Lipari, “il mio progetto per il lungomare di Canneto. Continuo a insistere…”. Le reazioni nel web e l’intervento

LE REAZIONI NEL WEB

Augusto D’Albora: Progetto che deve essere Immediatamente esecutivo fagli fare un copia ed incolla chiaramente con qualche piccola variante… Ma salviamo l’unica spiaggia bella di Lipari

Mimmo Fonti: Condivido il tuo progetto.. oggi più di prima.. vista l’emergenza, in particolare di Calandra.. però.. purtroppo tu non sei il progettista del Comune e la mia opinione non conta nulla..

L’INTERVENTO

di Salvatore Leone
ok Canneto al muro
A Canneto ormai c’è chi capisce e chi non capisce. Sono quelli che messi al muro devono decidere se stare di qua o di la. Per giustizia e non per convenienza. Questo è il secondo muro duro. Intanto tutto peggiora. E’ colpa del mare che rosicchia isole e case, rovinandole. Lo Stato resta a guardare. Non esiste nessun studio di fattibilità per salvare i litorali. Solo opere faraoniche il cui costo progettuale spesso costa più dei lavori e si rimorchia i lavori. Il motto è: “bisogna distruggere quello che esiste per ricostruirlo con nuove tecniche”. Canneto ha l’unica opera ben costruita. Il famoso muraglione del lungomare che serve da comoda seduta per dare le spalle al mare o alle case. Le forme arrotondate di questa barriera respingono le onde del mare. Col “mega-progetto-appalto” il muraglione non va più bene. Deve essere demolito e spostato verso il mare. C’è troppa spiaggia. Merito della colpa di un “progettoadaltotassod’ingegneriapolitica”. I seduti sul muro ripetono con coraggio che bastava poco per salvaguardare il litorale di Canneto, senza interventi drastici sulla terraferma. Tutto a mare senza nulla toccare sulla terraferma. Il “progettogratuitodelgeometraElioMollicannetaro” avrebbe recuperato tutta la barriera esistente sistemandola per tutta la lunghezza del litorale da “Uncalandra” con sopra scogliame emergente. Poi la creazione dei pettini per salvare Canneto. Opere simili esistono nelle migliori località balneari. I costi bassi e il progetto gratuito con l’opera che non crea nessun disagio a mezzi di trasporto ed abitanti perché l’intervento arriva dal mare. Ecco perché non piace. Mentre a Lipari è nato il deserto dell’isola pedonale, a Canneto si vogliono portare auto e motorini accanto ai bagnanti perché anche l’inquinamento ha bisogno di prendere il sole sulla spiaggia. Naturalmente tutto pagato.

di Aldo Natoli

Sulla problematica del lungomare di Canneto!
Non entro nel merito delle progettazioni perchè non rientra nelle mie capacità professionali!
Debbo ricordare che la spiaggia di Canneto dopo la grande mareggiata è stata protetta con i “tetrapodi” . Ovviamente questi tetrapodi bisognerebbe riaffiorarli, altrimenti non producono alcun effetto.
Debbo ricordare altresì che il nostro Comune si è dotato di uno Studio effettuato dallo “Studio “Volta” di Savona sulle spiagge e porti del nostro territorio prospettando delle soluzioni.
Uno sguardo certamente non farebbe male!!!

Lipari, “il mio progetto per il lungomare di Canneto. Continuo a insistere…”. Le reazioni nel web e l’intervento

http://alberghieolie.com/

Lipari, “il mio progetto per il lungomare di Canneto. Continuo a insistere…”. Le reazioni nel web e l’interventoultima modifica: 2019-01-10T09:29:57+01:00da leonedilipari
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento