“Condotte”, un fenomeno delicato anche per il “megaportoturistico&altro” di Lipari

PORTO.jpg

di Gianluca De Maio

La crisi delle grandi opere sembra essere esplosa nella sua interezza. Il settore delle costruzioni nel suo complesso può ormai vantare un record dal sapore amaro. Le big del comparto assieme hanno oltre tre miliardi di debiti.

Leggi tutto

“Condotte”, un fenomeno delicato anche per il “megaportoturistico&altro” di Lipari

Verso le Politiche 2018. Le polemiche degli esclusi

di Marco Gullà e Silvia Iacono

crocetta.jpg

Un Rosario Crocetta a tutto tondo contro il leader del Pd Matteo Renzi, contro i candidati ‘figli di’ in Sicilia, contro Davide Faraone. Il leader del Megafono dipinge il Pd di Renzi come “il partito del capo”…….

Leggi tutto

Verso le Politiche 2018. Le polemiche degli esclusi

Regione, anche a Messina impianto tecnologico per la differenziata dei rifiuti

Al via in Sicilia nuovi impianti tecnologici per il Trattamento meccanico biologico dei rifiuti a supporto della raccolta differenziata. Il primo sarà costruito in contrada Timpazzo a Gela, il cui appalto è stato aggiudicato all’Ati “Consorzio Integra-Consorzio Stabile Agorà”, con un ribasso del 12.67% per un importo di 21,407 milioni di euro, oltre 310mila euro per la progettazione esecutiva.

Leggi tutto

Regione, anche a Messina impianto tecnologico per la differenziata dei rifiuti

Da Catania in linea Lucia Rusconi

1480616_10202140744672172_251120609_n.jpg

di Lucia Rusconi*

Si avvicina l’ evento organizzato da L.N.I Sezione di Catania ,circolo velico Tamata e Circolo Nic di Catania , che vedra’ impegnate le tre associazioni in una veleggia lungo la costa con partenza entro porto sino al porticciolo di Ognina e rientro . Il modulo di partecipazione e disponibile presso le sedi o richiedendolo via e-mal .

leggi tutto

Da Catania in linea Lucia Rusconi

Da Catania in linea Lucia Rusconi

1480616_10202140744672172_251120609_n.jpg

di Lucia Rusconi*

Si avvicina l’ evento organizzato da L.N.I Sezione di Catania ,circolo velico Tamata e Circolo Nic di Catania , che vedra’ impegnate le tre associazioni in una veleggia lungo la costa con partenza entro porto sino al porticciolo di Ognina e rientro . Il modulo di partecipazione e disponibile presso le sedi o richiedendolo via e-mal .

Leggi tutto

Da Catania in linea Lucia Rusconi

Radio Caterina, la radio nel campo di prigionia

di Carlo D’Arrigo*

Carlo D'Arrigo

RADIO CATERINA, LA RADIO NEL CAMPO DI PRIGIONIA

Quando si tratta di far fesso qualcuno, per noi italiani è una questione di prestigio. Così fu per l’ingegner Martignago, un prigioniero del campo di internamento di Sandbostel. Non è fantasia, ma quanto di più reale ci possa essere. Martignago si avvicina tranquillo alla bicicletta che un sergente della Gestapo appoggia ogni giorno alla baracca.

Leggi tutto Radio Caterina, la radio nel campo di prigionia

Verso le Politiche 2018. Sondaggi, gli operai (e i giovani) votano M5S. Tra i pensionati primo il Pd, bene FI 

nando-pagnoncelli-bufale.jpg Il risultato più eclatante delle elezioni europee del 2014 non fu tanto il risultato ottenuto dal Pd (40,8% dei voti), quanto l’eccezionale trasversalità del voto: il partito di Renzi si affermò in 105 province su 110 e tra tutti i segmenti sociali con due sole eccezioni, i lavoratori autonomi e gli elettori di età compresa tra 35 e 44 anni (tra i quali il M5S risultò il primo partito). I dem si imposero tra i più giovani come tra gli anziani, tra gli imprenditori come tra i disoccupati, tra i laureati come tra gli analfabeti, tra i cattolici come tra gli atei: l’ultimo voto espresso su scala nazionale, insomma, ancorché segnato da una elevata quota di astenuti (41,3%) fece registrare la trasformazione del Pd in «partito pigliatutti».

Oggi lo scenario è profondamente mutato, si sono verificate scissioni e aggregazioni tra partiti e, con la nuova legge elettorale, si sono costituite nuove coalizioni. Così i singoli segmenti sociali presentano una graduatoria e preferenze tra i partiti molto più variegate rispetto a quattro anni fa. Vediamone alcuni.

Le donne oggi sono nettamente più indecise e manifestano una maggiore disaffezione rispetto agli uomini (42% contro 27%), sono più inclini a votare per Forza Italia e meno per il M5s.

Gli elettori più giovani (18-24 anni) sono spesso oggetto di attenzione da parte dei partiti e dei media: per la maggior parte di loro si tratta delle prime elezioni politiche. Sono poco numerosi (all’incirca l’8% degli elettori) e, come i loro coetanei europei, non sembrano molto mobilitati (il 37,4% si dichiara indeciso o astensionista); il voto per i due principali partiti (M5S e Pd) è sostanzialmente in linea con la media nazionale e sono più propensi a votare per Liberi e uguali, i partiti minori del centrosinistra e Lega. Tra i 25 e i 54 anni l’astensione scende, i dem ottengono meno voti (tra il 15% e il 18,9%), al contrario dei pentastellati che risultano stabilmente sopra il 30%. Tra gli elettori meno giovani (65 anni e oltre), il segmento più numeroso con il 26,4% del totale, indecisione ed astensione toccano il 39% e i partiti preferiti risultano Pd (36,1%) e FI (19,5%), mentre M5s e Lega raggiungono il valore più basso.

