Salina Doc Fest 2013 – Il festival del documentario premia memoria, intimità ed emozione

Gtaviani.jpgSalina – La VII edizione del Salina Doc Fest, dedicata al Bene Comune, si è chiusa con l’assegnazione del Premio Tasca d’Almerita per il miglior documentario in concorso al film Il Muro e la bambina di Silvia Staderoli, “per aver saputo vivisezionare la propria vita personale senza essere autoreferenziale, con onestà e rigore. Attraverso l’esperienza di questo film, Silvia Staderoli è riuscita ad affrontare la demolizione del muro doloroso che la divideva dalla sua famiglia, disarmando la città guerriera della sua infanzia: La Spezia. E’ straordinario il finale in cui i genitori si ricongiungono, attraverso il montaggio di due immagini reali in tempi diversi, dove il bene comune è Lei.”

Due le menzioni speciali:
Summer 82 – When Zappa come to Sicily di Salvo Cuccia “per la capacità di fondere immagini di repertorio con immagini di vita quotidiana e per aver creato una connessione tra la vita di un mito e la sua origine periferica, suscitando forti emozioni nel viaggio dagli Stati Uniti alla provincia siciliana dove la famiglia di Zappa ritrova le proprie radici.”
Mirage a l’italienne di Alessandra Celesia, “per aver descritto, con grande originalità, una contemporaneità precaria che ci riguarda da vicino. In questo viaggio dall’Italia all’Alaska, mentre i ghiacciai si sciolgono, i protagonisti della storia trovano la forza di affrontare le loro fragilità e di immaginare un Futuro.”
Il Premio Signum, destinato al film più votato dal pubblico in sala, va al film Apolitics Now!di Giuseppe Schillaci.

Così si è espressa, dopo una lunga e articolata discussione, la giuria popolare presieduta da Emma Dante e composta da un gruppo di appassionati selezionati fra i tanti eoliani che in questi sette anni hanno seguito e sostenuto il festival: Emanuele Bottari (autore teatrale e escursionista), Luca Del Molin (designer), Riccardo Fiore (pittore e scultore), Francesco D’Ambra detto “Figliodoro” (pescatore e ‘ricercatore di se stesso’), Marco Lodolina (concierge informatico), Susan Lord (biologa foodie).

Salina Doc Fest 2013 – Il festival del documentario premia memoria, intimità ed emozioneultima modifica: 2013-09-24T08:17:00+00:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo