Norwegian potenzia i voli da e verso l’Italia

Norwegian ha annunciato un incremento del 34% (vs. 2017) dei posti disponibili da e per l’Italia durante la prossima stagione invernale, pari ad un totale di 501.000 biglietti in vendita. Dal nostro Paese, è possibile decollare a bordo di Norwegian verso 9 destinazioni in Europa, 1 in Israele e 2 negli Stati Uniti. Quest’inverno, la compagnia opererà i suoi voli da 3 aeroporti italiani: Milano Malpensa, Catania e Roma Fiumicino, unica base del vettore in Italia.

E proprio a Roma si concentra il 90% della capacità di trasporto del vettore durante il periodo invernale: a Fiumicino, infatti, la low cost rafforza la sua presenza incrementando del 43% (vs. 2017) il numero di posti disponibili, ben 451.000 biglietti in vendita. In particolare sono 320.000 (+49%) i biglietti per volare verso 7 destinazioni a corto-medio raggio – Copenaghen, Stoccolma, Oslo, Helsinki, Tenerife Sud, Tel Aviv e Reykjavík (queste ultime 2 novità 2018) – mentre sono 131.000 (+31%) i biglietti per volare verso gli Stati Uniti, volta di New York/Newark e Los Angeles. A Roma, Norwegian connette i suoi voli a corto e medio raggio con il suo network a lunga percorrenza, rendendo quindi Fiumicino un vero e proprio hub per la compagnia.

A livello intercontinentale, Norwegian si è vista costretta a sospendere il lancio della rotta Roma – Miami/Fort Lauderdale, il cui volo inaugurale era previsto per il 30 ottobre con 2 frequenze settimanali. Questa sospensione è dovuta al perdurare di una problematica ai motori Rolls Royce di alcuni degli aeromobili Boeing 787 Dreamliner della flotta Norwegian a lungo raggio. La decisione di sospendere la nuova rotta è stata adottata per tutelare i passeggeri della compagnia, preservando così l’integrità operativa del programma voli firmato Norwegian. Tutti i passeggeri che hanno già prenotato un volo sulla rotta Roma-Miami/Fort Lauderdale saranno riprotetti, senza alcun costo aggiuntivo, attraverso voli in connessione con le capitali scandinave verso la Florida. Si tratta di un problema comune anche ad altre compagnie aeree che utilizzano Dreamliner equipaggiati con questo motore.

Eolie, scatta la missione di recupero delle reti da pesca disperse nei fondali

Healthy Seas, in collaborazione con l’Aeolian Islands Preservation Fund (AIPF), Blue Marine Foundation (BLUE) e la Ghost Fishing Foundation, si fa promotore di una missione di recupero delle reti da pesca perse o abbandonate nei fondali marini al largo delle isole Eolie. La missione è interamente sponsorizzata da Aquafil, con un contributo di AIPF e BLUE.

Healthy Seas opera nel Regno Unito, in Italia, in Grecia, nei Paesi Bassi e in Belgio. In cinque anni, con la collaborazione di subacquei volontari e pescatori, ha raccolto oltre 375 tonnellate di reti da pesca, l’equivalente del peso di 2 balenottere azzurre.

Secondo i report dell’UNEP e della FAO, ogni anno 640.000 tonnellate di attrezzi da pesca vengono persi in mare e negli oceani, danneggiando l’ecosistema marino. Nello specifico le reti da pesca, chiamate anche “reti fantasma” perché invisibili sott’acqua, non solo diventano vere e proprie trappole per molte specie marine, vulnerabili (come delfini e tartarughe) e d’interesse commerciale (come cernie e aragoste), che una volta incastrate muoiono, ma permangono nei mari centinaia di anni senza biodegradarsi.

Una volta recuperate, le reti da pesca saranno ripulite ed inviate all’azienda Aquafil che si occuperà di trasformarle in nylon rigenerato ECONYL®, il nylon riciclabile all’infinito.

Eolie, scatta la missione di recupero delle reti da pesca disperse nei fondali

Milazzo, alle 10 la cerimonia di consegna della Bandiera di Combattimento alla Nave “Luigi Rizzo”. Il programma. Corse di aliscafi sospese dalle 9 alle 13,30

La nave Luigi Rizzo è arrivata a Milazzo accolta da giochi d’acqua ad opera dei rimorchiatori portuali e dall’amministrazione comunale. Fino a lunedì 8 di ottobre, giorno di conclusione della cerimonia di consegna della “bandiera di combattimento”. Possibile effettuare visite a bordo della Nave.

La nave “Rizzo” costruita nello stabilimento di Riva Trigoso (Genova), si caratterizza per una elevata flessibilità d’impiego e avrà la capacità di operare in tutte le situazioni tattiche. Ha una lunghezza di 144 metri, una larghezza di 19,7 metri; può raggiungere una velocità superiore ai 27 nodi con una capacità massima di personale trasportato pari a 200 persone e rappresenta lo stato dell’arte della difesa italiana ed europea.

Ecco il programma della manifestazione curato in particolare dall’esperto del comune, Pierpaolo Ruello.

Lunedì 08 Ottobre:

Porto, Banchina XX Luglio, dalle ore 10.00 – Cerimonia di consegna della Bandiera di Combattimento a Nave “Luigi RIZZO”.
Visite a bordo per ANMI dalle ore 14.30 alle 18.30. Per la popolazione visite dalle 18.30 alle 23.00. Negli stessi orari sarà visitabile all’ingresso del Molo Marullo lo spazio espositivo dedicato a “Luigi Rizzo” curato da Storia Patria Milazzo(oggimilazzo.it)

Milazzo, alle 10 la cerimonia di consegna della Bandiera di Combattimento alla Nave “Luigi Rizzo”. Il programma. Corse di aliscafi sospese dalle 9 alle 13,30

Da Torino in linea Michele Sequenzia

di Michele Sequenzia

Caro Direttore,

lunga vita a tutti i nostri…Opinionisti…sentinelle armate con tanto coraggio…voci libere…come Salvatore Agrip…Marcello Bernardi…gente che ha voglia di comunicare, di “sputare fuori”…spesso di ” mettersi contro”…giovani , anziani…che sentono ribollirsi dentro…non ne possono più delle infinite spaventose iniquità!

Grazie al nostro Notiziario, ogni mattina mi sento sempre più attivo, vivace, quasi monello, oggi vecchio scapestrato, spesso irritato, critico, angosciato se ricordo l’Italia di un tempo…” Paradiso terrestre”…che oggi non riconosco più tanto è imbruttita…devastata, corrotta, impoverita…dalle infinite mafie che comandano le oziose, infantili, idiote trombe del Governo…tanto che mi viene voglia di scriverti, senza pensarci su troppo.

LEGGI TUTTO

Da Torino in linea Michele Sequenzia

Lipari, tutto pronto per la prima edizione dell’”Aeolian Charity Triathlon”

Il 13 ottobre 2018 arriva a Lipari, cuore dell’arcipelago delle Eolie, in Sicilia, la prima edizione dell’Aeolian Charity Triathlon: una manifestazione sportiva unica per il connubio tra la bellezza del percorso e il valore sociale.

L’Aeolian Charity Triathlon rientra nella disciplina del Triathlon olimpico “atipico”, proponendo un itinerario spettacolare attraverso i magnifici panorami dell’isola. La gara inizierà a Calandra con la sezione di nuoto – 1,5 km nelle acque della Baia di Canneto – e proseguirà con la tranche di bici, 42,35 km con un dislivello di 1.024 mt attraverso i magnifici luoghi dell’isola: da Calandra ad Acquacalda per fare un giro completo dell’isola, tra Quattropiani, Pianoconte, Lipari via Marina Lunga e Canneto dove saranno organizzati quattro punti ristoro.

LEGGI TUTTO

Lipari, tutto pronto per la prima edizione dell’”Aeolian Charity Triathlon”

Il caso Centonove: Enzo Basso, un giornalista scomodo contro i poteri forti

di Concetto Alota

Ai più attenti non è sfuggito in questi giorni il caso dello storico settimanale messinese “Centonove” e del suo editore e direttore, Enzo Basso. Sfogliando la storia, troviamo le tracce dello spionaggio e depistaggio messo in piedi dal “Sistema Montante”, e poi una lunga Odissea tra i vicoli deviati della giustizia che l’imputato principe alla fine si scopre che non è colpevole. Enzo Basso è il capo di quella coraggiosa redazione, rea solamente di aver denunciato in lungo e in largo per la Sicilia dei gattopardi, i malaffari della politica e dei poteri forti che la governano da sempre, cambiando solo la facciata e la denominazione……

leggi tutto

Il caso Centonove: Enzo Basso, un giornalista scomodo contro i poteri forti

Eolie, lunedì la missione di recupero delle reti da pesca disperse nei fondali

Healthy Seas, in collaborazione con l’Aeolian Islands Preservation Fund (AIPF), Blue Marine Foundation (BLUE) e la Ghost Fishing Foundation, si fa promotore di una missione di recupero delle reti da pesca perse o abbandonate nei fondali marini al largo delle isole Eolie. La missione è interamente sponsorizzata da Aquafil, con un contributo di AIPF e BLUE.

