Comuni eoliani; ed ancora Salvatore Coppolina, 55 anni, Emanuele Carnevale, 42 anni, entrambi di Lipari e Francesco La Spada, 46 anni di Messina. I reati per i quali dovranno rispondere nel processo che si aprirà il 18 febbraio, sono quelli di abuso d’ufficio, falso, lottizzazione abusiva e violazione della normativa edilizia. Il tutto scaturisce dalle indagini della Guardia di finanza di Milazzo coordinate dal sostituto procuratore Francesco Massara. L’attività dei Finanzieri, invece, coordinata dal capitano Danilo Persano, svolta anche con l’ausilio di tecnici del settore, avrebbe messo in evidenza come grazie a numerosi illeciti che sarebbero stati commessi da dirigenti e funzionari del Comune di Lipari, l’area artigianale estesa per circa 3 mila metri quadrati e sottoposta a sequestro per intero, era stata assegnata all’imprenditore Salvatore Coppolina, ancor prima che fosse pubblicato il relativo bando di assegnazione. Quella zona infatti – secondo quanto emerso dagli elementi raccolti dagli inquirenti – era stata inserita nei Pip (Piani per gli insediamenti produttivi), ma tre mesi prima del bando – giugno 2004 – e su richiesta dell’imprenditore sarebbe stata autorizzata la realizzazione di quella che fu definita “baracca di cantiere” ma che nel concreto sarebbe invece un vero e proprio insediamento produttivo, una falegnameria. In tale contesto – sempre secondo quanto accertato dalle Fiamme Gialle – a cura dei funzionari e dirigenti comunali indagati, sarebbero state rilasciate autorizzazioni e concessioni edilizie in violazione alle vigenti normative ed in difformità ai vincoli imposti a tutela del territorio.

Lipari, sette rinvii a giudizioultima modifica: 2011-01-27T08:37:04+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo