Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

ansa.jpgCampane a festa nella chiesa della borgata di Pianoconte a Lipari. Le ha suonate il parroco Lio Raffaele per festeggiare la nomina a ministro alla Pubblica amministrazione e semplificazione di Gianpiero D’Alia.  ”Il suo papa’ recentemente scomparso era nativo della verde borgata dell’isola delle Eolie. Speriamo che faccia cose buone anche per il nostro arcipelago – afferma il sacerdote – che si prodighi per salvare i trasporti marittimi, il punto nascita dell’ospedale e la sezione distaccata del tribunale che dal 13 settembre dovrebbe chiudere i battenti per essere accorpata a Barcellona”.
    Nei giorni scorsi le campane a festa erano state suonate a Stromboli dal parroco Luciano D’Arrigo per la rielezione di Giorgio Napolitano, a presidente della Repubblica che nel periodo estivo trascorre le sue vacanze nell’isola eoliana.

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2013-04-27T20:26:00+02:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Controcorrente Eoliana

aaaaaaaa.jpgCi sono pareri e consigli spassionati che vivono nella non rintracciabilità, a prima vista, di alcuni componenti di quello che dovrebbe essere il manuale dell’incomprensione. L’assaggio di vendette parallele che si riproducono in funzione del di quà o del di là lasceranno dei significati precisi anche se amplieranno l’archivio delle non risposte che riposa in pace anche durante i tempi di guerra. Alle Eolie, la politica vive di questi tranelli opportunistici e pensa di addomesticare anche chi non ne ha mai fatto parte.
 
Controcorrente Eolianaultima modifica: 2013-04-26T03:11:08+02:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

ansa.jpg1) L’isola di Stromboli esulta per la rielezione a presidente della Repubblica di Giorgio Napolitano. Nell’Isola il Capo dello Stato trascorre le sue vacanze estive. Stromboli spera sempre nell’occhio di riguardo per l’isola da parte di chi ne ama il mare. Tutti a Stromboli ricordano la sua vecchia sedia popolare pieghevole da appoggiare in riva al mare per la moglie Clio. Oggi piu’ che mai.
   Il parroco Luciano D’Arrigo, allo scoccare dei 500 voti, ha suonato a festa le campane della chiesa di San Vincenzo. Felici il sindaco Marco Giorgianni e il presidente della circoscrizione Carlo Lanza che ricordano le ”battaglie” del ”cittadino illustre” per il mantenimento della linea per Napoli con il  traghetto della Siremar, utilizzato anche da Napolitano per raggiungere la vulcanica isola eoliana, e per evitare la chiusura del punto nascita dell’ospedale di Lipari.

2) “Noi siamo contentissimi per la rielezione di Napolitano”, ha detto il sindaco di Lipari Marco Giorgianni, che ha già inviato un messaggio di auguri e congratulazioni. “Oltre che per il fatto – ha affermato Giorgianni – che rappresenta un elemento di continuità e unica possibilità per superare un momento di difficoltà evidente, anche perché rappresenta per le nostre isole una opportunità, visto il suo attaccamento per le Eolie e in particolare per Stromboli”.

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2013-04-20T19:02:00+02:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

ansa.jpgDopo la tragedia dell’albergatore Edoardo Buongiorno, che ieri si e’ suicidato per problemi economici, esplode la rabbia degli operatori turistici delle Eolie che sollecitano iniziative per il rilancio del settore e scongiurare il ”rischio default”.
   ”Non vogliamo formulare conclusioni affrettate o superficiali ne’ osiamo avere la pretesa di poter scandagliare l’animo umano. Non possiamo pero’ far finta di non sapere che Edoardo, per dirla con le sue parole, era un uomo distrutto fisicamente, moralmente, psicologicamente dalle difficolta’ economiche” sottolinea Christian Del Bono, presidente di Federalberghi isole minori Sicilia. ”Sono anni – aggiunge – che denunciamo, alla politica e alle istituzioni, le carenze di un sistema che rischia di implodere, per ottenere soltanto provvedimenti tampone, raramente risolutivi”.
   ”A questo punto – osserva il rappresentante degli albergatori – o cediamo allo scoramento e chiudiamo i battenti, oppure ripartiamo da Edoardo, lavorando seriamente alle cause che possono averne ingenerato il profondo disagio. La crisi ha solo messo a nudo tutte le debolezze di un comparto che soffre da decenni per la totale assenza di una politica per il turismo ai vari livelli: nazionale, regionale e locale”.
   Del Bono, che fa riferimento alla mancata programmazione dei fondi comunitari, sollecita ”politiche concrete finalizzate delle miglioramento dell’offerta e alla destagionalizzazione dei flussi turistici oltre ad agevolazioni fiscali per compensare gli evidenti svantaggi connessi all’insularita’ ed evitare il rischio default”.

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2013-04-03T14:00:32+02:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

ansa.jpgIl sindaco di Lipari Marco Giorgianni in una lettera inviata alla societa’ ‘Compagnia della isole’ e al Ministero dei Trasporti ha chiesto, ”a causa dei disagi che causa agli utenti”, di sostituire con una unita’ veloce il catamarano ”Angelina Lauro”, impiegato come quarto aliscafo sulla tratta Lipari-Vulcano-Milazzo in partenza da Lipari alle  7.05. Giorgianni scrive che ”alla luce dei continui disagi constatati e denunciati dall’utenza l’amministrazione comunale non puo’ che riproporre le osservazioni ed i rilievi gia’ sollevati con pregressa corrispondenza”, ribadendo che ”il mezzo comporta evidenti limitazioni, sia nella stabilita’ che nei tempi di percorrenza piuttosto lunghi, che si acuiscono in presenza di benche’ minime condizioni meteomarine avverse”. Giorgianni parla inoltre di ”conseguenti inevitabili ritardi che si pongono a discapito dei tanti lavoratori e studenti pendolari”. ”Si chiedono – conclude il sindaco di Lipari – interventi modificativi e di ripristino immediati, con la reintroduzione, nella tratta di una unita’ veloce con diverse caratteristiche e che consenta di raggiungere la terraferma in tempi ragionevoli, per ristabilire le piu’ idonee condizioni di mobilita’ e sopperire ai disagi”.

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2013-02-22T18:36:50+01:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

ansa.jpgLa neve e’ caduta sulla cima piu’ alta delle isole Eolie: Monte Fossa delle Felci, a mercantile1.jpgquota 918 metri. La temperatura nell’arcipelago e’ notevolmente scesa, intorno agli 8 gradi. Il mare continua a essere molto mosso (ha anche raggiunto forza 8) e aliscafi e traghetti sono ancora bloccati nei porti.

Nella foto mercantile in transito al largo di Marina Lunga.

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2013-01-18T15:50:00+01:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

ansa.jpgLa proposta del presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, di concedere un bonus di tremila euro a ogni partoriente residente nelle Eolie – dopo la chiusura del punto nascite di Lipari – e’ contestata da due donne ricoverate a Milazzo e in attesa di partorire: Tiziana De Luca e Barbara Gallo, in una lettera aperta, ritengono che la soluzione prospettata dal governatore sia ”una sconfitta per tutta la comunita’ delle Isole minori siciliane”.
   ”Piuttosto che dare alle famiglie un contributo economico – hanno proseguito – bene farebbe il presidente a valutare le proposte che nel tempo sono state avanzate, come la turnazione dei medici a garanzia delle mamme e dei nascituri e il miglioramento dei servizi. E’ vergognoso che siano state spese ingenti somme per l’ampliamento della struttura ospedaliera. E’ assurdo mantenere un cosi’ cospicuo personale che puo’ svolgere solo funzioni ambulatoriali e che, seguendo il percorso della gravidanza per tutti i nove mesi, invita poi le partorienti, ormai agli sgoccioli, a recarsi in un centro sulla terraferma”.
   La proposta di Crocetta non e’ piaciuta neppure al consigliere comunale Gianni Iacolino: ”Se consideriamo che in media si fanno 100 parti l’anno, la spesa ammonterebbe a 300 mila euro. Questi quattrini si utilizzino per potenziare l’ospedale”.

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2013-01-15T15:33:52+01:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Eolie, alberghi&pensioni

di Salvatore Leone

bnatale19.jpgIn linea generale, alle Eolie non hanno soldi ma hanno tutti ragione. I comuni che devono aumentare le tasse perchè non riescono a diminuire le spese ed i ticket mangiami-mangiami non bastano a soddisfare da soli le esigenze della vita pubblica. Gli albergatori hanno bassi incassi, troppe spese, pochi clienti e tante tasse. Così si trova la via di mezzo “svirgolettando” ed interpretando modus propri le leggi tra codici e codicilli. Il messaggio degli albergatori è chiaro.

Caro comune, dove il caro sta come costoso e non affettuoso, se vuoi, questo possiamo pagare altrimenti ti attacchi al ticket. Forse i comuni hanno sbagliato ad interpretare l’aliquota. C’è però una categoria che adesso ha mille ragioni da vendere. Un mio vicino di vicolo, titolare di pensione e proprietario di due case, mi dice : “ avvocato ( non mi da il caro perchè non conosce la parcella)”, io che non ho l’albergo ma la pensione,e due case da aggiustare, devo pagare per l’IMU 0,76 oppure 0,96? Tenga presente che la mia pensione è di 452 euro al mese” ed ho un reddito di due fabbricati da riparare di E.10.000,00 l’anno. Ho potuto solo rispondere: vedi tu, sei titolare di una pensione.

Percepisci quasi 16.000,00 euro l’anno.Hai un utile da pensione e fabbricati da riparare che non hanno gli albergatori che non riescono a produrre reddito. Pertanto, devi pagare l’IMU secondo quanto stabilito dal Comune. Altrimenti rischi il raddoppio delle tasse. Il titolare della pensione, in arte pensionato, mi ha risposto: avvocato, io ho una pensione da fame. Tra cinque anni, quando mi arriverà l’accertamento con il doppio dell’importo da pagare io…chissa dove sarò. Il Comune potrà prendersi le mie case. Gli farò un bel dispetto. Si pagherà l’IMU e penseranno loro a ripararle. Tanto non ho eredi”.Baciamo le mani e ricordatevi paghIMU li tassi chi nomi nuovi.

Eolie, alberghi&pensioniultima modifica: 2012-12-19T09:19:17+01:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lipari, guardia costiera&Santa Barbara

smaiopiccola.JPGdi Santino Maio

Protettrice della Marina Militare, dei Vigili del Fuoco e dei Minatori, Santa Barbara si Festeggia il 04 dicembre. La festa di “Santa Barbara” è un ricordo rimasto indelebile nel mio cuore, sia per la bontà e genuinità con cui si svolgevano i preparativi, che per la partecipazione attiva dei militari del Circomare di Lipari e della cittadinanza Eoliana. Di tale avvenimento mi è testimone “Don Gaetano SARDELLA” e la cittadinanza Liparese.

Svolgimento della festa: alle ore 09.30 si svolgeva la Santa Messa, nella chiesa “Maria SS. Di Porto SALVO”, presieduta da Don Gaetano SARDELLA. Siccome tale avvenimento, negli anni, aveva ormai assunto un’importanza non indifferente, più di una volta è stato invitato l’Arcivescovo, il quale onorava la sua presenza presiedendo la Celebrazione. ià a metà del mese di ottobre iniziavano i preparativi.cpmessa.JPG

I marinai due volte la settimana si recavano nella Chiesa della Madonna di Porto Salvo, che si trovava proprio affianco alla Capitaneria di Porto e con l’aiuto di Don Gaetano SARDELLA, che ha fornito sempre un fortissimo contributo, portando un sereno entusiasmo che veniva molto apprezzato dai marinai, si preparavano, con il massimo impegno e partecipazione, i Canti, la Prima Lettura, il Salmo Responsoriale, la Preghiera dei Fedeli, la Preghiera del Marinaio, venivano istruiti i due marinai che servivano messa ed alla fine i marinai si intrattenevano con Don Gaetano SARDELLA discutendo del più e del meno, con serenità ed armonia.

In tale giorno tutti i militari ed i loro famigliari partecipavano vivamente alla funzione Religiosa, prendendo tutti la comunione, anche quelli che all’inizio del percorso sembravano un po’ titubanti. Per tale avvenimento, da un anno all’altro, la chiesa si riempiva sempre di più, in quanto in questo avvenimento c’era qualcosa di vero, qualcosa di solenne, qualcosa di veramente sentito, anche da parte di chi non apparteneva alla Marina Militare.

Dopo la Santa Messa alle ore 11.00 si svolgeva un incontro di calcio fra la squadra della Capitaneria contro una squadra dei Vigili Urbani/Comune Lipari o dell’Ospedale di Lipari o Carabinieri/Finanza di Lipari o dei Geometri/Ragionieri di Lipari e per tale occasione i Presidi delle due scuole adiacenti al campo, facevano uscire gli alunni per assistere all’incontro di calcio. Erano partite molte sentite, accese ed animate, come una finale di Coppa dei Campioni (abbiamo vinto quasi sempre). Dopo la partita di calcio ci recavamo al ristorante.

Oltre ai militari della Capitaneria di Porto ed i loro famigliari, c’erano invitati le massime Autorità locali e una rappresentanza degli operatori portuali con le loro mogli (in totale circa 80 persone). Durante il pranzo, come da consuetudine per la festa di “SANTA BARBARA”, si svolgeva il sorteggio dei regali per i marinai (circa 24). Si partiva dai regali importanti e costosi fino ad arrivare ai regali più modesti, ma sempre importanti. Fra questi regali, quello più ambito, era quello della licenza premio di sette giorni. Durante il pranzo si organizzavano scherzi, si improvvisava un complesso musicale e si cantava, anche stonando, senza nessuna vergogna. La sera, intorno alle ore 21.00, tutti ci ritrovavamo in discoteca, alla Calandra o al Turmalin. Per questa occasione gli inviti venivano allargati a molte più persone (circa 300) ed agli intervenuti, veniva offerto un importante rinfresco.

