Roma, Salvatore Di Giovanni si è laureato in ingegneria elettronica

adigiovanni.jpegSalvatore Di Giovanni,  24 anni, di Lipari,  si è laureato in Ingegneria Elettronica presso l’Università Roma Tre, con voto: 110 e lode.

A Salvatore, a mamma Nancy e a papà Nino i complimenti e gli auguri de “Il Notiziario” 

Lipari, al museo convenzione con l’Università di Reggio Calabria per la progettazione e la rifunzionalizzazione del patrimonio archeologico e architettonico

mbenfariarchitetta.JPGdi Michele Benfari*

Il Museo Regionale Archeologico Eoliano di Lipari, ha stipulato con il Dipartimento Patrimonio Architettonico ed Urbanistico dell’Università degli studi Mediterranea di Reggio Calabria (PAU), un’importante convenzione che prevede uno step di attivita’ di ricerca scientifica per la progettazione di interventi di restauro conservativo e rifunzionalizzazione  del patrimonio archeologico e architettonico  del Castello di Lipari, sede del Museo.  Il Museo ha da tempo a cuore la conservazione, la tutela del patrimonio archeologico e architettonico del Castello e adesso, grazie e insieme al PAU, che possiede le adeguate competenze scientifiche, tecniche ed esperienziali sarà possibile attuare un percorso di collaborazione che possa da una parte perseguire la valorizzazione del Castello di Lipari, dall’altra creare occasioni di ricerca applicata e formazione post-lauream. L’iniziativa potrebbe avere riedizioni con cadenza annuale, di volta in volta estese a differenti edifici monumentali o aree archeologiche del Castello di Lipari nella logica della continuità e di una programmazione “diffusa”. Questa convenzione rappresenta una ulteriore conferma della volontà del Museo Archeologico Eoliano di Lipari di “aprirsi” secondo una filosofia di rinnovamento, di collaborazione, di sinergia. Un contenitore aperto alla piena fruizione, alla didattica e alla multidisciplinarietà.

*Direttore del museo archeologico di Lipari

Nella foto: il direttore Benfari e la prof.essa arch. Simonetta Valtieri, Direttore del Dipartimento Patrimonio Architettonico ed Urbanistico dell’Università degli studi Mediterranea di Reggio Calabria.

Avviso

Caro direttore,
ti chiedo una cortesia, mia moglie Angela Orto, nella giornata odierna, ha smarrito in Lipari il suo portafoglio contenente tutti i documenti personali, se qualche anima buona, dovesse ritrovarlo me lo può o fa recapitare all’ufficio oggetti smarriti del Comune.
Anticipatamente ti ringrazio e ti saluto affettuosamente.
Franco Rando

Da Cagliari in linea Felice D’Ambra

fdambra11.jpgdi Felice D’Ambra

 

Il mondo piange i morti di Haiti, di San Fratello e Giampileri in Sicilia, di Maierato in Calabria,  dell’Abruzzo, di Capoterra in Sardegna, i morti ammazzati ovunque, quelli dell’Iraq, di Afghanistan, quelli di Teheran e quelli del disastro di Madeira in Portogallo e,  per ultimo, quelli di Kabul, di oggi. La terra, trema, le montagne franano ovunque, franano anche a Lipari. Il Po’, il più grande fiume italiano rischia la catastrofe, per indifferenza o negligenza di industriali  senza scrupoli. Ma, cosa sta succedendo? Il disastro ecologico è ovunque e la terra è la vittima dell’incuria degli uomini. La terra è offesa, e, umiliata si vendica, si ritorce contro chi la tratta male. Il male contro l’ingiustizia. Si costruisce ovunque, sui letti e corsi di fiumi, sulle sponde del mare, si costruisce dove non è possibile, e si offende sempre di più la natura. La catastrofe finanziaria, iniziata nel 2007 negli Stati Uniti, non è finita, il lavoro non c’è più, le famiglie piangono la miseria, gli uomini si rivoltano e manifestano contro gli speculatori, i giornali aumentano il costo, perché  dichiarano che il costo del lavoro è aumentato. Ma, se gli uomini hanno perso il lavoro, come si fa a dire che il costo del lavoro è aumentato?, se molti giornalisti hanno perso il proprio posto di lavoro? Siamo allo sbando più totale e si continua a castigare quello che è già stato flagellato e ridotto in fango.  Oggi, in Sardegna è nato un nuovo Reality: “l’Isola dei cassintegrati”, uomini che non devono gareggiare per pubblicità, non sono personaggi famosi, né persone in cerca di notorietà,  sono solo uomini che cercano lavoro e non hanno l’appannaggio che i partecipanti dell’Isola dei famosi ricevono, non hanno il sorriso smagliante della conduttrice “Simona Ventura”, ma hanno la visione della moglie e dei figli da mantenere. Sono gli operai dell’Alcoa del Sulcis iglesiente e della Industria Vilnys di Porto Torres. I forzati dell’Asinara del Reality, hanno un salario di cassintegrati di 700 euro e lottano per la sopravvivenza e per un pezzo di pane, lottano per il lavoro, perché vogliono lavorare, non gradiscono l’elemosina. Questi venti operai hanno deciso di sbarcare in gruppo, sull’Isola dell’Asinara a Nord Ovest di Porto Torres e occupare pacificamente l’Isola dell’Asinara, oggi non più carcere di massima sicurezza che ha visto ospiti: Raffaele Tutolo e u “curtu” Totò Riina.  Questa Isola che oggi è un paradiso, è stata la base “bunker” dei Giudici, Falcone e Borsellino, quando preparavano il maxi processo di Cosa Nostra.