Riguardo al livello di istruzione si è tornati alle dinamiche tradizionali: i laureati presentano un tasso di astensione più contenuto, una maggiore propensione per la sinistra e il centrosinistra e un consenso decisamente più contenuto per Forza Italia e Lega. Tra le persone meno istruite (con licenza elementare o nessun titolo di studio), che rappresentano un elettore su quattro, il Pd si attesta al primo posto sfiorando il 30% dei voti validi, confermando la tradizionale «doppia anima» del proprio elettorato, seguito dal M5S (24%) che risulta incalzato da FI (22,7%).

Anche l’analisi per ceti professionali mostra dati interessanti: tra operai e lavoratori esecutivi il M5S ottiene il consenso più elevato superando il 40%, la Lega vanta un risultato superiore alla media sfiorando il 20%, mentre Pd e sinistra sono in sofferenza. I ceti dirigenti esprimono propensioni al voto abbastanza in linea con la media degli elettori con l’eccezione di Leu e dei partiti minori di centrosinistra (tra cui + Europa di Emma Bonino) che risultano più graditi, mentre il Pd pur confermandosi secondo partito ottiene meno consenso.

I cedi medi (impiegati e insegnanti) propendono nettamente per il M5S come pure i lavoratori autonomi (artigiani e commercianti): tra i primi FI è in difficoltà, tra i secondi la Lega ottiene un buon risultato. Tra le casalinghe il M5s è il primo partito, in linea con il dato complessivo, ma si distinguono in positivo Forza Italia (secondo) e Fratelli d’Italia (unico partito con una leader donna). Tra i pensionati Pd e FI sono decisamente sopra la media mentre M5s e Lega sotto. Gli studenti privilegiano Pd e Leu, mentre è più contenuto il consenso per FI e quello per Lega e M5S è in linea con la media generale.

Infine i cattolici, un elettorato sempre inseguito dalla politica ma, da tempo, assai poco incline a riconoscersi in uno specifico partito: infatti tra coloro che partecipano assiduamente alla messa domenicale il Pd risulta primo partito, seguito dal M5S che precede di qualche decimale FI. La Lega, presso i cattolici praticanti, ha un consenso più contenuto rispetto alla media.

In buona sostanza i partiti tendono ad avere alcuni blocchi sociali di riferimento, le cosiddette costituencies, che esprimono bisogni, priorità, aspettative e valori talora molto diversi. La componente prevalente tra i pentastellati è costituita da coloro che lavorano e appartengono al ceto medio impiegatizio e ai ceti esecutivi; il Pd ha il suo zoccolo duro tra i pensionati; Forza Italia tra le casalinghe e i pensionati (non a caso Berlusconi ha ipotizzato di istituire un ministero per la terza età) mentre, rispetto al passato, ha perso la propria capacità di rappresentanza dei ceti produttivi. La Lega compete con il M5S rappresentando prevalentemente ceti medi e operai. Liberi e uguali ritrova alcune componenti tradizionali della sinistra (pensionati, impiegati e studenti) e, sorprendentemente, gli elettori dei ceti dirigenti sono più numerosi di quelli operai.

Il sondaggio odierno fa registrare piccole variazioni per i singoli partiti rispetto a dieci giorni fa (il M5S sale al 29,3%, il Pd scende al 22,7%, mentre Forza Italia è in crescita: 16,9% contro il 13,7% della Lega). Nella fase finale della campagna l’attenzione sarà rivolta prevalentemente all’elettorato più contendibile, rappresentato dall’«area grigia» dell’astensione (21,9%) e dell’indecisione (12,9%) che nell’insieme riguarda oltre un terzo dell’elettorato (34,8%), composto prevalentemente da donne, da elettori meno giovani, poco scolarizzati, casalinghe e pensionati. Poco più della metà di costoro (51,9%) già si astenne nel 2013. Escludendo costoro, tra gli attuali indecisi il segmento più numeroso è di provenienza Pd (15,1%), seguito da centrodestra (12,3%) e M5s (10,3%).

Si tratta di elettori che attualmente stanno alla finestra. Una parte (soprattutto i più scolarizzati) appare più disorientata che disillusa e ciò rende la sfida non meno complicata: si tratta di elettori non pregiudizialmente ostili alla politica, ma alla ricerca di proposte convincenti nelle quali identificarsi e di leader credibili a cui fare riferimento. Mancano cinque settimane al voto, il tempo stringe.(corriere.it)

sondaggio2.jpg

Tariffe scontate per volare in Australia con la campagna di Etihad e Tourism Australia

Nell’ambito dell’accordo di partnership globale per la promozione del turismo in Australia,Tourism Australia ed Etihad Airways lanciano una campagna congiunta che verrà interamente promossa sui canali social come Facebook, Youtube e sui media digitali.

Sorgente: Tariffe scontate per volare in Australia con la campagna di Etihad e Tourism Australia

Lipari, ‘no all’ inceneritore del Mela’. Associazione mobilitate con le amministrazioni eoliane. Martedi’ consiglio comunale.

Lipari – “No all’inceneritore del Mela”. Associazione mobilitate con le amministrazioni Giorgianni e Arabie. Martedi’ consiglio comunale.

Le interviste a Danilo Conti Luois Mazza e Christian Del Bono, presidenti del Bio Distretto Eolie e Federalbeghi.

200120180043.jpg

Leggi tutto: Lipari, ‘no all’ inceneritore del Mela’. Associazione mobilitate con le amministrazioni eoliane. Martedi’ consiglio comunale.