Tutto questo veniva organizzato nei minimi particolari, vedi la preparazione della Santa Messa, il cartoncino della PREGHIERA DEL MARINAIO, presente in chiesa quattro per banco, gli inviti, fatti sempre in modo diverso ed originali, di cui uno comprendeva l’Invito alla Santa Messa, alla Partita di Calcio, al Pranzo ed alla Serata in Discoteca, mentre l’altro comprendeva l’invito alla Santa Messa, alla Partita di calcio ed alla Serata in Discoteca. UNA COSA IMPORTANTE, NON DA POCO, E’ QUELLA, CHE IL PERSONALE DELLA CAPITANERIA DI PORTO PARTECIPAVA A TUTTA LA MANIFESTAZIONE IN PERFETTA DIVISA ORDINARIA Io penso, che non ci sia stato avvenimento che abbia coinvolto la cittadinanza Liparese, specialmente igiovani, in modo così attivo e passionale. Tutti, ogni anno, aspettavano questo evento con desiderio e frenesia. Quando sono stato trasferito da Lipari, nel Settembre 1995, questa bellissima tradizione man mano si è andata via via perdendo.

AFFINCHE’ UNA FESTA O UNA QUALSIASI MANIFESTAZIONE MILITARE ABBIA UN  OTTIMA RIUSCITA OCCORRE CHE GLI ORGANIZZATORI E TUTTI I MILITARI PARTECIPANTI ABBIANO UN FORTISSIMO AMOR DI PATRIA, SPIRITO DI DISCIPLINA E SPIRITO DI SACRIFICIO. Soltanto lo scorso anno 2011 si è ritornato al vecchio splendore in concomitanza del mio trasferimento a Lipari e dell’insistenza dei vecchi colleghi, a riorganizzare una Festa di Santa Barbara come ai vecchi tempi. E così è stato. Quest’anno ho partecipato alla festa di Santa Barbara da invitato, perché ormai in pensione. L’emozione non è mancata e durante tutta la manifestazione sia Religiosa e dopo, mi sono ritornati in mente le passate Feste di Santa Barbara. Un plauso agli organizzatori della Festa di Santa Barbara di quest’anno, che sono riusciti a tirar fuori un entusiasmo che da tempo non si vedeva più. Bravi e complimenti ancora.     

Lipari, guardia costiera&Santa Barbaraultima modifica: 2012-12-11T14:06:00+01:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Da Torino in linea Marta Piccoli

mpiccoli.JPGdi Marta Piccoli

Per chi soffre e muore, per chi si batte perché tutto questo cessi, esprimo il mio pensiero a favore della battaglia culturale e  morale della Valle del Mela, per chi ancora non c’è ma vuole esserci per questa causa.

Il mio sguardo è di chi vede da lontano (risiedo a Torino) ma sono vicina affettivamente  e a livello motivazionale, interessata per le mie radici, per il legame a Milazzo di mia figlia e dei miei nipotini ai quali ho promesso una Milazzo come quella che abbiamo visto qualche domenica fa su RAI1, bella, fresca, pulita e orgogliosa di vocazioni primigenie e innovative. Non facile, ritengo, per chi lotta con passione sincera distinguere se chi,  compagno di cammino e di battaglia, sia mosso da interesse verso la causa o la cavalchi per opportunismo personale, pronto a farsi disinnescare anche solo con lusinghe contingenti , di superficie e di poco conto. Parto dal dato osservabile che mentre altrove qualcosa è successo e sta succedendo, vedi  Priolo e Taranto in area insulare e meridionale, da noi del problema Valle del Mela  si parla  preferibilmente  tra addetti ai lavori e spesso per rassicurare e criptare, al di là di proclami, battaglie strenue e sinceri allarmismi in sedi che spesso contano poco, a livello decisionale,  o non sono condizionanti per una inversione radicale.

Mi piacerebbe che qualcuno volesse su questo  smentirmi. Pochi e soli coloro che nella sostanza ce la mettono tutta. Questo contributo non sarà forse organico, il mio pensiero procederà un po’ a volo di uccello nel tentativo di capire come possa questo flusso avvelenato e malato scorrere tranquillo nell’indifferenza sociale, da decenni, seminando  disagi e morti più che altrove,  contaminando anche la volontà dei più e stroncando la strenua opposizione dei pochi, soprattutto quelli in prima persona colpiti, nella Valle del Mela! È degli ultimi mesi un importante lavoro di sensibilizzazione grazie a chi, generosamente, ha promosso e condotto incontri -dibattiti di valore sulla situazione; occorre fare di più, si impone un’accelerazione nell’iter. Eccomi a dire la mia sperando di far risuonare qualche corda del pensiero e del cuore, di chi forse è ancora ignaro o di chi non si arrende né si rassegna. Si sono tenuti con successo tre convegni, con dibattiti puntuali e documentazione significativa  per il percorso di risanamento culturale e ambientale di Milazzo e Valle del Mela.  

Andare oltre per crescere e far crescere le coscienze, per raggiungere la massa critica del non ritorno. Ottima premessa e buoni punti di forza, ma destinati a non incidere se non si opera per la costruzione di una base di valori e obiettivi,  che siano non negoziabili  insieme al non negoziabile e necessario prerequisito di risanamento morale. Problema italiano prima ancora che della Valle del Mela e meridionale, ma in meridione si sta peggio perché si stava già male più che altrove, la storia lo dice. Il livello di benessere si misura anche da infrastrutture diffuse, servizi sociali, opportunità di lavoro e culturali, capacità associativa libera da settarismi. E non bastano le eccellenze isolate per far salire il valore medio. Suggerisco di guardare chi, a Milazzo, si distingue tanto da guadagnarsi la ribalta nazionale, e solo per merito professionale e personale.

Eppure, se non emulato non modifica più di tanto la situazione generale intorno a sé! È Possibile un riscatto per invertire rotta, ma a partire anche dalla sfera personale, di chi si dichiara impegnato o crede d’esserlo e forse lo è ma su un percorso che richiede un timone ben fermo verso l’obiettivo, evitando fascinazioni  e deviazioni che possono portare fuori strada,  lontani dalla meta.                     Un meridione ricattabile viene gestito meglio da interessi di cricca, la liberazione comincia dalle coscienze, e ringrazio la storia, anche la nostra storia, alla quale attingo per meglio esplicitare il mio pensiero.

Diceva Placido Rizzotto , sindacalista alla guida della camera del lavoro in Sicilia dal ‘44 fino a quando fu ucciso dalla mafia nel  maggio ‘48, la lotta va condotta innanzi tutto “…contro noi stessi, contro egoismi..paure…i nostri piccoli interessi….” quello che dentro di noi impedisce di costruire un futuro di dignità e di speranza; contro, per dirla con Gaetano Salvemini grande meridionalista, quanto riconosciamo in noi dei difetti della  “…. piccola borghesia, delinquente e putrefatta, spiantata, imbestialita, cacciatrice d’impieghi e di favori personali, ostile a qualunque iniziativa potesse condurre a una vita meno ignobile e più umana.  Piccola borghesia alla quale i governi italiani concessero pieni poteri per avere i voti del Sud”. Lotta all’indifferenza che, secondo Gramsci,  è abulia, vigliaccheria, peso morto della storia.                       