Panarea, sono diventati tre i dimissionari della Circoscrizione. Mandato a rischio?

pspano2.JPGPanarea – Il consiglio di circoscrizione ridotto ai minimi termii. Dopo le dimissioni di Mirella Masi, hanno rassegnato il mandato Antonio Baracca e Mirko De Domenico. Insomma, in carica sono rimasti solamente tre componenti, con il presidente Paolino Spanò. Se non scatterà la surroga dei dimissionari, la circoscrizione non avrà piu’ i numeri per portare a compimento il mandato. E quindi dovrà essere nominato un commissario. Ma in questo arco di tempo, potrebbero esserci anche altre eclatanti novità. 

Lipari, Salvatore Coppolina è incontenibile: ha proposto una serie di modifiche per il “piano casa” voluto dal governatore Lombardo

scoppolinapiccola.jpgdi Salvatore Coppolina*

In riferimento alla legge casa in discssione presso l’Ars, al fine di renderla piu’ attinente con le finalità della stessa, che sono quelle di promuovere misure per il sostegno del settore edilizio attraverso interventi finalizzati al miglioramento della qualità abitativa, per preservare, mentenere, riutilizzare e rivatlizzare il patrimonio edilizio esistente…, la sezione dell’Mpa di Lipari propone la possibilità del cambio di destinanzione d’uso di tutti gli immobili collocati nelle zone A,B, C e D, per quest’ultima zona se ricompresi all’interno del perimetro urbano (questo proprio per il recupero di vecchi e abbandonati edifici che deturpano alcuni centri urbani della nostra Sicilia). Inoltre si propone il cambio di destinazione d’uso per tutti gli immboli ricdenti nella fascia di 150 metri dal mare, sempre se ricadenti nel perimetro urbano. Infatti detto vincolo non ha nessun senso all’interno di questo perimetro, considerato che lo stesso è un’area urbanizzata. Una finale considerazione: quante villette ci sono in Sicilia che anno piccoli abusi che sono stati sanati nelle sanatorie precedenti? Sicuramente tantissime che rimarrebbero fuori da questa legge limitando in maniera considerevole lo scopo della stessa. In questo caso si potrebbe consentire, per esempio, negli edifici sanati degli ampliamenti piu’ limitati rispetto a quelli previsti, in cambio di un miglioramento dell’efficienza energetica dell’immobile in questione. Inoltre si fa rilevare che si sta considerando l’ampliamento possibile per tutte le attività produttive tranne per gli alberghi per i quali si potrebbe prevedere un aumento di cubatura per i servizi annessi necessari per una riqualificazone dell’offerta turistica nella nostra Regione sempre attraverso la presentazione di un progetto che preveda soprattutto un miglioramento dell’efficienza energetica della struttura. Bisogna inoltre vedere attentamente l’applicabilità della presente legge alle Eolie alla luce del Piano Paesistico, considerando che una sua inapplicabilità nelle nostre isole, causerebbe il tracollo del settore edile già in gravi difficoltà.

*Segretario Mpa Eolie  

Lipari, sul cineforum cala il sipario con “Baaria” di Tornatore

tdelucapiccola.jpgdi Tiziana De Luca*

ULTIMO APPUNTAMENTO CON IL CINEFORUM 2010 “VOCI SENZA CONFINI” L’ASSOCIAZIONE GIOVANI EOLIANI VI INVITA ALLA PROIEZIONE DEI FILM BAARIA – LA PORTA DEL VENTO di Giuseppe Tornatore OGGI VENERDI’ 26 FEBBRAIO ALLE ORE 21.00 PRESSO IL CIRCOLO PENSIONATI”G.GISABELLA” di LIPARI (Via Mons.Bernardino Re, ex Viale Vescovile). UN GRAZIE A TUTTI COLORO CHE HANNO PARTECIPATO AL NOSTRO CINEFORUM 2010! A STASERA… E AL PROSSIMO ANNO CON IL CINEFORUM”VOCI SENZA CONFINI”2011 GRAZIE!!!