Healthy Seas opera nel Regno Unito, in Italia, in Grecia, nei Paesi Bassi e in Belgio. In cinque anni, con la collaborazione di subacquei volontari e pescatori, ha raccolto oltre 375 tonnellate di reti da pesca, l’equivalente del peso di 2 balenottere azzurre.

Secondo i report dell’UNEP e della FAO, ogni anno 640.000 tonnellate di attrezzi da pesca vengono persi in mare e negli oceani, danneggiando l’ecosistema marino. Nello specifico le reti da pesca, chiamate anche “reti fantasma” perché invisibili sott’acqua, non solo diventano vere e proprie trappole per molte specie marine, vulnerabili (come delfini e tartarughe) e d’interesse commerciale (come cernie e aragoste), che una volta incastrate muoiono, ma permangono nei mari centinaia di anni senza biodegradarsi.

Una volta recuperate, le reti da pesca saranno ripulite ed inviate all’azienda Aquafil che si occuperà di trasformarle in nylon rigenerato ECONYL®, il nylon riciclabile all’infinito.

LEGGI TUTTO

Eolie, lunedì la missione di recupero delle reti da pesca disperse nei fondali

Panarea, la “Formentera d’Italia”

di Adriana Setti*

Ogni isola è un piccolo universo. E poche cose sono affascinanti come l’abilità che questi pezzi di terra, a volte così vicini tra loro, devono coltivare personalità drasticamente differenti. Stromboli e Panarea, le due Eolie che ho visitato nel mio recente viaggio in Sicilia, ne sono un buon esempio. Il primo ha il vulcano più attivo in Europa, aria di mistero e ambiente che tira per l’alternativa. Il secondo, è il Formentera d’Italia: piccole, belle, carezze. In breve: nei 100 metri tra la locanda e la locanda ho visto più magliette Ralph Lauren con il colletto alzato rispetto agli ultimi 5 anni insieme.

LEGGI TUTTO

Panarea, la “Formentera d’Italia”

Da Palermo in linea Daniele Billitteri. Meteo&Babbio…

di Daniele Billitteri

Siamo depressi ma non siddiati. Meteo di giovedì 4 ottobre

Ci sono quelli che pensano (e hanno raggione) che quando c’è malotempo viene la depressione. Io che non sono dottore della mirudda ma faccio finta di taliare carte e nummari, dico che quando c’è la depressione viene il malotempo.
E’ quello che sta succedendo ora perché su tutta la Sicilia c’è fermo un piccolo vortice depressionario che chiama sia vento freddo da Grecale, sia vento caldo da Libeccio e Scirocco. Si può capire, così, come tutto questo vuole dire acqua. Pure abbondante. Come infatti di doppopranzo si mise a piovere bello assistimato e, da quello che vedo, continuerà fino alla nottata.
Per quanto riguarda domani giovedì, i scinziati sono un poco sfronti nel senso che secondo una partita non mancheranno le piogge. Ma secondo un’altra partita, tranne di primissima mattina, a Palermo non dovrebbe piovere. Certo la situazione resta molto instabile. E avremo pure un cambio di vento a metà giornata: da Maestrale a Scirocco. Ma la Protezione Civile un piccolo passo indietro lo ha fatto scancellando il colore arancione e sostituendolo col colore giallo. Che è meglio. Questo per quanto riguarda il rischio idrogeologico perché per quanto riguarda il rischio idraulico (rischio esondazioni e alluvioni) ha messo addirittura in verde le province di Agrigento Trapani e Palermo e ha lasciato in giallo tutte le altre. Vuol dire che, secondo la Protezione Civile, le piogge più probabili saranno nella Sicilia Centro-Orientale. Temperature massime attorno ai 22/23 gradi. Le minime attorno a 19/20. Venti svolazzanti ma deboli. Mossi i mari. Ma si stanno calmando pure loro. Quindi depressi ma, tutto sommato, non siddiati. Tante belle cose. Migliorate.

Da Palermo in linea Daniele Billitteri. Meteo&Babbio…

Il Laser, un’invenzione con tanti padri e tre Nobel

di Carlo D’Arrigo*

Il Laser, un’invenzione con tanti padri e tre Nobel
Le invenzioni insignite quest’anno a Stoccolma del premio Nobel riguardano le applicazioni della radiazione Laser. Tre i premiati, tre fisici, rispettivamente un americano, un francese e una canadese. Sono Arthur Ashkin, Gerard Mourou e Donna Strickland. Sono loro che hanno aperto la ricerca alle possibili applicazioni del laser in moltissimi settori, dalla medicina alle comunicazioni. Ma cos’è il Laser?

LEGGI TUTTO

Il Laser, un’invenzione con tanti padri e tre Nobel