Indifferenza che,  madre di complicità, favorisce la promulgazione di provvedimenti, leggi e iniziative che hanno connotato col bollino rosso la situazione nella Valle del Mela ( vedi  S.E.N.T.I.E.R.I., acronimo di  Studio Epidemiologico Nazionale Territori e Insediamenti Esposti a Rischio Inquinamento , e non solo). Lotta contro la prepotenza dei poteri forti che hanno combattuto le ideologie di destra e di sinistra (di valori contrapposti)  per abbracciare l’ideologia del mercato e della finanza,  svincolati da ogni regola e da ogni etica, contrapponendo il diritto al lavoro al diritto alla salute. Lotta contro  l’inerzia dei giusti  ”…il mondo è quel disastro ..non tanto per i guai dei malfattori ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare” (Albert Einstein).

E ancora, Elie Wiesel, Premio Nobel per la Pace 1986, scrittore rumeno, ungherese di origine, compagno di baracca di Primo Levi nei campi di sterminio, sull’importanza dello schierarsi, diceva …“Prendi posizione. La neutralità favorisce sempre l’oppressore, non la vittima. Il silenzio incoraggia sempre il torturatore non il torturato.” Per quanto riguarda la questione morale riporto da Curzio Maltese (Venerdì di Repubblica 23 novembre 2012) le parole di Enrico Berlinguer dall’intervista a E. Scalfari di oltre 30 anni fa:…  ”La questione morale non si esaurisce nel fatto che, essendoci dei ladri e dei corrotti, bisogna scovarli e metterli in galera. La questione morale fa tutt’uno con l’occupazione dello Stato da parte dei partiti, fa tutt’uno con la guerra per bande.&La questione morale va affrontata in pieno, aggredendo le cause politiche che la determinano” .

In aggiunta al percorso che riguarda la moralità personale e individuale e il suo riverberarsi nella sfera collettiva (del bene comune), il metodo scientifico diviene punto di forza di una lotta che sarà vincente se e solo se saprà marciare verso la meta del risanamento ; metodo scientifico,  come approccio e  procedura che si avvalga di risorse umane e scientifiche, da  adottare senza timidezza. Onore a chi ha, con intelligenza intellettuale e strategica, conquistato il prof. Caligiuri, Fisico, alla causa della Valle del Mela! Obiettivo sia disporre di banche dati di tipo epidemiologico sulla popolazione, sulla  situazione produttiva industriale e ambientale.  Esistono, ma ben criptate, ricerche effettuate e accettate    ( anche il già citato S.E.N.T.I.E.R.I.) , che  collocano La Valle del Mela, Milazzo, come  Priolo per restare in Sicilia, in situazione di estrema attenzione non dissimile dall’Ilva di Taranto, al momento  alla ribalta, nel  meridione a noi vicino.

Gli importanti risultati, quali la sensibilizzazione,  seguiti alla mobilitazione e all’impegno, di chi ha agito nella direzione del bene comune  e in assenza di clamore, TV e proclami, è auspicabile non siano vanificati da un procedere con vischiosità e compromissioni, da un progredire che dimentichi  la ragione della missione per la causa comune, lasciandosi neutralizzabile, per finanche smarrire la ragione primigenia, svincolandosi da doveri e obblighi sino a perdere il riferimento con coloro al cui dolore e alla cui sofferenza si dà voce. In politica si cerca di porre rimedio al problema, attuale più che mai, della perdita del legame con chi si rappresenta,  per scongiurare i rischi di rissa e zuffa , del turpiloquio e dell’insulto invece che del confronto sui problemi, e di deriva verso il populismo e verso  la ricerca del salvatore esterno.     &Doveroso, oltre che su se stessi,  agire sul gruppo, perché dietro ogni dittatore, come dietro ogni bullo c’è sempre il gruppo che legittima! Eccomi al punto della visibilità e del rapporto con i mezzi di informazione.

Dal Corriere della Sera del  1 giugno2012, inprima pagina che continua  in seconda (e terza pagina per l’intero servizio), a firma di Gian Antonio Stella, l’articolo “Miopi a guardia del territorio” cita, a proposito di allarmi inascoltati, Milazzo e Priolo come siti a rischio sismico RIR (Rischio Incidente Rilevante) – sismologo Alessandro Martelli-  in quanto area con stabilimenti chimici. Si lamentano  ancora i ritardi negli interventi a tutela della salute … sito di interesse nazionale, area da bonificare il cui  risanamento dopo 10 anni non è  mai partito ( piano del 2002 di Regione e Parlamento) nonostante uno studio dell’Organizzazione Mondiale della Sanità nel 2009 confermi pesanti ricadute sulla salute degli abitanti della zona e soprattutto su quella dei bambini.

Esistono servizi inchiesta di Repubblica in rete, da tutti visionabili, dove da interviste diffuse a operatori esperti locali di Milazzo e Valle del Mela, emerge  la gravità dei problemi. È il momento, è ora di uscire dall’isolamento mediatico, dal parlare a bassa voce  dei nostri problemi , di creare le premesse perché un movimento impegnato richiami l’attenzione del Paese Italia, della Sicilia Regione, e delle istituzioni interessate, affinché  al riparo da eventuali vischiosità locali, ci si muova verso i rimedi , al di là del disastro possibile(RIR). E su salute e ambiente non c’è da procrastinare oltre! È così tanta la differenza tra Taranto e Milazzo dal punto di vista climatico e non solo con in più i tanti vulcani che ci circondano nelle  Eolie e l’Etna a sud! Cosa impedisce di puntare a una sinergia compatibile  per lavoro, occupazione e sostenibilità ambientale, richiamando le vocazioni primigenie in chiave moderna e innovativa? Guardiamoci intorno, alla riscoperta della nostre gloriose origini di Magna Grecia  e restituiamo la nostra penisola del Sole allo splendore antico che l’ha vista sintesi nella storia di civiltà e cultura. E la politica? si costringa a inseguire, a star dietro al movimento che, se chiaro, radicato e diffuso, potrà condizionarne scelte e direzioni.

Ogni iniziativa (mostre, festival, drammatizzazioni teatrali…)  per uscire dall’isolamento va perseguita con impegno low cost, ora più che mai attuale per ragioni anche di sobrietà di stile, puntando con fantasia e intelligenza alla spinta del volontariato. Non rimanere soli, la storia lo ha insegnato! E si utilizzi quel vento di cambiamento nella Regione Sicilia, sfruttandolo a nostro favore. Ci si guardi intorno per gettare  ponti con forze sane e tessere alleanze con chi voglia condividere un progetto di  futuro fatto di Benessere Compatibile. Si abbia il coraggio e la voglia di sognare sapendo che la realtà talvolta stupisce perché supera il sogno. “Il Futuro appartiene a coloro che credono alla bellezza dei propri sogni” ,  diceva Eleanor Roosevelt. Donna impegnata in prima linea e forza motrice della Dichiarazione universale dei Diritti umani firmata all’ONU nel 1948.

Da Torino in linea Marta Piccoliultima modifica: 2012-12-06T08:56:46+01:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Prima Pagina. Carrubererie

prima pagina.pngIl furto più grande compiuto dai politici è quello di aver rubato la fiducia agli elettori. Il grido di al ladro, al ladro è l’ultimo avviso di chiamata per la politica destinata a scomparire. Per sempre. Sapete perchè ? Ci sono le alternative diverse, anche se forse diventeranno più ladri degli attuali. La politica è diventata ladra perchè ha accettato i ladroni che gestiscono gli appalti pubblici senza osservare delle ispezioni a tappetto per scoprire come si truffa. Quando girano i soliti fornitori, quando l’appalto si nasconde fra le feste comandate o addirittura si consegnano i preventivi d’appoggio, questo è il risultato. C’è una scuola del fregare anche se le tecniche sono conosciute e collaudate.
 