*Presidente associazione “Giovani Eoliani”

 

 

Santa Marina Salina, sollecitati lavori nella strada provinciale

mloschiavopiccola.jpgdi Massimo Lo Schiavo*

Considerato che ad oggi, a circa  due mesi dalla precedente nota , non sono stati ancora eseguiti i lavori di cui in oggetto, Le sottopongo nuovamente la problematica che da ormai troppo tempo affligge il tratto di strada in questione. Come ben saprà, tale punto stradale, dal giorno del crollo del costone sovrastante è rimasto parzialmente ricoperto dai detriti e delimitato, quindi, da un transennamento che impegna interamente la carreggiata lato monte. Tale delimitazione, come già specificato nelle precedente nota, genera nella carreggiata opposta un doppio senso alternato esteso per tutta la delimitazione. Se si considera che: l’area transennata interessa un tratto di strada particolarmente difficoltoso per la guida a causa della presenza di una serie di curve che occludono la visibilità; la cartellonistica di segnalazione di pericolo è costantemente abbattuta dal vento in quanto sostenuta da semplici blocchi di pietra e qualche tavola; non esiste un sistema di controllo del flusso veicolare tale da consentire una regolamentazione del doppio senso, cosicché spesso si rischia lo scontro dei veicoli provenienti da direzioni opposte; la continua caduta di materiale dal costone genera uno stato di pericolo che non può essere ancora lasciato alla mercé  delle intemperie e dell’indifferenza. Quanto sopra esposto esemplifica in poche parole la gravità del contesto che interessa l’area descritta e che solo per fortuna non ha ancora provocato incidenti. Senz’altro, il fatto che finora questo tratto della sp 182 sia stato attraversato solo da un flusso limitato di veicoli e comunque da guidatori che conoscono bene il territorio, ha molto contenuto la possibilità di sinistri. Come si sa, la stagione turistica porta sull’Isola un incremento del transito veicolare tale da non potersi conciliare con stati di precarietà stradale come quello esposto. Alla luce di quanto relazionato, si spera che Codesto spett. Ente possa intervenire al più presto possibile, fugando così  non soltanto le responsabilità e i pericoli connessi alla problematica descritta ma anche ogni dubbio e critica in merito alla capacità e al potere di un ente rispettabilissimo come quello rappresentato dalla Provincia di Messina.

*Sindaco del Comune di Santa Marina Salina

Eolie, l’associazione commercianti ha il suo sito

fbertepiccola.jpgdi Francesco Bertè*

Voglio far presente che dal giorno 26 Febbraio 2010 sarà disponibile il Sito Ufficiale dell’Associazione Commercianti Isole Eolie, ancora è in fase di sistemazione grafica e tecnica, al più presto sarà aggiornato per dare la possibilità a tutti i soci e non di consultare eventuali programmazioni, eventi e riunioni riguardante l’associazione. Per accedere al sito cliccare il seguente link: http://asscommeolie.xoom.it. Per qualsiasi richiesta non esitate a contattare la Segreteria, scrivendo un’E-Mail a: asscommeolie@alice.it, vi sarà dato qualsiasi chiarimento o informazione.

*Segretario Associazione Commercianti Eolie

 

Lipari&Politica, scontro Coppolina-Giorgianni

scoppolinapiccola.jpgdi Salvatore Coppolina*

Eg. Direttore,

mi sia consentito replicare alle esternazioni del “redivivo” Marco Giorgianni, svegliatosi in questi giorni dal torpore politico nel quale era caduto, per sentenziare sulle regole etiche cui deve conformarsi la politica eoliana, lanciando accuse e insinuazioni attraverso le pagine dei “Notiziari online”. Mi chiedo infatti da quale pulpito viene la predica! Ribadisco con estrema fermezza che non si accettano lezioni di stile e di moralità politica dal sig. Marco Giorgianni che quale amministratore nella passata giunta municipale presieduta dal sindaco Mariano Bruno, si è distinto propio per l’incoerenza e l’opportunismo politico delle scelte perpretate, facendone il vessillo del proprio operato amministrativo e della sua perdente campagna elettorale. Mi smentisca pure il rag. Giorgianni, se ci riesce, ma ricordi anche ai cittadini che per 5 anni, in qualità di assessore all’urbanistica, al decentramento e alle politiche giovanili nel Comune di Lipari, ha avalalto tutte, nessuna esclusa, le iniziative dell’amministrazione Bruno, anche le piu’ scellerate e devastanti per la comunità, votando all’unanimità e non facendo mai mancare al sindaco Bruno il proprio sostegno personale e quello del suo partito, l’Udc. Complimenti per la grande coerenza e per l’etica politica dimostra!!! Concludo ribadendole che l’Mpa, renderà conto del proprio operato esclusivamente alla comunità eoliana, in ossequio al mandato ricevuto. Continueremo pertanto la nostra azione di stimolo, il nostro impegno coerente, libero da condizionamenti e nell’esclusivo interesse del paese, senza avere timore di esprimere il dissenso, qualorsa si perdessero di vista il bene comune e gli impegni assunti e sottoscritti nel programma di governo.

*Segretario Mpa Eolie