Prima Pagina. Carrubererieultima modifica: 2012-11-01T00:22:49+01:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

ansa.jpgOndata di scirocco alle Eolie e collegamenti ancora in tilt. La situazione piu’ pesante si registra a Stromboli, Ginostra, Alicudi e Filicudi. In pratica, da quattro giorni sono quasi prive di mezzi di linea. Ieri Panarea e Stromboli sono state raggiunte dal traghetto della Compagnia delle Isole. Filicudi e Alicudi invece stamane sono state raggiunte dall’aliscafo partito con attracco con riserva. Da Milazzo per Vulcano, Lipari, Salina sono partiti gli aliscafi della Compagnia delle Isole, dell’Ustica Lines e anche le navi (ex Siremar) e Ngi. A Lipari l’attracco e’ stato spostato a Punta Scaliddi.

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2012-10-31T14:36:04+01:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

ansa.jpg”O si appianano i debiti o la societa’ mista si puo’ chiudere”. Cosi’ il sindaco di Lipari Marco Giorgianni si e’ espresso in consiglio comunale sulla compartecipata che si e’ occupata del patto territoriale delle Eolie. La societa’  ”Sviluppo Eolie”, con un finanziamento di oltre 50 milioni di euro del ministero delle attivita’ produttive, ha permesso negli ultimi anni di costruire numerose strutture turistiche alberghiere anche di 4 e 5 stelle nell’Arcipelago eoliano, potenziando notevolmente il numero dei posti letto. Negli ultimi anni pero’ la societa’ mista ha maturato un ”buco” di circa 300 mila euro.
   Giorgianni e’ stato chiaro: ”O si appianano i debiti o si puo’ chiudere”. Il presidente della societa’, Felicino Mirabito ha convocato una riunione per domani. Mirabito, invitato a relazionare in aula, ha riferito che nel 2011 vi e’ stato un deficit di circa 110 mila euro circa e di circa 70 mila euro nei primi mesi del 2012.

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2012-10-04T08:01:51+02:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Da Cagliari in linea Felice D’Ambra

di Felice D’Ambra

FOGLIO BIANCO PER IL DIRETTORE DEL QUOTIDIANO  “IL GIORNALE” ALESSANDRO SALLUSTI E SOLIDARIETA’ PERLA LIBERASTAMPA.

Da Cagliari in linea Felice D’Ambraultima modifica: 2012-09-27T08:01:02+02:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Controcorrente Eoliana

controcorrente.jpgLa nuova giunta comunale di Lipari apparentemente sembra molto sfigata. Anche se i guai uno se li cerca. Fra una veloce emergenza e l’altra, una negativa eredità contabile, una nuova chiusura, un progetto di futuro ed un avvenimento fangoso, per le vie dell’isola e in attesa della piazza, cinguettano gli uccelli. Musica meravigliosa per i giornalisti e giornalai. Musica triste per chi crede ancora in certi valori. “Fratelli coltelli e saranno bordelli”, tutti cosi i ritornelli di questi uccelli che svolazzano sapendo già dove nidificare. Speriamo di aver scambiato colombe per uccelli.
 
Controcorrente Eolianaultima modifica: 2012-09-26T09:15:19+02:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

ansa.jpgPotrebbero essere le Eolie a detenere il record della benzina piu’ cara d’Italia: oggi a Panarea un litro di verde costa 2,45 al litro; 5 centesimi in piu’ che a Filicudi, dove si ferma a 2,40 euro. Per residenti e turisti ciascun giorno porta la propria stangata: nelle ultime settimane il prezzo dei carburanti e’ cresciuto con ritmo quasi quotidiano.

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2012-08-27T17:11:03+02:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

ansa.jpgDue banditi, uno armato di un taglierino, hanno rapinato il ”Monte dei Paschi di Siena” nel centro di Lipari, la maggiore delle isole Eolie, e nell’ora di punta verso le 12.30.

Una rapina in banca non accadeve alle Eolie da circa tre anni quando nel mirino dei malviventi fini’ la ”ex Banca Agricola Etnea”. I due rapinatori si sono impossessati di 50 mila euro. Sono subito scattate le indagini dei carabinieri. Sono stati bloccati per i controlli in porto anche aliscafi e traghetti.

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2012-08-20T15:05:00+02:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

ansa.jpgSalina – Due asinelle pantesche, ‘Pamela’ e ‘Penelope’, condurranno fino a quota 962 metri i turisti nella riserva naturale dell’Isola di Salina, nell’arcipelago delle Eolie. Le due asine successivamente percorreranno tutti i sentieri storici delle altre isole dell’arcipelago. Ospitate nel demanio Forestale, provengono dalla Riserva Naturale dello Zingaro e sono state trasferite in un habitat piu’ adatto prima del rogo che nei giorni scorsi ha distrutto gran parte della riserva stessa. Pamela e Penelope sono state donate dal servizio Provinciale Azienda Foreste Demaniali di Trapani con l’auspicio che possano essere prolifiche anche a livello ambientale, al fine di mantenere e salvaguardare la specie protetta gia’ in fase di estinzione.
   L’Azienda Foreste Demaniali di Messina, diretta dall’architetto Giuseppe Aveni, ha iniziato un percorso virtuoso anche con il Comune di Lipari sottoscrivendo un protocollo d’intesa propedeutico alla redazione di progetti mirati e condivisi per la rinaturalizzazione del territorio e soprattutto per la loro salvaguardia a partire dal ripristino dei sentieri storici delle isole (Lipari, Filicudi, Alicudi, Panarea e Stromboli). La fruizione da parte dei turisti dei sentieri e dei percorsi nell’Isola ha fatto registrare negli ultimi tempi una grande attenzione sia per la riscoperta di elementi utili di biodiversita’. A tale scopo sono stati gia’ redatti diversi progetti che hanno ottenuto il benestare dei sindaci isolani e della popolazione locale.

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2012-08-16T11:02:00+02:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

ansa.jpgIl Tar del Lazio ha detto no alla realizzazione del depuratore di Canneto Dentro, a Lipari, accogliendo i due ricorsi presentati da 369 eoliani, rappresentati in giudizio dall’avvocato Paolo Intilisano del Codacons. Il progetto era stato voluto dal commissario delegato Luigi Pelaggi. I giudici hanno stabilito che Pelaggi non aveva i poteri per realizzare il depuratore e ha accolto anche il secondo ricorso sulla proroga dell’emergenza sino al 31 dicembre 2011 ritenendola illegittima per indeterminatezza”.
   Il nuvo sindaco di Lipari, Marco Giogianni, ha gia’ detto che l’opera si fara’ nel sito indicato nel piano regolatore: Monte Rosa. (ANSA).

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2012-06-19T13:36:00+02:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

ansa.jpg”In ospedale a Lipari si puo’ partorire”. Lo ha precisato il commissario dell’Asp 5 di Messina Francesco Poli, ribattendo all’assessore   comunale ai servizi socio-sanitari Giacomo Biviano.
 ”In servizio ci sono tre ginecologi e cinque ostetriche – ha aggiunto – se ci sono le condizioni per far nascere in sicurezza il parto si puo’ fare regolarmente. Se invece queste condizioni, secondo i sanitari non ci sono, e’ evidente che la partoriente dovra’ essere trasferita in un ospedale della terraferma”.

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2012-06-12T17:29:00+02:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

ansa.jpg Scatta, ma non per i residenti, l’aumento del costo del biglietto di aliscafi e traghetti della Siremar che collegano le sette isole Eolie con Milazzo e Napoli.
   Da Milazzo per Lipari si pagano 15,80 invece di 14,70. Da Lipari per Vulcano 5,80 (5,50) e da Lipari per Stromboli 17,80 (16,80). Le societa’ private Ngi e Ustica Lines non hanno ancora proceduto all’aumento dei biglietti. I turisti – come e’ noto – dovranno anche pagare un euro e 50 per la tassa di sbarco voluta dal governo Monti.
Domenica a0 giugno, dalle 10 alle 13, e’ stata organizzata dal movimento “Vento Eoliano” una protesta nel porto di Lipari contro il taglio nei trasporti voluto dalla Regione.

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2012-06-01T14:34:00+02:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

ansa.jpgLe navi cisterna che trasportano acqua sono troppo rumorose e si devono allontanare dall’approdo vicino al centro abitato di Bagnamare a Lipari. Lo ha deciso il giudice Francesco Catanese che ha accolto il ricorso presentato dagli abitanti, Giuseppe Lisuzzo, Angela Lo Schiavo e Antonino Foti contro la societa’ ”Marnavi spa” di Napoli, rappresentata dall’amministratore Domenico Ievoli che con navi cisterna gestisce il trasporto dell’acqua nelle isole Eolie.
  La societa’ napoletana e’ stata anche condannata a pagare oltre 6 mila euro di spese processuali. Gli abitanti di quella zona da decenni lamentano che le operazioni di pompaggio dell’acqua dalle navi cisterna si svolgono tutti i giorni, anche nelle ore notturne, nello specchio di mare antistante gli immobili con l’impiego di pompe alimentate da motori diesel, producendo immissioni sonore superiori alla normale tollerabilita’, tali da ”comportare gravissime ripercussioni di ordine psico-fisico sulla salute degli stessi cittadini”.

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2012-05-15T16:54:00+02:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

ansa.jpgE’ un coro di sì quello dei sindaci delle piccole isole alla tassa da sbarco per i turisti “mordi e fuggi”, quelli che sbarcano la mattina e ripartono la sera, e nessuno ipotizza un loro calo.

Nelle Eolie – spiega Mariano Bruno, sindaco di Lipari – abbiamo già in vigore il ticket di un euro per tutti i turisti che nel periodo estivo sbarcano nell’Arcipelago (3 euro per scalare i crateri di Stromboli e Vulcano). E’ evidente che questo euro e cinquanta, sarà una aggiunta”. Il Comune di Lipari, ogni estate incassa circa 450 mila euro. Il ticket invece non è stato mai istituito nell’isola di Salina che comprende tre Comuni. “Finalmente una nostra richiesta è stata accolta – sottolinea il sindaco di Santa Marina Massimo Lo Schiavo che è anche coordinatore dell’Ancim Sicilia – l’abbiamo sempre richiesto sia al governo nazionale che regionale”.

“Stiamo preparando il regolamento attuativo per poter applicare insieme ad Anacapri, la tassa il più presto possibile – afferma il sindaco di Capri, Ciro Lembo – che noi abbiamo quantificato in 1 euro, una piccola partecipazione alla ricchezza dell’isola azzurra. Stimiamo per l’estate 2012 di incassare dalla nuova tassa intorno ai tre milioni di euro, perché Capri non conosce crisi”, aggiunge. L’imposta, che potrà essere al massimo di 1,50 euro, servirà a finanziare interventi in materia di turismo, beni ambientali e culturali, e servizi pubblici locali e sarà riscossa dalle compagnie di navigazione al momento dell’acquisto del biglietto del traghetto o aliscafo. Ad essere esentati dall’imposta i residenti del comune, i lavoratori e gli studenti pendolari.

“Sono certo – continua Lembo – che questa piccola imposta non diminuirà l’afflusso turistico sull’isola, a Capri abbiamo già sperimentato piccole tasse di questo tipo, lo scorso anno per visitare i giardini di Augusto abbiamo imposto il pagamento di 1 euro in più e i visitatori non sono affatto calati”. “Ottima notizia” anche per il sindaco di Procida Vincenzo Capezzuto, che fa sapere che l’imposta sarà applicata “immediatamente” e sarà quantificata ‘al minimo consentito” “E’ un risultato molto positivo, raggiunto anche grazie all’impegno profuso dall’Ancim (Associazione nazionale comuni isole minori)”, sottolinea il sindaco di Favignana (che comprende anche le altre isole dell’arcipelago delle Egadi Marettimo e Levanzo) Lucio Antinoro: “un contributo che utilizzeremo esclusivamente per rendere le isole più accoglienti: pulizia delle spiagge, manutenzione delle strade perimetrali, tutela dei beni culturali”.

“Finalmente una buona notizia – ha commentato il sindaco di Lampedusa e Linosa, Bernardino De Rubeis – da tempo stavamo studiando su una ipotesi di tassa di sbarco proprio perché le isole minori, a differenza di altri comuni, hanno delle esigenze diverse e soprattutto dei costi maggiori di gestione dei vari servizi. Non temo una flessione delle presenze dovuta a questa nuova tassa, ma io dico invece che a chi decide di venire a villeggiare sulle nostre isole poco interessa spendere una cifra così irrisoria in più. Non può essere una manciata di euro (per una famiglia equivarrebbe al costo di una birra e una pizzetta) che ferma il turismo verso le nostre meravigliose isole”. “

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2012-04-19T20:56:00+02:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

ansa.jpgSono cinque i candidati a sindaco con undici liste per il consiglio nel maggior Comune delle Eolie: Ersilia Pajno (IL Faro), Marco Giorgianni (Udc, Pd, Futuro e Liberta’, Nuovo Giorno, Art 1), Gianfranco Grasso (Pdl, Mpa e Punto Freccia), Pietro Lo Cascio (La Sinistra Eoliana) e Francesco Rizzo (Vento Eoliano). A Santa Marina Salina i candidati sono il sindaco uscente Massimo Lo Schiavo e Marcello Saija. A Malfa il sindaco uscente Salvatore Longhitano e Roberto Pirera.

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2012-04-12T15:17:27+02:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

ansa.jpgI carabinieri hanno sottoposto a fermo un rumeno per violenza sessuale: e’ accusato di aver violentato una connazionale di 20 anni, attirata dall’uomo nel suo appartamento con un pretesto.
   La giovane si e’ recata al pronto soccorso dell’isola e ha denunciato l’uomo ai carabinieri. L’autorita’ giudiziaria di Barcellona Pozzo di Gotto ha disposto il trasferimento del romeno nel carcere messinese di Gazzi.

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2012-04-09T14:26:46+02:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

ansa.jpg(ANSA)  – Oltre 40 carabinieri hanno passato al setaccio i centri abitati delle isole di Lipari e Vulcano, in un’operazione di prevenzione dei reati ambientali. A Vulcano e’ finito in manette, per incendio di rifiuti in un’area sottoposta a vincolo paesaggistico, un rumeno di 33 anni, Baciu Robert Dumitru. A Lipari e’ stato arrestato Salvatore Cutuli, 28 anni, di Catania, trovato in possesso di 5 grammi di cocaina, che era gia’ suddivisa in dosi pronte per lo smercio.
   Denunciato un minore di Lipari, trovato in possesso di circa 10 grammi di hashish e marjuana. Nel corso della perquisizione effettuata presso l’abitazione del minore, i carabinieri hanno trovato 4 piante di canapa indiana.
   Quattordici le persone denunciate per reati ambientali, lavoro al nero, utilizzo di reti da pesca non a norma, cattiva conservazione di alimenti in esercizi pubblici. Elevate multe per complessivi 40 mila euro. (ANSA).

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2012-04-07T20:45:15+02:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

ansa.jpg(ANSA)  – La procura di Barcellona Pozzo di Gotto ha avviato una indagine sulla gestione del servizio dei rifiuti a Lipari. E’ stata affidata ai carabinieri che stamane sia nel municipio di piazza Mazzini che nella sede dell’Ato Eolie hanno proceduto a visionare documenti, a fotocopiarli, a controllare i computer anche dei dipendenti e a interrogare amministratori comunali e i rappresentanti della societa’ Ato. Nel mirino del comando provinciale dei carabinieri vi e’ in particolare l’ultimo appalto dei rifIuti aggiudicato a una societa’ di Ragusa (agosto-dicembre 20011) e poi prorogato per circa un milione e 200 mila euro. L’indagine e’ scattata dopo un esposto alla procura. (ANSA).

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2012-03-21T18:08:00+01:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

ansa.jpg(ANSA)  – Da Pasqua niente sigarette nel piccolo borgo di Stromboli, nelle isole Eolie e c’e’ il concreto rischio che il disagio continuera’ anche per la stagione estiva. L’inghippo sta nelle lentezze della burocrazia: l’unico rivenditore dell’isola ha chiesto sei mesi fa il rinnovo della licenza di vendita dei tabacchi, ma non ha ancora avuto nessuna risposta dai Monopoli di Stato.
   Gli abitanti di Ginostra hanno invitato i villeggianti e i turisti a inviare una cartolina di protesta ai Monopoli. (ANSA).

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2012-03-18T16:56:00+01:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia. Il video del volo dell’elisoccorso guasto

ansa.jpg(ANSA)  – Colpito da un infarto a Lipari, nelle Eolie, un uomo di 59 anni è stato portato nell’ospedale dell’isola, dove i medici hanno chiesto l’intervento dell’elicottero del 118.

Ma il pilota del velivolo, una volta giunto sull’isola, si è accorto che il mezzo aveva un problema tecnico e non poteva alzarsi in volo. L’infartuato, che ha atteso circa tre ore prima di essere trasferito, è partito con un altro elicottero giunto a Lipari in sostituzione del velivolo guasto.

Il malato, Antonio Barbera, è un tecnico della radiologia dell’ospedale di Lipari. L’elicottero che l’ha soccorso è giunto da Caltanissetta. L’uomo è stato trasferito nell’ospedale di Patti (ME). Intanto, il mezzo guasto è stato riparato ed ha lasciato l’isola con due membri dell’equipaggio a bordo.

Qualche giorno fa, sempre a Lipari, una donna di 29 anni, all’ottavo mese di gravidanza, ha perso il suo bimbo dopo un distacco di placenta, patologia che aveva richiesto il trasferimento a Messina.

Il video dell’elisoccorso guasto.

http://www.bartolinoleone-eolie.it/img_0354[1].wmv

http://www.bartolinoleone-eolie.it/img_0354[1].wmv

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia. Il video del volo dell’elisoccorso guastoultima modifica: 2012-03-15T18:26:00+01:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

ansadue.jpg(ANSA) –  I carabinieri, su mandato della procura di Barcellona Pozzo di Gotto hanno chiesto all’ospedale di Lipari copia della cartella clinica della signora V.G., 29 anni, residente a Lipari, che ha perso il bimbo all’ottavo mese di gravidanza. L’indagine dovra’ accertare se il feto era gia’ morto quando la donna e’ giunta in ospedale.
Dovranno anche essere accertati i tempi di arrivo dell’elisoccorso dalla richiesta. (ANSA).

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2012-03-09T21:18:56+01:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia. Il video

cannetodanni9.JPG(ANSA) – Quindici pescherecci sono stati scaraventati sugli scogli di Porticello cannetodanni8.JPGa Lipari a causa delle mareggiate.  Il cannetodanni7.JPGpresidente della cooperativa dei pescatori Angelo Pittari manifesta tutta la sua rabbia: ”Si sapeva che prima o poi sarebbe finita cosi’. Questo perche’ a Lipari non vi e’ uno scalo d’alaggio sicuro. E’ da trent’ anni che se necannetodanni3.JPG cannetodanni6.JPGparla, ma senza risultati”. Anche a Canneto i cittadini cannetodanni5.JPGlanciano pesanti accuse. Dice Nini’ Giardina, presidente della locale associazione ”Ci poteva pure scappare il morto. Sono volati letteralmente pezzi del muraglione che hanno messo a rischio l’incolumita’ dei cittadini. Alcuni di questi hanno anche distrutto porte e vetrine di case e negozi. A Calandra e’ saltato il manto stradale. Canneto sembra post-terremoto. E non si venga a parlare di rifare l’arredo urbano del lungomare, qui bisogna pensare a proteggere tutta la Marina Garibaldi, da Unci a Calandra dalla furia del mare”.(ANSA).   

Il video.

Video-shock della mareggiata di ieri a Canneto di Lipari, sulle isole Eolie

 

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia. Il videoultima modifica: 2012-02-23T17:37:14+01:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

cannetoparcogiochi.JPG(ANSA) – Per la violenta mareggiata che alle Eolie non si ricordava da mareggiatacanneto11.JPGmareggiatacanneto12.JPGdecenni, i danni sono ingentissimi e il sindaco Mariano Bruno chiedera’ lo stato di calamita’ naturale alla Protezione civile. Le mareggiate con onde alte anche 5 metri, hanno danneggiato le strutture portuali di Lipari, mareggiatacanneto13.JPGAlicudi e Filicudi. A Lipari i danni piu’ ingenti si sono registrati a Canneto. Le mareggiate hanno invaso tutto il lungomare da Unci a Calandra, distruggendo pezzi del muraglione, raggiungendo case e negozi e spazzando via i cassonetti dei rifiuti.(ANSA).

Foto sx Alessio Pellegrino: Il parco giochi di Canneto a pezzi dopo la mareggiata. A dx foto di Marco Manni

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2012-02-22T17:36:00+01:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

ansa.jpg(ANSA) – Oltre che la cima di Salina, la neve ha imbiancato anche il cratere di Stromboli. La vetta del vulcano piu’ attivo delle Eolie e’ tutta bianca. Una ventina di turisti si sono avventurati sulla montagna, con le guide, e oltre a qualche ”botto” del vulcano hanno potuto anche ammirare lo straordinario spettacolo del cratere in bianco e nero.(ANSA).

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2012-02-13T16:26:00+01:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

ansa.jpg(ANSA) – LIPARI – ”A scuola docenti e alunni con cappotti e piumini, perche’ il riscaldamento ancora non funziona”. Lo denuncia il dirigente della scuola media di Lipari, Renato Candia.
   ”Devo evidenziare – scrive in una lettera inviata al sindaco – che la situazione e’ ormai esasperante e intollerabile. Le cronache locali segnalano quotidianamente nella nostra provincia la chiusura di plessi scolastici per il freddo eccessivo e la mancanza del carburante per le caldaie. E’ vergognoso e imbarazzante non sapere piu’ cosa dire alle famiglie: i ragazzi restano seduti sui banchi per cinque ore, con cappotti e giubbotti (come i loro insegnanti), dentro locali gelidi. Cerchiamo di arrangiarci, utilizzando stufette elettriche nelle classi, ma l’impianto elettrico, come piu’ volte segnalato, non regge il carico, la rete e i pc degli uffici saltano continuamente”. (ANSA).

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2012-02-10T14:17:00+01:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

ansa.jpg(ANSA) – LIPARI – A Canneto, in via Cesare Battisti, e’ stata bruciata la casa di Antonio La Bua, un avvocato residente a Taranto, ma originario di Lipari, che nelle Eolie trascorre le vacanze. Il fuoco e’ stato appiccato a una casa di circa 50 mq, che e’ stata quasi completamente distrutta. Oltre all’abitazione, situata al piano terra, e’ stata data alle fiamme una barca di tre metri che si trovava sotto una tettoia nel giardino attiguo. I danni sono ingenti: si parla di circa 50 mila euro. Sul posto vigili del fuoco e carabinieri. (ANSA).

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2012-02-07T22:00:00+01:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

ansa.jpgEolie senza carburante. Gia’ da ieri pomeriggio nelle isole non si trova piu’ un goccio di benzina e gasolio a causa dello sciopero dei tir. Nei prossimi giorni potrebbero anche registrarsi difficolta’ nei collegamenti marittimi. Le societa’ di navigazione hanno informato il prefetto di Messina. Nei supermercati scarseggiano anche le derrate alimentari.

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2012-01-19T19:35:24+01:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

BNATALE61.jpg(ANSA) – Roberto Cannistra’, 36 anni, presunto assassino di Eufemia Biviano, la donna di 62 anni uccisa a Lipari alla vigilia dello scorso Natale, domani alle 12,30 nel cacere messinese di Gazzi, sara’ sottoposto all’interrogatorio di garanzia da parte del gip del tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto.

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2012-01-04T17:31:56+01:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

bnatale74.jpg(ANSA) – Il traghetto ‘Laurana’, della Siremar, che e’ partito ieri sera da Napoli, e’ riuscito a raggiungere le isole di Stromboli, Panarea, Salina, Lipari e Vulcano, nell’arcipelago delle Eolie, quindi e’ giunto a Milazzo con a bordo una settantina di passeggeri. La nave trasporta anche una decina di auto.

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2011-12-31T19:10:00+01:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

nat displ.png(ANSA) – Proseguono a ritmo serrato le indagini sul giallo della morte di Eufemia Biviano, 62 anni, assassinata a coltellate nella sua abitazione  di Quattropani, una frazione di Lipari, alla vigilia di Natale. Nell’isola, dove stamane si sono svolti i funerali della donna, c’e’ un grande spiegamento di forze dell’ordine che hanno effettuato anche alcune battute dall’alto con un elicottero.
   In attesa dell’esito delle perizie condotte dai carabinieri del Ris, che oltre ai rilievi nel garage dove e’ avvenuto il delitto hanno anche effettuato alcuni esami del Dna, gli investigatori stanno analizzando tutti gli elementi che hanno a disposizione. A cominciare dallo scontrino fiscale trovato nelle borsa della spesa che ancora la vittima doveva svuotare. Dal documento si potrebbe risalire alle riprese delle telecamere a circuito interno del negozio per individuare i volti delle persone che potrebbero avere seguito la signora Biviano. Gli inquirenti stanno anche passando a setaccio le cellule telefoniche presenti nella zona della villetta nell’orario in cui la donna sarebbe stata uccisa e sono ancora alla ricerca dell’arma utilizzata dall’assassino. Gli investigatori sembrano ormai avere scartato l’ipotesi di un omicidio a scopo di rapina, privilegiando la pista di un delitto d’impeto, forse da parte di una persona che conosceva la vittima.

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2011-12-29T18:45:47+01:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

BNATALE61.jpg(ANSA) – Si svolgeranno domani alle 10,30, nella Chiesa Nuova di Quattropani, i funerali di Eufemia Biviano, la donna di 62 anni assassinata nella sua abitazione a Lipari la vigilia di Natale. La salma, ultimati gli esami autoptici dei medici legali, giungera’ questa sera alle 20.30 da Milazzo con il traghetto della Siremar. La cerimonia funebre sara’ officiata dal parroco della borgata dell’isola, Don Peppino Mirabito.
   Ieri sera nella sede del Centro Studi Eoliano lo stesso parroco ha promosso una riunione a cui hanno partecipato una decina di rappresentanti di associazioni locali. E’ stato deciso di invitare i cittadini eoliani ad accogliere stasera la salma e a partecipare domani ai funerali. Nei prossimi giorni, su iniziativa di alcuni rappresentanti della societa’ civile, sara’ anche organizzata una ”Fiaccolata della Legalita”’.

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2011-12-28T17:08:00+01:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

BNATALE66.jpg(ANSA) – Dopo l’uccisione di Eufemia Biviano, la donna di 62 anni assassinata alla vigilia di Natale nella sua abitazione a Lipari, il prefetto di Messina Francesco Alecci ha convocato per domani alle 10 una riunione straordinaria del comitato per la sciurezza e l’ordine pubblico. Oltre al prefetto Alecci e al sindaco di Lipari Mariano Bruno, che aveva sollecitato la riunione, parteciperanno il presidente della Provincia Nanni Ricevuto, il questore e i comandanti provinciali e locali dei carabinieri e della guardia di finanza. Tra gli abitanti delle isole Eolie c’e’ molta preoccupazione sia per l’uccisione della donna, il primo delitto che si registra a Lipari dagli anni ’50, sia per l’attentato incendiario che la notte scorsa ha distrutto l’auto di un imprenditore.

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2011-12-27T16:58:00+01:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italia

BNATALE48.jpg(ANSA) – Sono ripresi i collegamenti con quasi tutte le Eolie, interrotti, nei giorni scorsi, per il maltempo. Dopo il traghetto Siremar, anche gli aliscafi della societa’ di Stato hanno ripreso a navigare da e per Milazzo. Lo stesso veloce mezzo ha anche garantito il collegamento da Lipari per Panarea e Stromboli. Continuano a rimanere isolate Filicudi e Alicudi e difficile resta l’attracco a Ginostra.
   Oltre ai passeggeri a bordo anche un ”prezioso” carico di panettone e spumante.

Le notizie del nostro giornale online fanno il giro d’Italiaultima modifica: 2011-12-18T15:58:00+01:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo